Vaccini - Il punto

Ue: “Sì agli americani vaccinati”. In Italia da giovedì 500mila dosi

La presidente della Commissione Ue, Von der Leyen: “I turisti immunizzati potranno viaggiare in Europa”. Intanto da giovedì 500mila dosi al giorno

Ue: “Sì agli americani vaccinati”. In Italia da giovedì 500mila dosi

"Gli americani utilizzano vaccini approvati dall'Agenzia europea del farmaco. Questo consentirà libertà di movimento e di viaggiare nell'Unione Europea" ha spiegato la presidente della Comissione UE, Ursula von der Leyen, in una intervista al New York Times, aprendo le porte ai turisti in arrivo da Oltreoceano. "Una cosa è chiara: tutti i 27 stati membri accetteranno in maniera incondizionata tutti quelli che sono vaccinati con vaccini approvati dall'Ema" ha precisato.

Il riferimento è ai sieri di Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson che sono somministrati negli Stati Uniti e hanno ricevuto il via libera dell'Agenzia europea del farmaco, che ha autorizzato anche AstraZeneca, non utilizzato però negli Usa. Quanto a una data per la ripresa dei flussi turistici, specie dall’America, von der Leyen ha spiegato che è legata "alla situazione epidemiologica, ma il quadro sta migliorando negli Stati Uniti come auspicabilmente sta migliorando anche nell'Unione Europea", aggiungendo che entro giugno gli Usa contano di raggiungere un’immunità di gregge col 70% della popolazione immunizzato.

 

Un certificato sanitario uniforme

Come spiegato dalla presidente della Commissione UE, sono in corso contatti tra l’Europa e gli Stati Uniti per concordare uno standard di certificati vaccinali riconosciuto da entrambe le parti. L'Unione Europea si appresta a lanciare un pass vaccinale, che dovrebbe essere disponibile su base volontaria da metà giugno.

 

In Italia 500mila dosi di vaccino da giovedì

Le nuove consegne di vaccini sono previste nei prossimi giorni, in particolare con 5 milioni di dosi. Intanto la campagna vaccinale cresce e si conta di poter raggiungere quota 500mila somministrazioni al giorno da giovedì 29 aprile. In totale sono stati superati i 17 milioni, due dosi al 50% di over 80. Mentre la variante indiana spaventa l'Europa, con un primo caso in Svizzera, sia l’Italia che la Germania hanno deciso la chiusura degli arrivi da Delhi. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, che ha firmato un’ordinanza, ha anche confermato l’efficacia dei sieri sulle varianti.

 

Speranza: “Vaccini efficaci contro varianti”

"I vaccini ci proteggono dalla stragrande maggioranza delle varianti. Poi ci sono studi in corso su alcune di queste varianti e ancora gli approfondimenti non ci danno una certezza assoluta, ma già altri vaccini sono allo studio" ha spiegato Speranza. "Dove si riscontrano elementi di maggiore debolezza nella capacità di contrasto alle varianti – ha aggiunto - le compagnie farmaceutiche e gli scienziati sono già al lavoro per avere nuovi vaccini che ci mettano nelle condizioni di superare anche queste varianti”.

"I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante indiana (…). I residenti in Italia potranno rientrare con tampone in partenza e all'arrivo e con obbligo di quarantena. Chiunque sia stato in India negli ultimi 14 giorni e si trovi già nel nostro Paese è tenuto a sottoporsi a tampone contattando i dipartimenti di prevenzione" aveva annunciato nelle scorse ore il Ministro.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA