DL Sostegni 2021

Bonus Covid 2021 Inps: stagionali, autonomi, spettacolo, venditori

INPS, Bonus covid 2021 stagionali turismo e terme, intermittenti, autonomi occasionali, venditori domicilio, spettacolo indennità 2.400 euro e novità NASPI

Bonus Covid 2021 Inps: stagionali, autonomi, spettacolo, venditori

Dopo le novità introdotte dal Governo Draghi con l'approvazione ed entrata in vigore del Decreto Sostegni (D.L. 22 marzo 2021, n. 41), L'INPS con il Messaggio n. 1275 del 25 marzo 2021, ha fornito le prime istruzioni in merito alle indennità una tantum e onnicomprensive, i cd. bonus covid 2021, nonché alla semplificazione dei requisiti di accesso all'indennità di disoccupazione NASpI 2021.

Andiamo quindi a vedere quanto illustrato dall'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

 

Bonus Covid 2021, a chi spetta l'indennità una tantum onnicomprensiva: 

Nel messaggio n. 1275 del 25 marzo 2021, l'INPS evidenzia come il Decreto Sostegni all'art. 10, comma 1, abbia previsto l'erogazione di un'indennità una tantum di 2.400 euro in favore di alcune categorie di lavoratori (già beneficiari delle misure previste dagli articoli 15 e 15 bis del Decreto Ristori, convertito con modificazioni in L. 18 dicembre 2020, n. 176), quali:

  • lavoratori stagionali e lavoratori in somministrazione dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;

  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali;

  • lavoratori intermittenti;

  • lavoratori autonomi occasionali;

  • lavoratori incaricati alle vendite a domicilio;

  • lavoratori a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali;

  • lavoratori dello spettacolo.

 

Bonus Covid 2021 da 2.400 euro: chi deve presentare la domanda?

Le categorie di lavoratori che rientrano tra i beneficiari del bonus Covid di 2.400 euro per i mesi gennaio, febbraio e marzo 2021 non devono presentare una nuova domanda per fruire dell'indennità una tantum, poiché il bonus sarà pagato dall'Istituto con le stesse modalità già seguite precedentemente.

Per le categorie di lavoratori che, invece, non erano ricomprese tra quelle del Decreto Ristori, è riconosciuta un'indennità onnicomprensiva di importo pari a 2.400 euro (art. 10, commi 2, 3, 5 e 6), previa apposita domanda INPS da presentare entro il 30 aprile 2021.

 

Nuovi requisiti NASPI 2021:

Nel decreto Sostegni oltre all'indennità una tamtum onnicomprensiva da 2400 euro, c'è anche la semplificazione dei requisiti di accesso alla NASpI. A tale proposito l'INPS precisa che, dal 23 marzo 2021 al 31 dicembre 2021, per chi presenta la domanda Naspi non ci sarà l'applicazione del requisito delle 30 giornate di lavoro effettivo negli ultimi 12 mesi antecedenti alla cessazione del rapporto di lavoro (art. 16 Decreto Sostegni).

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA