Il concorso dei sogni

Sei mesi gratis alle Canarie: il contest per lavorare in smart working

Le Isole Canarie hanno lanciato un’iniziativa per reclutare un “remote worker” o un lavoratore freelance: in palio 6 mesi di smart working con spese pagate

Sei mesi gratis alle Canarie: il contest per lavorare in smart working

Il miglior clima del mondo è alla ricerca di un remote worker”.

È questa la campagna internazionale lanciata dalle Isole Canarie: un concorso, aperto a freelance e remote worker, per vincere sei mesi di smart working nell’arcipelago con soggiorno gratuito. Usufruendo di un ufficio vista mare e di tutta una serie di incredibili benefit: 1550 km di coste, 146 aree naturali e un nuovo stile di vita, “slow” e a contatto con la natura.

Un sogno che può diventare realtà: ecco come.

 

Come partecipare al concorso delle isole Canarie

I requisiti per partecipare al contest lanciato dalle Isole Canarie sono solo due: ossia essere un lavoratore freelance o uno smart worker con più di 18 anni e avere il desiderio di andare alla scoperta delle isole.

Per candidarsi basta pubblicare sui propri profili social (ovviamente pubblici) una presentazione video, in inglese oppure in spagnolo, in cui rispondere alla domanda: “Cosa fai e cosa potresti ottenere lavorando sei mesi alle Isole Canarie?” È necessario taggare gli account delle Isole Canarie nel post (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube e LinkedIn) e usare l’hashtag #remoteworkerwanted. Tutte le indicazioni sul concorso sono disponibili sul sito hellocanaryislands.com.

Una giuria di esperti del Canary Island Tourist Board e altre “celebrities” del settore sceglieranno il vincitore: è possibile partecipare al contest fino al 9 giugno 2021.

 

Concorso per smart working alle Canarie: cosa si vince?

In palio ci sono sei mesi gratis da trascorrere sull'arcipelago: verranno offerte le spese di viaggio, l’accesso ai servizi di co-working, l’alloggio e altre attività nel luogo di destinazione. In cambio però, leggendo il regolamento, si scopre che il vincitore dovrà dedicare 5 ore al mese alla produzione di contenuti che possano promuovere le Canarie come destinazione adatta allo smart working.

Il fenomeno “workation”, ossia la possibilità di coniugare lavoro e viaggi in qualsiasi parte del mondo, e quello del “nomadismo digitale” sono diventate le nuove tendenze soprattutto in questo periodo di pandemia. Lo dimostrano anche altre iniziative italiane, come Borgo Office e la crociera per smart worker.

Le Canarie hanno beneficiato di questo trend, su cui hanno deciso quindi di puntare: sul sito una sezione è dedicata proprio ai remote worker. A loro vengono offerti un clima assolutamente invidiabile, con una media di 23 gradi tutto l’anno e tante attività e comodità, con il vantaggio di non dover lasciare l’Europa.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA