Crisi di governo

Crisi di governo, Conte oggi in Senato: orario, discorso e voto

Occorrono 61 voti favorevoli. Ieri sera la fiducia alla Camera, con 321 sì, 259 no e 27 astenuti. Il Premier: “Servono volenterosi per un paese più moderno”

Crisi di governo, Conte oggi in Senato: orario, discorso e voto

Il primo passaggio alla Camera è stato superato, con 321 voti favorevoli, 259 contrari e 27 astenuti. Oggi tocca l’esame più delicato, quello in Senato dove i numeri sono più risicati. La maggioranza assoluta sembra un obiettivo fuori dalla portata: occorrono 161 sì, mentre il Governo sembra poter contare su 154/156 voti. Si inizia alle 9.30.

Ecco il programma della giornata e cosa potrebbe accadere.

 

Senato, il discorso di Conte alle 9.30

La giornata più lunga e delicata per il premier inizia alle 9.30 con il suo discorso a Palazzo Madama. Ci si aspettano parole simili a quelle di ieri alla Camera, dove Conte ha lanciato un appello: “Sappiate che questo è il momento giusto per contribuire alla prospettiva di governo, declinata in senso europeista e anti-sovranista – ha detto il capo del Governo, aggiungendo: “Servono volenterosi, a chi ha a cuore il destino dell'Italia dico 'aiutateci'”.

Dopo Conte sarà la volta dei senatori, primi tra tutti l’avversario numero 1 del premier, Matteo Renzi, cioè il responsabile dell’attuale crisi di Governo, che già aveva parlato di “momento della verità”. Ma si attende l’intervento anche dell’altro Matteo, cioè Salvini, che insieme agli alleati di centro destra punta alla sfiducia e al ritorno alle urne. Non mancherà in aula neppure la senatrice a vita Liliana Segre, che ha deciso di raggiungere Roma, lasciando Milano, nonostante i medici glielo abbiano sconsigliato per motivi di salute e per il rischio Covid. La scrittrice ha invece deciso di partecipare al voto per sostenere l’esecutivo.

 

5 ore di discussione, il voto in serata

Il programma prevede in tutto 5 ore di discussione. Due le interruzioni previste, dalle 12,30 alle 13,30 per la pausa pranzo, e poi nel pomeriggio dalle 16,30 alle 17,30. A seguire il voto, che dovrebbe iniziare alle 19.30.

L’esito della consultazione è atteso per le 20.30. Solo a quell’ora, dunque, si saprà se il premier Conte avrà ottenuto la fiducia e dunque la riconferma, oppure no. Ma quali sono gli scenari?

 

Gli scenari possibili: maggioranza relativa e Conte ter

Cosa potrebbe accadere dipende dai numeri che emergeranno oggi in Senato, che fotograferanno la portata della crisi di Governo. I negoziati proseguiranno fino all’ultimo e potrebbero servire a convincere gli indecisi ad accogliere l’appello di Conte per arrivare alla maggioranza assoluta con 161 voti, anche se la strada appare “strettissima”, come detto dal segretario Pd, Nicola Zingaretti, che ha parlato di “Situazione molto difficile e complessa” e “passaggio molto serio e delicato”. Molto dipenderà anche dai senatori di Forza Italia, dopo che ieri Renata Polverini ha votato l’appoggio a Conte, insieme a 7 ex deputati grillini non iscritti ad alcuna componente (Piera Aiello, Nadia Aprile, Silvia Benedetti, Rosalba De Giorgi, Alessandra Ermellino, Lorenzo Fioramonti, Raffaele Trano). In caso di numeri insufficienti, il premier potrebbe salire al Colle e rimettere il suo mandato nelle mani del Capo dello Stato, Mattarella, che potrebbe decidere per le urne o per un Conte ter.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA