Europa League Live

Roma- Braga 3-1: Dzeko, Perez, Mayoral per gli ottavi di Europa League

Europa League, Roma-Braga termina 3-1, con i giallorossi che passeggiano in una sfida già decisa all’andata. Bene Dzeko e Mayoral che lasciano il timbro.

La Roma si prepara ad affrontare una serata piuttosto tranquilla di Europa League: dopo il 2-0 dell'andata in Portogallo la settimana scorsa, la squadra di Fonseca cerca stasera all'Olimpico contro lo Sporting Braga il timbro per gli ottavi di finale. Le scelte sono portate su una formazione da turnover in vista della grande sfida con il Milan, con in campo dal 1’ El Shaarawy, Pedro e Dzeko davanti. 


Roma-Braga formazioni ufficiali:

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez; Karsdorp, Cristante, Mancini; Veretout, Diawara, Villar, Bruno Peres; Pedro, El Shaarawy; Dzeko. Allenatore: Fonseca.

Braga (4-3-3): Tiago; Ze Carlos, Vittor, Orlando, Sequeira; Plazon, Novais, Gaitan; Galeno, Sporar, Horta. Allenatore: Carvalhal.

 

Roma-Braga: la cronaca della gara

I giallorossi scendono in campo con diverse seconde linee per turnover e emergenze in tutti i reparti. Cristante centrale difensivo e Veretout esterno destro a centrocampo sono la fotografia della rosa ferita di Fonseca. Da subito i padroni di casa dimostrano padronanza del campo, con un possesso palla prolungato, in cui viene incluso persino Pau Lopez. Il risultato dell’andata condiziona entrambe lei squadre e per i lupi fretta non vi è. 

 

Attento anche il Braga, in avvio, non concede spazi, sembrando voler ragionare prima di puntare la difesa avversaria. Si gioca su calci da fermi e azione manovrate, con il ritmo che stenta a decollare nei primi venti minuti. Cristante rischia due regalare una palla ghiotta agli avversari, ma il portiere spagnolo fa una ottima uscita bassa. Al 23’ s sblocca la gara sulla vera prima occasione importante della partita: El Shaarawy colpisce il palo con un gran tiro e sulla respinta Dzeko, fa palo-goal. Vantaggio dei giallorossi che si vedono dunque in vantaggio di tre reti a zero nel complessivo totale, in una gara sempre più in discesa.

Alla mezz’ora sfiora il pari il Braga, con una veloce incursione di Gaitan che serve Piazon solo dentro l’area. La conclusione però è imprecisa ed esce, graziando i ragazzi di Fonseca.

 

Poco dopo altra dormita della retroguardia giallorossa, con Sporar che dal limite calcia, facendosi murare da un intervento importante di Pau Lopez. Soffre la squadra di casa, abbindolata probabilmente dal netto vantaggio, lasciando spazi a causa delle marcature alquanto distratte. Altro lampo sul legno per i giallorossi colpiscono una traversa piena con Pedro, servito da El Shaarawy (uno dei migliori) , che cerca di prima intenzione la conclusione mancina, trovando il legno a negargli la gioia del gol. 

Finisce così il primo tempo con la Roma in vantaggio grazie alla rete di Dzeko.

 

La seconda frazione si apre subito con un cambio: dentro Pellegrini, esce Villar. È subito protagonista il centrocampo di un episodio dubbio nella propria area con Sporar, ma l’arbitro lascia proseguire. Al 12’ della ripresa viene ammonito Veretout, il primo giallo della gara. Il francese esce insieme ad El Shaarawy, lasciando spazio a Spinazzola e Perez. Poco dopo anche Dzeko (causa infortunio) da spazio a Mayoral. Dall’altra parte Carvalhal ne effettua addirittura mandando in campo Fransergio, Ricardo Horta e Ruiz, per Piazon, Gaitan e Sporar. 

 

Alla metà della secondo va vicino al pari il Braga, con la conclusione di Andre Horta sfiora i pali difesi da Pau Lopez. Una grande occasione per i portoghesi, che potevano accorciare le distanze. Reazione immediata dei ragazzi di Fonseca, che dopo un minuto si riescono a procurare un calcio di rigore grazie a Perez. Dal dischetto va Pellegrini che però angola troppo la conclusione, fallendo il raddoppio. Una grande occasione che avrebbe definitivamente messo un punto, ad una gara praticamente già chiusa.

 

Ripartenza veloce della Roma, che riesce a riprendersi subito dall’errore di Pellegrini trovando il gol con Carles Perez: di sinistro lo spagnolo, col piattone al volo, sigla il suo secondo gol in Europa League in questa stagione.

Entra Mkhitaryan, che prende il posto di Pedro. Verso la fine arrivano due goal improvvisi che accendono incredibilmente una gara spenta dall'inizio: prima il Braga accorcia le distanze a causa di un autogoal di Cristante, molto confuso. Poi ci pensa Mayoral a chiuderla su una palla perfetta di Spinazzola. La Roma temporeggia rallentando i ritmi e portando il risultato in cassa, senza subire ulteriori pericoli. La strada verso gli ottavi prepara diverse insidie, ma ora la testa deve essere al campionato ed alle sfide chiave della stagione. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA