EditorialiOpinioniAnalisiInchiesteIntervisteScenariFirme
Il toto nomi

Polizia: Giannini, Pellizzari, Rizzi, candidati con le carte in regola

Per la sostituzione di Gabrielli come nuovo capo della Polizia in corsa tre dirigenti dal curriculum ineccepibile, grandi esperti di sicurezza e prevenzione

La nomina di Franco Gabrielli, a sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega ai Servizi apre la corsa al toto-nomi.

La rosa dei candidati a capo della Polizia e direttore generale della Pubblica sicurezza è (almeno sulla carta), di appena tre nomi. Eccoli: Vittorio Rizzi, Lamberto Giannini e Maria Luisa Pellizzari.

 

Capo Polizia, i candidati: il prefetto Vittorio Rizzi

Il prefetto Vittorio Rizzi, 61 anni, nato a Bologna, laureato in giurisprudenza all’università di Napoli “Federico II” è vice di Gabrielli come direttore generale della Polizia criminale dopo essere stato Direttore centrale anticrimine. Dal 1986 in polizia, Vittorio Rizzi ha seguito alcune delle indagini più importanti della cronaca italiana, partecipando a gruppi investigativi per la cattura di latitanti e per le indagini sul periodo stragista 1992/1995, gli anni degli omicidi dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e le loro scorte, e gli attentati di Via Palestro a Roma e di Via Georgofili a Firenze.

Ha diretto la squadra mobile di Venezia, Milano e Roma dove nel 2007 creò la squadra “Cold Case”, un team specializzato che ha risolto casi di omicidi rimasti per anni senza un colpevole. Rizzi è stato responsabile del Gruppo investigativo “Marco Biagi” a Bologna, quindi direttore del servizio polizia stradale, questore di L’Aquila e direttore dell’Ispettorato di pubblica sicurezza di Palazzo Chigi.

 

Polizia, i candidati: il prefetto Lamberto Giannini

Il prefetto Lamberto Giannini, è nato a Roma nel 1964. Laureato in giurisprudenza all'Università “La Sapienza” di Roma, entra nella Polizia di Stato nel 1989: da oltre venticinque anni è impegnato nella lotta all'eversione e al terrorismo interno e internazionale. Il prefetto Giannini ha diretto la Direzione centrale della Polizia di prevenzione fino allo scorso dicembre, quando il Consiglio dei ministri lo ha scelto come capo della segreteria del Dipartimento di Ps diventando di fatto il braccio destro di Gabrielli.

 

Capo Polizia, i candidati: il prefetto Maria Luisa Pellizzari

Il prefetto Maria Luisa Pellizzari, 61 anni, è nata a Montagna (Padova), il 13 ottobre, vive a Roma con il figlio Francesco. Si è laureata nel 1985 in giurisprudenza presso l'università di Padova. Maria Luisa Pellizzari è vicario del neo sottosegretario Gabrielli. Prima donna a diventare il numero 2 della Polizia di Stato, ha una lunga carriera: è stata a capo del Servizio centrale operativo, ha lavorato alla Dia, ha coordinato le indagini che hanno portato all’arresto degli esecutori della strage di Capaci e alla cattura di latitanti mafiosi, tra cui Luca Bagarella. E’ stata direttore del Servizio polizia stradale e direttore centrale degli Istituti di istruzione.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA