bye bye cashback

Notizia choc: il governo Draghi potrebbe cancellare il bonus cashback

A rischio i bonus 2021 e il cashback approvati dal governo Conte bis: non sarebbero in linea con le direttive arrivate da Bruxelles sul Recovery fund

Il nuovo esecutivo Draghi potrebbe cancellare tanti bonus varati dalla legge di Bilancio 2021 compreso il cashback, ossia il rimborso del 10% delle spese effettuate con carte di pagamento digitali fino a un massimo di 1500 euro, per un rimborso semestrale fino a 150 euro.

 

I fondi destinati al bonus cashback, pari a 5 miliardi di euro, potrebbero essere impegnati per altre priorità. Il bonus bancomat, infatti, non sarebbe propriamente in linea con le direttive arrivate da Bruxelles per ottenere gli oltre 200 miliardi di euro del Recovery fund.

 

Bonus cashback a rischio con il governo Draghi

Il governo Draghi si è messo sin da subito al lavoro sul Recovery fund per ottenere e distribuire nel migliore dei modi le risorse che l’Europa ha deciso di mettere a disposizione dell’Italia per la ripartenza post Covid. In prima linea il nuovo ministro dell’Economia, Daniele Franco, e Carmine Di Nuzzo dirigente della Ragioneria esperto in sistemi informativi e regole finanziarie europee.

 

A quanto pare le linee direttive arrivate da Bruxelles non sembrano apprezzare i tanti bonus 2021 varati dal governo Conte bis, anche per il 2021 con la legge di Bilancio 2021, preferendo di gran lunga progetti di medio lungo termine che possano essere sinonimo di crescita duratura per il Paese.

 

Il governo Draghi potrebbe dunque concentrarsi su pochi ma importanti progetti strutturali da portare avanti, che abbiano un impatto significativo non solo sulla crescita economica ma anche sul mercato del lavoro, con la possibilità di creare occupazione specie in vista della fine del blocco dei licenziamenti imposto dal governo che porterà ad una serie di licenziamenti preoccupanti per la tenuta sociale del Belpaese.

 

Addio ai bonus e al cashback con Draghi

Alla luce del ragionamento fatto sarebbero a rischio i bonus smartphone, occhiali, auto elettriche e rubinetti per la mancanza dei decreti attuativi da approvare entro determinati termini di legge, ma anche il bonus cashback.

 

Ci abbiamo messo un po’ per capire il meccanismo del cashback ed il funzionamento dell’App IO e proprio ora che avevamo capito un po’ tutto e che sono arrivati i primi rimborsi dello shopping natalizio, il progetto che rientra nel Piano Cashless Italia rischia di saltare.

 

Del resto la priorità va al Recovery fund, quindi le misure che non sono perfettamente in linea con le direttive europee rischiano di essere cancellate con un solo colpo di spugna.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA