EditorialiOpinioniAnalisiInchiesteIntervisteScenariFirme
Le elezioni in Germania

Riuscirà Annalena Baerbock a raccogliere il testimone della Merkel?

Verde, giovane e internazionale, Annalena Baerbock sembra favorita su Armin Laschet (Cdu-Csu), ma forse potrebbe rivelarsi troppo radicale per i tedeschi

Riuscirà Annalena Baerbock a raccogliere il testimone della Merkel?

A cinque mesi dalle movimentate elezioni per la nomina di Cancelliere Federale Tedesco, il partito dei Verdi ha fatto sapere che sarà la quarantenne Annalena Baerbock a correre per la carica che oggi è di Angela Merkel. Dal 2018 Baerbock è presidente del Partito Ambientalista, i cosiddetti Verdi, assieme a Robert Habeck, anche lui molto amato e seguito dal pubblico e dai membri del partito. È la prima volta nella storia del più piccolo partito del Bundestag che un loro rappresentante riesca a candidarsi per la posizione da Cancelliere. Con oltre il 20% degli elettori nei sondaggi attuali, sono diventati il secondo partito più forte in Germania dietro a CDU/CSU, ma superando l’Spd (Partito Socialdemocratico di Germania). Anche il presidente del Csu Markus Söder ha detto pubblicamente che vi sarà un duello tra Cdu/Csu e Verdi. La Cancelliera Angela Merkel ha fatto i complimenti alla giovane politica e probabile sostituta.

 

Attualmente in Germania tanti giornali non sono così convinti che Baerbock possa farcela in quanto è l'unica candidata a non avere alcuna esperienza amministrativa, non avendo mai ricoperto ruoli ministeriali o di governo. Tuttavia dal 2013 è deputata presso il Bundestag, dove è riuscita ad attirare molta attenzione per la sua determinazione e preparazione, che la rendono un personaggio politico molto promettente, pronto a lottare per un cambiamento che lei ritiene sia di assoluta necessità per una Germania oramai invecchiata e troppo burocratica. Baerbock assicura che lei sarà il cambiamento di cui la Germania ha bisogno e che sarà in grado di proiettare il paese verso il futuro, mentre "allo status quo ci pensano già altri”.

 

Bisogna però aggiungere che negli ultimi giorni i Verdi non hanno reagito in modo concreto alle problematiche poste dal Ceta (il trattato commerciale tra Canada e Ue), e queste insicurezze sono state colte da alcuni media che li hanno criticati. Un altro punto critico di Baerbock è che la sua linea politica è abbastanza radicale per quanto concerne il cambiamento climatico, mentre il suo rivale, Armin Laschet, non ha invece a cuore questi temi ed è sicuramente molto più apprezzato dall'establishment dell'industria pesante in Germania.

 

Nonostante ciò, Annalena Baerbock ha comunque buone probabilità di vincere, perché proprio la Cdu/Csu, il partito che oramai governa da 16 anni, ha perso molti consensi per la scarsa efficienza nella gestione Covid e la Baerbock potrà sicuramente farne leva nella sua campagna elettorale. Inoltre la giovane politica ha dalla sua parte i giovani in quanto il suo partito sostiene valori molto cari alle nuove generazioni come uguaglianza e digitalizzazione. La giovane candidata ha inoltre molte competenze internazionali, ha studiato all'estero e parla un ottimo inglese. Il suo essere giovane, donna, liberale, internazionale e molto moderna rendono Annalena Baerbock un personaggio politico interessante e promettente agli occhi degli elettori.

 

I prossimi cinque mesi saranno decisivi e molto difficili per la giovane politica, dovrà tirare fuori tutta la sua grinta per attirare anche le generazioni più conservative e chiuse. La vittoria dei Verdi rimane comunque difficile, ma se dovessero farcela sarebbe una svolta radicale per il sistema tedesco e le dinamiche internazionali potrebbero subire un grande cambiamento. La Germania è davvero pronta a questo?

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA