La voragine a Napoli

Napoli, voragine di 2000 mq nel parcheggio dell'ospedale

All'alba di questa mattina una voragine si è aperta nel parcheggio dell'Ospedale del Mare a Napoli. Evacuato e chiuso il Covid Residence, indagini in corso

8 gennaio 2021 13:28
Napoli, voragine di 2000 mq nel parcheggio dell'ospedale

Un'ampia voragine si è aperta questa mattina nel parcheggio dell’Ospedale del Mare a Napoli, fortunatamente deserto.

Il cedimento, avvenuto tra le 6:30 e le 6:45, secondo la nota diffusa dall’Asl Napoli 1, è stato accompagnato da un forte boato, che ha spaventato personale sanitario, pazienti e residenti.

Secondo le prime ipotesi, potrebbe essere stato causato da infiltrazioni d'acqua nel sottosuolo. Al momento quindi si esclude la natura dolosa. Sul posto si sono recati i Vigili del Fuoco e i carabinieri.

La voragine è profonda circa 20 metri e interessa un’area di 2000 metri quadrati.

 

Voragine Napoli, evacuato e chiuso il Covid Residence

Al momento non si registrano vittime né feriti: la voragine ha inghiottito però alcune auto. 

Saranno comunque effettuate indagini più approfondite per escludere del tutto che possano esserci delle persone coinvolte nel crollo.

 

Il cedimento, avvenuto nei pressi dell’Ospedale del Mare nel quartiere Est di Ponticelli della città, ha causato l’interruzione dell'elettricità del nosocomio, ma il presidio è alimentato dai gruppi elettrogeni che quindi stanno garantendo la sua piena operatività.

 

L'Asl di Napoli 1 ha subito comunicato che sarebbe stato evacuato e temporaneamente chiuso il Covid Residence, creato la scorsa primavera a causa dell'emergenza sanitaria, per impossibilità a garantire acqua calda ed energia elettrica.

 

Voragine parcheggio dell'ospedale del Mare, in corso accertamenti

Sono  in corso ulteriori accertamenti, mentre la Procura ha aperto un'inchiesta.

 

Secondo quanto riportato dall'AdnKronos, i Vigili del Fuoco hanno per ora individuato sei auto: ci vorranno giorni per rimuovere le macerie.  


Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha effettuato un sopralluogo in mattinata, accompagnato dal direttore generale dell'Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva.

 

Parlando con i giornalisti intervenuti sul posto ha sottolineato che «Non dobbiamo rallentare, non dobbiamo perdere un minuto. Il parcheggio è crollato e questo non ha portato danni né in termini di impiantistica né di vite umane. Ora bisogna fare un lavoro attento, un sondaggio geologico, dobbiamo vedere come siamo combinati anche in altre parti del territorio.»

 

Secondo il governatore infatti si è trattato di un problema "idreogeologico" di cui "si è preso atto".

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA