Paracadute lavoro

Cassa integrazione 2021 e licenziamenti: proroga Dl Sostegni

Nuove misure di protezione dei lavoratori sono state decise con l’ok al decreto Sostegni: come cambia la cassa integrazione Covid e blocco licenziamenti

Cassa integrazione 2021 e licenziamenti: proroga Dl Sostegni

Il decreto Sostegni da 32 miliardi di euro approvato il 19 marzo 2021 riscrive le misure per il lavoro del 2021, decidendo una proroga della cassa integrazione e del blocco dei licenziamenti.

 

Cosa cambia con le nuove misure per il lavoro varate con il decreto Sostegni? Fino a quando le imprese potranno usufruire della cassa integrazione e quando verrà tolto lo stop ai licenziamenti?

 

Decreto Sostegni: 10 miliardi per lavoro e misure contrasto povertà

11 miliardi di euro alle imprese con i contributi a fondo perduto e 10 miliardi per il lavoro sono stati stanziati dal decreto Sostegni approvato il 19 marzo 2021 dal Consiglio dei Ministri, che ha apposto la firma al primo provvedimento sui ristori del governo Draghi. A breve ne seguirà un altro, il decreto Sostegni bis, con un nuovo scostamento di bilancio da chiedere al Parlamento ad aprile.

 

Tra le importantissime misure a sostegno dei lavoratori e di contrasto alla povertà varate dal decreto Sostegni, ci sono:

  • la proroga del blocco dei licenziamenti fino al 30 giugno 2021;

  • la proroga della Cassa integrazione guadagni;

  • il rifinanziamento, per 400 milioni di euro, del Fondo sociale per occupazione e formazione;

  • una indennità di 2.400 euro per i lavoratori stagionali e a tempo determinato e di importo variabile tra i 1.200 e i 3.600 euro per i lavoratori sportivi;

  • il rifinanziamento nella misura di 1 miliardo di euro, del fondo per il Reddito di Cittadinanza, al fine di tenere conto dell’aumento delle domande;

  • il rinnovo, per ulteriori tre mensilità, del Reddito di emergenza e l’ampliamento della platea dei potenziali beneficiari;

  • l’incremento di 100 milioni di euro del Fondo straordinario per il sostegno degli enti del terzo settore;

  • la proroga degli interventi per i lavoratori in condizioni di fragilità.

 

Come cambia cig Covid e blocco licenziamenti con Dl Sostegni

Riguardo alle misure a protezione dei lavoratori il governo Draghi, in attesa di una seria Riforma degli Ammortizzatori sociali a firma Orlando, ha deciso una proroga della cassa integrazione ordinaria senza contributi addizionali fino al 30 giugno 2021 (13 settimane in più) e una proroga della Cassa integrazione in deroga e assegno ordinario legati all’emergenza Covid fino al 31 dicembre 2021 (ulteriori 28 settimane).

 

Le domande vanno presentate all’Inps entro la fine di aprile 2021.

 

Prorogata anche la cassa integrazione salariale per operai agricoli (Cisoa) per un massimo di 120 giorni fino al 31 dicembre 2021.

 

Relativamente al blocco dei licenziamenti, invece, lo stop è stato prorogato fino:

al 30 giugno 2021 per i lavoratori delle aziende che dispongono di CIG ordinaria e CIG straordinaria (soprattutto industria e agricoltura);

al 31 ottobre 2021 per i lavoratori delle aziende coperte da strumenti in deroga (soprattutto terziario).

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA