Covid, Italia zona arancione il 9 e 10 gennaio cosa si può fare

Accordo vertice governo: il 9 e 10 gennaio Italia zona arancione, con ristoranti e bar chiusi e con il divieto di uscire dal Comune, coprifuoco anticipato

Covid, Italia zona arancione il 9 e 10 gennaio cosa si può fare

E' terminato il vertice fissato per oggi domenica 3 gennaio tra il premier Conte e i capi delegazione di Pd, M5s, Iv e Leu, in base alle indiscrezioni dal 7 gennaio si torna al sistema delle aree colorate ma il 9 e 10 gennaio l'Italia sarà arancione già a partire dal prossimo weekend. È questa l’ipotesi su cui starebbe lavorando il governo circa la nuova stretta in queste ore. 

 

Alla riunione, che è terminata dopo diverse ore, hanno partecipato il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, il coordinatore del Cts Agostino Miozzo, il presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro e il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli. A breve, il ministro della Salute Roberto Speranza dovrebbe anche incontrare il Comitato tecnico-scientifico e i membri della Cabina di regia per il monitoraggio regionale.

 

Italia zona arancione il 9 e 10 gennaio

Stando alle indiscrezioni pubblicate dal Corriere della Sera, nella riunione di oggi si sarebbe raggiunto un accordo sul fatto che il 9 e il 10 gennaio l’Italia sarà tutta in zona arancione, quindi con ristoranti e bar chiusi e con il divieto di uscire dal proprio comune. A breve dunque arriverà un’ordinanza del ministro Roberto Speranza, dopodiché si valuteranno nuove restrizioni per la settimana dal 10 al 15 gennaio, facendo sempre attenzione al monitoraggio della cabina di regia: secondo il Corsera, il coprifuoco potrebbe essere anticipato dalle 20 e inoltre con l’indice Rt sopra 1 potrebbe anche far scattare automaticamente la zona rossa.

Dunque si va verso un provvedimento ponte dal 7 al 15 gennaio.

 

Riapertura scuola dal 7 gennaio al 50%

La didattica in presenza al 50% nelle scuole deve ripartire dal 7 gennaio. E' quanto avrebbe detto il premier Giuseppe Conte, secondo quanto appreso dall'ANSA, nel corso del vertice con i capidelegazione della maggioranza, il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia e membri del Cts.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA