Serie a Live

Juventus-Fiorentina: 0-3! La rivincita di Prandelli, ko per la Juve

La Fiorentina annichilisce fuori casa la Juventus, vincendo l'ennesima sfida contro i rivali storici. Una bella rivincita per Prandelli. La cronaca

Juventus-Fiorentina: 0-3! La rivincita di Prandelli, ko per la Juve

La Juventus di Andrea Pirlo scende in campo nella serata in cui la lega ha ufficializzato la disputa della gara con il Napoli, rimuovendo tre punti ai bianconeri. Un brutto boccone da digerire che aumenterà le motivazioni a recuperare i punti (momentaneamente) persi contro però una viola che si sta pian piano risvegliando.

 

La sfida tra le due squadre non è mai banale.

 

Juventus-Fiorentina: dove vederla in televisione

  • Sky Sport (202);

  • Sky Calcio 1 (251).

 

Juventus-Fiorentina: le formazioni:

JUVENTUS (3-4-1-2): Szczesny; De Ligt, Bonucci, Danilo; Cuadrado, Bentancur, Rabiot, Chiesa; McKennie; Morata, Ronaldo. All. Pirlo. 

 

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Caceres; Venuti, Amrabat, Pulgar, Castrovilli, Biraghi; Vlahovic, Ribery. All. Prandelli.

 

Juventus-Fiorentina: 0-1 (Vlahovic)

Tutto pronto all’Allianz stadium perché la sfida tra Juventus e Fiorentina. La gara prende subito una piega incredibile al 3’ minuto:Ribery lancia Vlahovic sul filo del fuorigioco, che salta De Light battendo il portiere bianconero. Vantaggio viola a Torino e terzo goal consecutivo per il giovane attaccante che sta crescendo sempre di più in queste ultime giornate. I padroni di casa tentano subito il riscatto, ma  i viola pressano alto e rischiano di ripartire due volte su errore di paleggio da parte dei centrocampisti.

 

Al 18’ altro evento eclatante che cambia ulteriormente la partita. Cuadrado dopo aver errato il controllo colpendo malissimo Castrovilli nella speranza di anticiparlo. In un primo momento semplice ammonizione per il colombiano che però viene espulso dopo il richiamo del VAR. Pirlo si ritrova al 20’ in svantaggio di risultato e di uomini. Dentro Danilo per Ramsey allora, in modo tale da ristabilire per lo meno la fase difensiva, da qualche minuto in difficoltà. Al 22’ arriva un giallo per Biraghi che già diffidato salterà la prossima gara in Serie A. Quattro minuti più tardi il portiere polacco si deve superare con un intervento da vero fenomeno su Castrovilli, già pronto ad esultare. Poca, pochissima Juventus. Ronaldo tenta più volte la conclusione, ma tutte finiscono lontano dallo specchio. 

 

Dragowsky inizia ad attivarsi nell’ultimo quarto d’ora quando deve sventrare prima in azione personale di CR7 che però conclude male e poi su Bentacour allo scadere che ha la palla giusto per pareggiare. La Fiorentina dopo l’inizio molto carico ha rallentato il ritmo, sfruttando il tempo nel miglior modo possibile. Vedremo se nella seconda frazione vi sarà reazione per ribaltare la gara.

 

Il secondo tempo inizia subito con un cambio importante per Pirlo , che fa fuori Morata inserendo Bernardeschi. Una scelta rischiosa visto che si perde peso in area, ma con la velocità di Bernardeschi il 4-3-1-1 potrebbe mettere in difficoltà le corsie esterne degli avversari. Borja Valero in cinque minuti rischia di rimettere la gara in pari prendendo prima un giallo per fallo su Danilo e poi rischiandone un altro subito pet una brutta entrata su Bentacour.

 

L’arbitro lo grazia dopo un paio di minuti di riflessione sul da farsi. Prandelli non perde tempo e lo rimuove subito inserendo Pulgar. Ronaldo riparte molto carico, prima segnando però in fuorigioco e poi facendosi atterrare da Castrovilli, senza trovare il fischio del arbitro seppur il contatto sembra esserci. 

Al 60’ Chiesa ha la palla giusta per siglare il pareggio alla sua ex squadra facendosi servire in posizione solitaria. Al momento del controllo però non riesce a portare con se il pallone in area incartandosi e sprecando così una occasione ghiotta. Pirlo inserisce a 20 minuti dalla fine Kulusewki per Mckannie per giocarsi il tutto per tutto. Juve molto scoperta in mezzo al campo, i due terzini sono esterni offensivi. Esce anche un eccezionale Vlahovic, che al di fuori del goal si è dimostrato incredibilmente duttile nel recupero palla e nel possesso con i compagni.

 

Al 76’ la gara cambia nuovamente, definendosi su una sola direzione: Biraghi mette una palla in mezzo su cui si avventa involontariamente Alex Sandro imbucando il suo portiere. Risultato che vede la Fiorentina avanti di due reti. Una doccia fredda per una Juventus che ha avuto più volte la palla giusta per pareggiare. Al 81’ poi lo spettacolo prende una visione sempre più incredibile. Biraghi nuovamente mette un cross basso su cui Caceres da pochi passi non sbaglia, insaccando il tris. Una gara che prende una piega dal pronostico impossibile. Esce Ribery finalmente splendente per Venuti. La gara termina così, tra lo stupore generale una meravigliosa Fiorentina annichilisce la Juventus.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA