L’espansione

Deliveroo raccoglie nuovi fondi. Quotazione in Borsa in primavera

Deliveroo ha terminato un nuovo round di finanziamento da 180 milioni di dollari puntando dritta alla quotazione in Borsa in primavera. Vale 7 miliardi USD

Deliveroo raccoglie nuovi fondi. Quotazione in Borsa in primavera

Le consegne di cibo a domicilio stanno entrando a far parte della nostra vita, tanto che alcune aziende trovano agevolmente finanziamenti per far crescere la propria attività, sognando persino la quotazione in Borsa.

 

Deliveroo è tra queste. L’azienda londinese, esplosa durante la pandemia da Coronavirus, ha terminato un nuovo round di finanziamento da 180 milioni di dollari puntando dritta alla quotazione in Borsa in primavera.

 

L’operazione riflette la forte domanda da parte degli azionisti esistenti di investire nella società, in ragione del significativo potenziale di crescita nel settore dell’online food delivery.

 

Deliveroo completa finanziamento da 180 milioni di dollari

Dopo aver chiuso il 2019 in perdita, la piattaforma del cibo a domicilio Deliveroo prende il volo e prepara la quotazione in Borsa, complice i ricavi stellari del 2020 galvanizzati dal lockdown.

 

Le chiusure legate alla pandemia da Covid-19 hanno fatto chiudere un ottimo 2020 all’azienda inglese, con il proprio valore di mercato cresciuto fino a 7 miliardi di dollari.

 

L’online food delivery sta diventando una moda di cui nessuno può più fare a meno. La consegna di cibo a domicilio sta talmente diventando alla portata di tutti tanto da diventare un ottimo investimento.

 

Un gruppo di investitori guidati da Durable Capital Partners LP e Fidelity Management & Research Company LLC hanno deciso di investire in Deliveroo 180 milioni di dollari per consentire una ulteriore crescita e miglioramento dei servizi per ristoranti, rider e consumatori, con una particolare attenzione all’abbonamento Plus offerto dalla società.

 

Deliveroo si prepara al debutto in Borsa in primavera

Il prossimo obiettivo sarà la quotazione in Borsa, con l’IPO – l’Offerta pubblica iniziale attesa in primavera.

 

Will Shu, fondatore e ceo della società opera in quasi 800 città, lavora con più di 1.500 partner alimentari ed effettua consegne da 4.300 siti in tutto il mondo, non sembra essere per nulla spaventato dalla forte volatilità dei mercati finanziari, considerando il debutto brillante di un’altra società tech come Door Dash, che ha visto raddoppiare il prezzo delle proprie azioni nel giorno del debutto.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA