Tasse sugli immobili

Imu, novità: sconti su rigenerazioni e più tasse su case sfitte

In arrivo un taglio delle tasse per chi decide per la rigenerazione urbana ma anche possibili aumenti per chi non utilizza gli immobili di proprietà. Novità

Imu, novità: sconti su rigenerazioni e più tasse su case sfitte

Il mondo dell’edilizia incontra il governo per fare il punto della situazione, decidendo di puntare sulle rigenerazioni con un alleggerimento delle tasse ma anche di penalizzare coloro che tengono le case sfitte.

 

Vediamo insieme le misure per il settore immobiliare contenute nel disegno di legge sulla rigenerazione urbana, sul quale è stato raggiunto un accordo in Senato lo scorso 10 marzo 2021.

 

Confedilizia e il ministro del Turismo Garavaglia parlano di rigenerazione urbana

La settimana scorsa il presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, è stato ricevuto dal ministro del Turismo, Massimo Garavaglia per parlare di rigenerazione urbana.

 

Al centro del colloquio, in particolare, i temi dell’ospitalità turistica garantita dalla proprietà immobiliare diffusa – le cui difficoltà, da un anno a questa parte, sono comuni a quelle di tutto il settore – e delle formidabili potenzialità dei borghi, la cui rigenerazione costituisce uno dei punti qualificanti della proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza che è all’attenzione del Parlamento.

 

"La strada da seguire – spiega l’Associazione punto di riferimento per tutti i proprietari di immobili – è quella della semplificazione e dell’incentivazione, elementi chiave per consentire all’Italia, nel non lontano momento di ripartenza del turismo, di sfruttare appieno le risorse di un Paese dall’attrattività ineguagliabile anche nelle aree finora meno sfruttate".

 

Il presidente di Confedilizia ha colto l’occasione per rappresentare al ministro Garavaglia anche le più urgenti istanze di ordine generale del settore immobiliare, a cominciare dalla necessità di sostenere gli affitti, abitativi e commerciali, e di porre termine al blocco degli sfratti.

 

Le rigenerazioni tagliano le tasse. Imu più cara per chi non utilizza immobili

Il 10 marzo 2021 si è raggiunto in Senato un accordo sul testo base del disegno di legge sulla rigenerazione urbana, che prevede da un lato meno tasse per gli immobili interessati da opere di rigenerazione urbana ma anche aumenti di tasse per le case sfitte.

 

Tramite una ricognizione sul territorio il Comune identifica le situazioni di degrado urbanistico riconoscendo agevolazioni importanti per chi decide di rigenerare gli immobili, magari con un’esenzione Imu, Tari e Tasi. Prevista anche la possibilità di ridurre fino al 50% la tassa sull’occupazione del suolo pubblico, una riduzione degli oneri edificatori del 10% e 600 euro per le imposte di registro, ipotecaria e catastale, 200 euro per ogni tributo.

 

L’aumento di tasse per le case sfitte, invece, potrebbe interessare le aliquote Imu e l’addizionale Irpef dello 0,2%.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA