Caos USA

Le reazioni all’assalto Congresso USA: da Joe Biden a Giuseppe Conte

Per il presidente eletto “assedio senza precedenti”. Dura condanna da Boris Johnson a Ursula Von der Leyen. Conte “Violenza incompatibile con la democrazia”

Le reazioni all’assalto Congresso USA: da Joe Biden a Giuseppe Conte

“La violenza deve finire e deve finire adesso” ha commentato a caldo Joe Biden, proprio mentre andava in scena l’assalto al Campidoglio a Washington da parte dei sostenitori del suo predecessore, Donald Trump. “Faccio appello perché la democrazia possa andare avanti” ha detto il Presidente eletto, che poi si è rivolto proprio a Trump: “Le parole di un Presidente contano – ha ammonito - Non importa quanto sia positivo o negativo questo Presidente. Le parole di un Presidente possono ispirare nel bene, ma nel peggiore dei casi possono anche incitare a qualcosa di negativo”.

Duri e allarmati i commenti anche dei leader europei (e non solo) alle immagini di quanto accaduto al Campidoglio, che hanno fatto il giro del mondo. 

 

Giuseppe Conte: “Preoccupato, ma confido nelle istituzioni Usa”

"Seguo con grande preoccupazione quanto sta accadendo a Washington. La violenza è incompatibile con l'esercizio dei diritti politici e delle libertà democratiche”. Così il premier, Giuseppe Conte, che ha aggiunto: “Confido nella solidità e nella forza delle Istituzioni degli Stati Uniti".

 

Dal Regno Unito alla Germania: dura condanna per l'assalto a Washington

Una condanna ferma all'assalto a Washington è giunta dal premier britannico, Boris Johnson, che ha parlato di “scene vergognose” esortando a un passaggio di poteri tra Trump e Biden “pacifico e ordinato”. A fargli eco anche il suo ministro degli Esteri, Dominic Raab: “Niente può giustificare questi violenti tentativi di impedire il passaggio di potere legale e conforme".

Per il vice cancelliere tedesco e ministro delle Finanze, Olaf Scholz, quello a Capitol Hill è stato un “attacco insopportabile alla democrazia” e la dimostrazione che “le parole infiammatorie si trasformano in azioni violente”, mentre il ministro degli Esteri di Berlino, Heiko Maas, ha esortato Trump e i suoi sostenitori a "smetterla di calpestare la democrazia”. Stessa posizione per il presidente francese, Emmanuel Macron, che ha detto: “Non cederemo mai alla violenza di chi vuole mettere a rischio la democrazia”. 

 

Assalto Congresso USA, Von Der Leyen, “Fiducia negli Usa”

Un messaggio di speranza è stato rivolto, invece, dalla presidente della Commissione Ue, Ursula Von Der Leyen, che ha detto: “Credo nella forza delle istituzioni e della democrazia statunitensi. La transizione pacifica del potere è al centro” aggiungendo il pieno sostegno a Joe Biden: “Ha vinto le elezioni. Non vedo l'ora di lavorare con lui come prossimo presidente degli Stati Uniti”. Preoccupato per quanto accaduto anche il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, mentre per il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, “I voti democratici devono essere rispettati”.

L’Alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Josep Borrell, ha denunciato un attacco senza precedenti alla democrazia americana, mentre il presidente del Consiglio UE, Charles Michel, ha definito “uno shock” assistere alle scene di Washington. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA