La proroga

Covid, Stato di emergenza fino al 31 luglio. La proroga

Stato di emergenza covid proroga al 31 luglio e nuovo Dpcm entro il 15 gennaio, o decreto legge. Ecco le prossime mosse del governo Conte, crisi a parte

6 gennaio 2021 13:14
Covid, Stato di emergenza fino al 31 luglio. La proroga

Nel nuovo Dpcm, o decreto legge, che arriverà entro il 15 gennaio, il governo Conte mira alla proroga dello stato d'emergenza fino al 31 luglio 2021 e alle nuove misure in vigore dal 16 gennaio. Quindi le certezze sono: lo stato di emergenza e la conferma del sistema a fasce di colore con la suddivisione delle Regioni in zona gialla, arancione e rossa con la modifica più restrittiva dell'indice di contagio Rt a partire dall’11 gennaio dopo il report dell’Iss l’8 gennaio.

 

Stato di emegenza fino a luglio:

Stato di emergenza prorogato al 31 luglio e nuovo Dpcm, o decreto legge, sono queste le prossime mosse dell'esecutivo dopo che il decreto legge 5 gennaio 2021 n. 1 è stato pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale ed è entrato in vigore da oggi 6 gennaio. 

Entro il 15 gennaio, crisi di governo a parte, il governo Conte deve varare il nuovo decreto legge e il nuovo Dpcm, tendendo conto del piano vaccinazione a rilento e il rischio di terza ondata covid. Per questo, come ha anticipato Conte durante la conferenza stampa di fine anno a Villa Madama, l'esecutivo è pronto a prorogare di altri sei mesi, ovvero fino al 31 luglio, lo stato d'emergenza

 

Cos'è lo stato di emergenza:

Lo stato di emergenza è una procedura giuridica attivabile dal Consiglio dei Ministri in caso di eventi eccezionali come nel caso della pandemia da Covid-19, terremoti o alluvioni. Come sancito dall’articolo 6 della Costituzione, lo stato di emergenza ha la facoltà di limitare le libertà personali per motivi sanitari.

 

Il suddetto stato, viene deliberato dal consiglio dei ministri su proposta del presidente del Consiglio e può avere una durata massima di 12 mesi, probabile per un altro anno. In questa condizione è possibile inoltre derogare alle norme di legge attraverso il potere di ordinanza che in genere viene assegnato al capo della protezione civile. 

 

Cosa comporta la proroga dello stato di emergenza:

Lo stato d'emergenza è regolato dalla legge 24 febbraio 1992 n. 225 (Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile) modificata dal D.L. n. 59/2012 (Disposizioni urgenti per il riordino della protezione civile). Ma cosa comporta esattamente la proroga dello stato di emergenza fino a luglio? Consente al governo di interevenire ad esempio:

  • limitare le libertà di movimento e spostamento;

  • imporre aperture e chiusure di attività;

  • navi per tenere in quarantena i migranti,

  • bloccare l'ingresso in Italia da altri paesi;

  • prolungare smart working,

  • pagamento scaglionato delle pensioni,

  • possono essere istituite eventuali "zone rosse"

  • misure straordinari sulla scuola.

  • il governo può intervenire velocemente anche sugli eventi (decidendo per ingressi contingentati) e su un ritorno graduale alla normalità. 

  • attivare il sistema Gros che «è la centrale operativa remota di soccorso sanitario per cui in mancanza di posti letto in una regione, Gros interviene per la ripartizione e il trasferimento dei pazienti in altre regioni».

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA