Tempo di bilanci

Cronaca Italiana 2020, i 15 fatti più importanti : cosa è successo?

Nell’anno della pandemia da Covid, non si devono dimenticare l’inaugurazione del nuovo ponte di Genova, del Mose a Venezia o del ritorno di Silvia Romano

Cronaca Italiana 2020, i 15 fatti più importanti : cosa è successo?

Il 2020 passerà alla storia senz’altro come l’anno della pandemia da Coronavirus, ma se il Covid19 non ha risparmiato alcun paese al mondo, ci sono stati eventi che hanno interessato solo l’Italia, come l’inaugurazione del nuovo Ponte di Genova a due anni dal crollo del Morandi, l’entrata in azione del Mose a Venezia, la morte di Willy Monteiro Duarte e quella di Gioele e della madre Viviana a Caronia, o la liberazione della cooperante Silvia Romano.

 

Sul fronte politico a tenere banco è lo scandalo della magistratura con la bufera su Palamara, insieme al “caso Calabria” con la ricerca di un nuovo commissario. A chiudere l’anno una prima della Scala insolitamente senza pubblico, ma in diretta tv.

 

1° Papa Francesco e lo “schiaffo” alla fedele cinese

L’anno inizia con un episodio che fa discutere (e sorridere allo stesso tempo). Dopo la celebrazione solenne del Te Deum nella basilica di San Pietro, Bergoglio si avvicina come sempre alla folla per stringere la mano ai fedeli, ma una donna cinese lo afferra per un braccio, strattonando il Santo Padre e costringendolo a tornare indietro. Lui si sottrae alla stretta e la colpisce alla mano: un gesto frutto dell’irritazione, confermato anche dallo sguardo di Papa Francesco, che però fa discutere. Mesi dopo non mancherà chi ironizzerà, sostenendo un “legame” tra la nazionalità della donna e la provenienza del coronavirus. 

 

2° Sanremo delle donne e di Rula Jebreal:

L’edizione 2020 del Festival della musica italiana è accompagnata dalle consuete polemiche della vigilia, in particolare per il previsto monologo contro la violenza sulle donne da parte della giornalista Rula Jebreal, che parla della madre, morta suicida dopo anni di soprusi. Fino a pochi giorni prima della sua presenza sul palco dell’Ariston l’apparizione della Jebreal era in forse, per le polemiche politiche sollevate soprattutto dai “sovranisti” nei confronti della scrittrice e conduttrice libanese. 

 

3° Coronavirus, il 9 marzo Italia è in lockdown:

Con un discorso in prima serata e diretta tv, il premier Giuseppe Conte annuncia l’inizio del blocco totale del Paese a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus. La misura scatta dopo il primo focolaio accertato in Italia, a Codogno (LO), in Lombardia, e l’individuazione del paziente numero 1, Mattia, 38enne di Castiglione d’Adda. Successivamente viene segnalato un secondo focolaio a Vo’ Euganeo. 

 

4° Silvia Romano torna a casa:

Il 15 maggio la cooperante della Ong Africa Milele atterra all’aeroporto di Ciampino con un volo partito da Mogadiscio, dopo 18 mesi di sequestro tra la Somalia e il Kenya. Ad attendere la 23enne, che indossa lo jilbad, l’abito delle donne islamiche somale, ci sono i genitori, alla sorella e il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. Al procuratore che indaga sul suo rapimento da parte di una banda di criminali locali con legami con Al Shabaab (movimento a sua volta legato ad al Qaeda) racconta di essersi convertita volontariamente al Corano.

 

5° Scandalo della magistratura. Il “caso Palamara”:

Il 29 maggio arriva la notizia della bufera che travolge la magistratura, in particolare Luca Palamara, ex presidente dell’ANM (Associazione nazionale magistrati) ed ex componente del Consiglio superiore della magistratura. La Procura di Perugia indaga per corruzione: l’ipotesi è che Palamara abbia favorito o cercato di agevolare alcune nomine in cambio di favori (Viaggi, denaro e regali). Il caso Palamara porta a una serie di dimissioni a catena, oltre all’avvio di un’azione disciplinare per 27 magistrati.  

 

6° Covid, la fine del lockdown in Italia:

Il 18 maggio segna la fine del lockdown iniziato ufficialmente il 9 marzo. Per l’Italia inizia la fase 2, dopo 69 giorni di blocco totale, con la graduale ripresa alla possibilità di movimento, la riapertura dei negozi e delle attività. Restano chiuse, invece, le scuole. Da giugno poi inizia anche la fase 3, con la riapertura anche dei confini tra Regioni e verso/da per l’estero. 

 

7° Il giallo estivo di Caronia:

E’ il caso estivo che tiene col fiato sospeso gli italiani, riguarda la scomparsa e poi il ritrovamento senza vita del piccolo Gioele, 4 anni, e della madre Viviana a Caronia, lungo l’autostrada Messina-Palermo. E’ il 3 agosto, infatti, quando la Dj 43enne scompare dopo un incidente stradale. I corpi sono poi ritrovati, ma fino a novembre restano aperte tutte le ipotesi investigative fino a quando il Corriere della Sera anticipa le conclusioni della Procura di Patti, secondo cui la donna avrebbe litigato col marito, un mese prima dell’incidente. Poi avrebbe ingerito 8 pillole di un antipsicotico avvalorando l’ipotesi dell’omicidio-suicidio. 

 

8° Genova dimentica il Morandi col nuovo ponte 

E’ il 4 agosto quando a Genova viene inaugurato, seppure tra misure di sicurezza e limitazioni, il nuovo ponte San Giorgio, che sostituisce il viadotto Morandi crollato il 14 agosto di due anni prima. Tutto il mondo riprende la cerimonia, che viene accompagnata dal sorvolo da parte delle Frecce Tricolori. 

 

9° L’omicidio di Willy Monteiro a Colleferro 

E’ un caso che sconvolge l’Italia e arriva a mobilitare anche influencer come Chiara Ferragni. Il 21enne Willy Monteiro Duarte muore dopo un pestaggio nella notte tra il 5 e il 6 settembre a Colleferro, in provincia di Roma. Sono indagati i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, entrambi lottatori di MMA (Mixed Martial Arts), Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. 

 

10° Referendum sul taglio dei parlamentari

Il 20 e 21 settembre si vota in diverse amministrazioni regionali e locali, e per il referendum costituzionali sul taglio dei Parlamentari. E’ il quarto di questo tipo nella storia della Repubblica e vince il sì, sfiorando il 70% e con il 53,52% di affluenza. La conseguenza è che dalla prossima legislatura ci saranno 345 parlamentari in meno (230 deputati e 115 senatori).  

 

11° Venezia “salvata” per la prima volta dal Mose

Il 3 ottobre si alza per la prima volta il Mose, il sistema di 78 paratie che salva Venezia dall’acqua alta. L’opera, oggetto anche di inchieste e polemiche per i costi elevatissimi, permette alla città lagunare di non essere allagata e viene messo in funzione anche a dicembre, nonostante non sia ancora a regime. L’8 dicembre, invece, a causa di un errore nelle previsioni, il Mose non si alza e l’acqua alta paralizza Venezia.

 

12° L'arresto di Paolo Genovese:

Il 43enne fondatore di Facile.it viene arrestato a Milano con le accuse di violenza sessuale, spaccio di droga e sequestro di persona. L’imprenditore viene denunciato da una 18enne che parla di stupro nell’attico di proprietà dell’imprenditore, durante una festa a base di alcol e droga. La notizia scuote il mondo dell’imprenditoria e non solo. Nei giorni seguenti emerge anche che a denunciare il chiasso proveniente dall’appartamento di Genovese era stato il ballerino Roberto Bolle, che abita nello stesso edificio. 

 

13° Il caso Calabria: commissario cercasi:

Si chiude il 28 novembre il “caso Calabria” con la nomina di Guido Longo, ex prefetto di Vibo Valentia e questore a Reggio Calabria. La Regione ha dunque un nuovo responsabile alla Sanità dopo le dimissioni di Cotticelli, Zuccatelli e Gaudio, i primi due travolti dalle polemiche e l’ultimo dopo la sua rinuncia indicando come motivazione il rifiuto della moglie a trasferirsi in Calabria.

 

14° La morte del piccolo Joseph in un naufragio:

Il bimbo muore in un naufragio nel Mediterraneo, tra le grida strazianti della madre, originaria della Guinea, che chiede aiuto. Entrambi erano già stati salvati grazie all’intervento della ong spagnola Open Arms. Il suo corpo riposa nel cimitero dei migranti a Lampedusa.

 

15° Prima della Scala senza pubblico, ma in diretta tv

Per la prima volta l’evento che tradizionalmente apre la stagione lirica del teatro Piermarini di Milano e che richiama vip, rappresentanti delle istituzioni e della politica avviene senza pubblico, a causa dell’emergenza Covid. Viene organizzato uno spettacolo differente, intitolato “A riveder le stelle” come buon auspicio e aperto dall’Inno di Mameli cantato anche dai lavoranti. Trasmesso in diretta tv, vede tra i protagonisti sul palco anche Roberto Bolle.

 

Un discorso a parte meritano i personaggi famosi, scomparsi o vittime di incidenti: si va dall’addio a Paolo Rossi, il 10 dicembre, al drammatico incidente ad Alex Zanardi, che tiene col fiato sospeso gli italiani per diversi giorni. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA