Champions Live

Champions league 2020/2021 Chelsea-Real Madrid: 2-0! Finale inglese

Il Chelsea centra il colpaccio in semifinale, eliminando il Real Madrid di Zidane: decisive la reti di Werner e Mount. Finale con il Manchester City

Champions league 2020/2021 Chelsea-Real Madrid: 2-0! Finale inglese

La partita di andata, giocata una settimana fa, tra Chelsea e Real Madrid. si è conclusa in pareggio 1-1. Il Chelsea parte quindi favorito per questa sfida in quanto anche con un pareggio a reti bianche, passerebbe il turno. La vincitrice incontrerà in finale, che si giocherà il 29 maggio ad Istanbul in Turchia, il Manchester City di Guardiola che ieri ha vinto con il PSG. 

 

I primi 90 minuti hanno visto le squadre equivalersi, con la rete di Karim Benzema a rispondere all'iniziale vantaggio di Christian Pulisic. Il club inglese proverà a conquistare un'altra finale di Champions League, nove anni dopo il trionfo ai calci di rigore contro il Bayern Monaco firmato Didier Drogba. Il Real Madrid, invece, sono tre stagioni, dall’ultima di Ronaldo.

 

I londinesi scendono in campo con Rudiger nel ruolo di centrale, accanto a Silva e Christansen. Centrocampo a 4 con Chillwell, che sta finalmente mostrando le sue qualità da uomo a tutta fascia. Azpilicueta  dall’altra parte, scelto al posto del giovane James, forse per le maggiori sicurezze nel difendere. Tridente  in questo schieramento scelto da Tuchel, saranno Mount e Havertz, ad accompagnare Werner

 

Zidane invece recupera Ramos per quest’importantissima sfida, con Nacho, Militao e Mendy ad accompagnarlo. Centrocampo dei sogni con Modric e Kroos da mezzali e Casemiro nel ruolo di play, mediano davanti alla difesa. Davanti l’ex Hazard torna titolare, con Vinicius Jr e il bomber francese Benzema.

 

Chelsea-Real Madrid: le formazioni ufficiali 

Chelsea (3-4-1-2): Mendy, Christensen, Thiago Silva, Rudiger, Azpilicueta, Kante, Jorginho, Chilwell, Mount, Werner ,Havertz. All: Tuchel.


Real Madrid (4-3-3): Courtois, Nacho, Eder Militao, Sergio Ramos, Mendy, Modric, Casemiro, Kroos, Hazard, Benzema, Vinicius Jr. All: Zidane.


Chelsea-Real Madrid: la cronaca

Tutto pronto allo Stamford Bridge, in una semifinale che può finire in ogni modo e che è pronta a regalarci mille emozioni. Da subito si percepisce la tensione della partita, con l’arbitro italiano Daniele Orsato che avrà un gran da farsi. Brutto intervento di Christensen su Hazard, prima avvertenza del fischietto. Altro fallo dei blues, su Nacho, che rimane a terra, con il gioco fermo per qualche istante. I londinesi vogliono essere aggressivi per limitare il più possibile gli avversari,  infermatili in ripartenza. Ci prova al decimo Kroos, dopo un’azione prolungata, con un tiro da fuori facilmente bloccato dal portiere. Contro risposta immediata dei blues, con un tentativo dalla distanza di Rudiger, molto violento, su cui Courtois ci mette i pugni. Poi punizione di Chilwell in mezzo, su cui Christansen non arriva per un soffio. Il primo ammonito, al 20’, è Jorginho, in ritardo su Hazard.

 

Grande intensità e tanti cambi di fronte continui. Il Chelsea giunge al vantaggio, ma viene fermato dalla bandierina del quarto uomo: Chilwell lancia  Werner davanti al portiere, l’attaccante insacca, ma inutilmente. Rischio scampato per i ragazzi di Zidane. Risponde il Real , con un cross tagliato in mezzo di Vinicius Jr. su cui Benzema non arriva per millimetri. Lo stesso attaccante va vicinissimo al goal pochi istanti dopo, girandosi al limite e liberando un destro potente e piazzato, su cui Mendy ci arriva all’ultimo Grande occasione fallita. Finalmente, dopo tante occasioni, si gonfia la rete in Inghilterra: rete di Werner, per il vantaggio blues. Kante inventa con una giocata magica per Havertz, pallonetto su Courtois che si stampa incredibilmente sulla traversa, Werner arriva e da due passi ribadisce di testa in fondo alla rete. Werner ha subito l’occasione per raddoppiare, ma sbaglia il passaggio per Rudiger, che era ben posizionato. Doppia ammonizione nel finale per Sergio Ramos, per fallo su Azpilicueta e Christensen, per un pestone sul portiere Mendy.

 

Finisce così un bellissimo primo tempo, molto intenso e dai ritmi alti. Il Chelsea ora ha un grande vantaggio, il Real invece deve fare un ribaltone totale, difficile, ma non impossibile.

 

La seconda frazione riprende senza cambi, pronta a nuovi colpi  di scena. La gara inizia subito a mille per il Chelsea, che tre occasioni importanti nel giro di dieci minuti. Dopo due minuti dalla ripresa, Havertz di testa colpisce sua seconda traversa della partita. Poi punizione di Chilwell, dalle grandi doti nel battere i calci piazzati, trova il colpo di testa di Silva, che va alto, non di molto.

 

Il Real è totalmente in blackout, non riuscendo a paleggiare sino alla propria metà campo, Werner di tacco per Mount, che s’inserisce in area mancando clamorosamente davanti a Courtois. È un assedio dei blues. Jorginho cambia gioco per Havertz che scappa in campo aperto, Courtois riesce a chiudergli lo specchio prima che possa prendere la mira.

 

Arriva il giallo per Nacho, per fallo sul trequartista tedesco. Zidane capisce che l’aria che tira è pessima per i suoi e si gioca due cambi per invertire la rotta: Asensio in campo per Vinicius e Valverde per Mendy.  La gara si alza ancora d’intensità e nessuna delle due sembra voler abbassarsi. Prima Casemiro da ottima osizione colpisce sul primo palo, con il tentativo deviato in angolo da Mendy.

 

Immediata la riposta del Chelsea, con una ripartenza gestita da Werner, che serve in area per Kante. Courtois salva ancora il risultato dopo il colpo di prima del centrocampista francese. Esce Werner, dopo una grande partita, per Pulisic. 

L’esterno entra con la giusta mentalità, scappando subito a Kroos che nel tentativo di fermarlo si fa ammonire. Sugli sviluppi di un angolo, Silva prende il tempo a tutti, calibrando malissimo però l’occasione aerea. Ancora cambi, da una parte e dall’altra: Casemiro esce, dentro Rodrygo, aumentando così il peso offensivo. Pulisic, fugge dalla destra,  servendo un pallone molto interessante per Havertz, che manca in scivolata la deviazione sottoporta. 

 

Ci riprova di nuovo poi l’esterno americano, che però strozza il tiro da posizione allettante. 

All’85’, dopo un secondo tempo dominato, i londinesi trovano il raddoppio della gloria: Kante ruba  palla a Nacho, serve Pulisic che sembra perdere l’equilibrio davanti a Courtois, ma passa con freddezza Mount che insacca a porta vuota. Goal che chiude la gara. Mount si fa anche ammonire per un brutto fallo su Militao due minuti dopo. Doppio cambio per Tuchel: dentro Ziyeck e James. Dentro anche Mariano per Hazard, nel Real. Dopo i quattro minuti di recupero è tutto vero: finale di Champions tutta inglese tra City e Chelsea. Real ancora fuori. Percorso fenomenale di Tuchel da quando siede a Londra.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA