Le novità

Bonus covid 2400 euro 2021: in automatico o con domanda Inps

L’INPS ha reso noto le modalità per la richiesta del bonus da 2400 euro, previsto dal decreto Sostegni per alcune categorie di lavoratori. Le indicazioni

Bonus covid 2400 euro 2021: in automatico o con domanda Inps

Il decreto Sostegni, il primo del Governo Draghi pubblicato questa settimana in Gazzetta Ufficiale, contiene una serie di misure urgenti per far fronte alle conseguenze economiche della pandemia, realizzate con uno stanziamento di 32 miliardi di euro.

Tra queste, anche un bonus di 2400 euro una tantum per determinate categorie di lavoratori.

L’INPS, con il messaggio n.1275 del 25/03/2021, ha comunicato le istruzioni per poter ricevere l'indennità prevista dal Governo.

 

Bonus 2400 euro 2021: a chi spetta

Il bonus Covid di 2400 euro spetta alle seguenti tipologie di lavoratori:

  • intermittenti;

  • autonomi occasionali;

  • incaricati alle vendite a domicilio;

  • a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;

  • dello spettacolo.


Rispetto al decreto Ristori, in cui era stato già previsto il bonus Covid di 1000 euro, nel decreto Sostegni è stata ampliata la platea dei destinatari della misura, includendo quindi i lavoratori in somministrazione presso aziende di settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali. 

Inoltre, per ciò che riguarda i lavoratori dello spettacolo, è stato aumentato il tetto massimo di reddito annuo, da 50.000 a 75.000 euro, per poter avere l’accesso all’indennità (mantenendo sempre il requisito di 30 giornate di contributi.)

Le precedenti disposizioni prevedevano infatti, in un certo arco temporale, almeno sette contributi giornalieri e un reddito non superiore a 35.000 euro; oppure almeno trenta giornate di contributi e un reddito non superiore a 50.000 euro.

 

Pagamento in automatico o domanda per il bonus da 2400 euro? I chiarimenti INPS

Secondo quanto comunicato dall’INPS, chi ha già beneficiato del bonus di 1000 euro previsto dal decreto Ristori non dovrà presentare domanda bonus stagionali 2021, intermittenti ecc,

L'indennità onnicomprensiva di 2400 euro sarà infatti erogata in automatico.


Tutti coloro che, al contrario, non l’hanno richiesta nel 2020, così come i lavoratori ora inclusi nell’indennità, possono presentare domanda esclusivamente per via telematica entro il 30 aprile 2021, utilizzando consueti canali messi a disposizione per i cittadini e per gli Enti di Patronato sul sito internet dell’INPS.

 

Bonus 2400 euro 2021 Dl Sostegni: le incompatibilità

L’INPS ricorda che, nel caso in cui il lavoratore rientri in più di una categoria di potenziali beneficiari, il bonus di 2.400 euro potrà essere corrisposto una sola volta, non essendo cumulabili.

Al contrario, le indennità sono cumulabili con l’assegno ordinario di invalidità.


Inoltre l'Istituto sottolinea che il bonus di 2.400 euro non concorre alla formazione del reddito ai fini fiscali e quindi non è sottoposto ad alcuna tassazione.
Per il periodo di fruizione, inoltre, non vengono riconosciuti né i contributi figurativi, né si avrà diritto all’assegno per il nucleo familiare.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA