Chi esce e chi entra

Toto ministri Conte Ter: in pole Rosato all’Interno e Boschi al Lavoro

La crisi di governo fa scattare il toto ministri, con Delrio in corsa per i Trasporti e Rosato all’interno. Maria Elena Boschi al Lavoro o Infrastrutture

12 gennaio 2021 15:21
Toto ministri Conte Ter: in pole Rosato all’Interno e Boschi al Lavoro

Ore concitate per l’esecutivo, con una crisi di governo in vista alla luce delle divergenze in seno alla maggioranza emerse con più forza sull’onda del Recovery Plan.

 

Italia Viva darà il suo appoggio al Recovery fund italiano ma poi due delle sue ministre, Teresa Bellanova ed Elena Bonetti, dovrebbero dimettersi aprendo la crisi di governo.

 

Crisi di governo: si apre lo scenario Conte ter

Il presidente del Consiglio Conte non avrebbe alcuna intenzione di dimettersi mentre il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, spinge per un nuovo governo guidato da un leader del Pd.

 

Si va verso un Conte ter visto che non ci sono gli estremi per un rimpasto.

 

La crisi di governo fa scattare il toto ministri, con Delrio in corsa ai Trasporti e Rosato all’interno.

 

Toto ministri: Lamorgese ai Servizi segreti, Maria Elena Boschi al Lavoro

Si studiano nuovi assetti di governo in vista della costituzione di un nuovo esecutivo, con e senza Conte alla guida. Per ora si tratta solo di ipotesi, tutte da convalidare.

 

S’inizia con il nome di Luciana Lamorgese, attualmente ministra dell’Interno che potrebbe ricevere da Conte la delega ai Servizi segreti per lasciare la poltrona del Viminale a Ettore Rosato o Lorenzo Guerini.

 

I renziani premono affinché Maria Elena Boschi occupi la casella del ministero del Lavoro, con Raffaella Paita sottosegretario, anche se l’idea non piace proprio per niente agli esponenti del Movimento 5 stelle, preoccupati per la tenuta del Reddito di Cittadinanza.

 

Graziano Delrio potrebbe tornare ai Trasporti mentre il pentastellato Giancarlo Cancelleri potrebbe finire alle Infrastrutture nel caso in cui si decidesse di spaccare in due il dicastero, anche se Zingaretti continua a sponsorizzare Paola De Micheli.

 

Il ministero del Sud piace soprattutto al M5s, intenzionato ad affidarlo a Francesco D’Uva o a Cancelleri.

 

Per il ruolo di sottosegretario alla presidenza del Consiglio, attualmente coperto dal grillino Riccardo Fraccaro, spuntano i nomi dei dem Goffredo Bettini e Andrea Orlando in lizza anche per il ministero dell’Ambiente, con la delega al Recovery fund.  

 

Difesa, Economia ed Esteri restano i dicasteri blindati ad indirizzo del Quirinale.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA