Si aspetta ancora

Bonus 1000 euro febbraio 2021, si attende il decreto Ristori Cinque

Il decreto Ristori 5 ritarda ancora e con lui 32 miliardi di aiuti all’Italia, alle imprese, a lavoratori dipendenti, autonomi, Partite Iva, stagionali

Bonus 1000 euro febbraio 2021, si attende il decreto Ristori Cinque

Le buone notizie sul bonus 1000 euro in arrivo per molte categorie di lavoratori, comprese le Partite Iva, sono state subito rimpiazzate da quelle brutte, che riguardano ulteriori rinvii nell’approvazione del decreto Ristori 5 e quindi dell’arrivo degli aiuti.

 

La crisi di governo ha posticipato molte cose importanti, compresa l’approvazione di questo decreto che punta a ristorare gli italiani in difficoltà causa Covid: imprese, lavoratori dipendenti ed autonomi, Partite Iva e contribuenti in lite con il Fisco.

 

Approvazione decreto Ristori 5 slitta a febbraio 2021 con fondo perduto e bonus 1000 euro

Si chiede ancora pazienza ad un popolo già stremato dalla pandemia Covid-19, con le chiusure che continuano a frenare l’economia e gli indennizzi che non arrivano a causa della crisi di governo che ha rimandato a data da destinarsi buona parte dei provvedimenti urgenti da adottare per affrontare la crisi economica.

 

Il decreto Ristori 5 ritarda ancora e con lui 32 miliardi di aiuti all’Italia, alle imprese, ai lavoratori dipendenti, agli autonomi, alle Partite Iva, agli stagionali.

Il provvedimento atteso per gennaio, ha rinviato a febbraio 2021 non solo i contributi a fondo perduto generalizzati ma anche il bonus 1000 euro per Partite Iva, stagionali, autonomi ed intermittenti.

 

Bonus 1000 euro Partite Iva, stagionali, autonomi ed intermittenti in arrivo a febbraio 2021 con Ristori 5

Italiani in trepidante attesa di sapere con esattezza se rientreranno o meno tra quelle categorie di lavoratori che il decreto Ristori 5 ha deciso di indennizzare per le nuove chiusure forzate.

 

Secondo le ultime indiscrezioni, il decreto Salva-imprese oltre a contenere contributi a fondo perduto generalizzati anche per le Partite Iva, conterrà anche un nuovo bonus 1000 euro stagionali del turismo e delle terme e degli altri settori, agli autonomi e agli intermittenti.

 

Previsto anche un bonus 1000 euro Partite Iva, per coloro che hanno aperto l’attività da almeno 3 anni, con reddito annuo inferiore ai 50mila euro e che abbiano registrato nel 2020 un calo di almeno il 33% del fatturato a causa della pandemia Covid e delle conseguenti restrizioni.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA