Novità in Vaticano

Papa Francesco, spazio alle donne sull’altare. Ecco cosa cambia

Papa Francesco ha deciso di modificare un paragrafo del Codice di Diritto canonico, per l'accesso delle donne ai ministeri del Lettorato e dell'Accolitato

Papa Francesco, spazio alle donne sull’altare. Ecco cosa cambia

Papa Francesco apre alla presenza delle donne sull'altare.

Nella Lettera apostolica «Spiritus Domini», in forma di Motu Proprio, ha infatti disposto la modifica di un paragrafo del Codice di Diritto canonico, rendendo istituzionale il loro accesso ai ministeri del Lettorato e dell'Accolitato. 

 

Le fedeli che leggono le Scritture durante le celebrazioni liturgiche, o che svolgono un servizio all’altare nel ruolo di ministranti o come dispensatrici dell’eucaristia, non sono una novità assoluta.

La possibilità di svolgere i due servizi sull'altare veniva però concessa dai vescovi, senza uno specifico mandato.

 

Papa Francesco ha quindi deciso di ufficializzare questa prassi.

 

Papa Francesco, come cambia il codice di Diritto canonico sul tema

La nuova formulazione del canone quindi recita: «I laici che abbiano l’età e le doti determinate con decreto dalla Conferenza episcopale, possono essere assunti stabilmente, mediante il rito liturgico stabilito, ai ministeri di lettori e di accoliti.»

 

Eliminata quindi l’espressione “di sesso maschile” riferita ai laici.

 

Al Motu Proprio si accompagna anche una lettera indirizzata al "Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede", in cui il Pontefice spiega che «nell’orizzonte di rinnovamento tracciato dal Concilio Vaticano II, si sente sempre più l’urgenza oggi di riscoprire la corresponsabilità di tutti i battezzati nella Chiesa, e in particolar modo la missione del laicato», promuovendo e conferendo i ministeri sia agli uomini che alle donne.

 

Nel suo testo il Santo Padre evidenzia inoltre che «la scelta di conferire anche alle donne questi uffici, che comportano una stabilità, un riconoscimento pubblico e il mandato da parte del vescovo, rende più effettiva nella Chiesa la partecipazione di tutti all’opera dell’evangelizzazione

 

Papa Francesco, rimane il "no" al sacerdozio per le donne

Alle donne vengono quindi concessi due ministeri non ordinati, laicali, mentre per quelli ordinati (diaconato, presbiterato ed episcopato), non ci sono e non ci saranno cambiamenti.

 

Papa Francesco ha ricordato che “la Chiesa non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l’ordinazione sacerdotale”, utilizzando le parole di Papa Giovanni Paolo II.

 

Nel 2021 uscirà su Netflix una docuserie sul Papa, ispirata al suo libro La saggezza del tempo.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA