L’Orrore

Libia, corpi di bambini e donne abbandonati su una spiaggia di Zuwara

“Sono ancora sotto choc per l’orrore - ha scritto Oscar Camps di Open Arms - bambini piccoli e donne, sono stati abbandonati per più di tre giorni”.

Libia, corpi di bambini e donne abbandonati su una spiaggia di Zuwara

Corpi senza vita di bambini e donne portati dal mare, sono stati abbandonati per giorni su una spiaggia di Zuwara, in Libia. Le foto di questo cimitero a cielo aperto pubblicate su Twitter dal fondatore della Ong catalana Open Arms, Oscar Camps, gelano il sangue e lasciano senza respiro (per questo The Italian Times ha scelto di non pubblicarle).  

 

“Sono ancora sotto choc per l’orrore di queste immagini - twitta Camps-  bambini piccoli e donne che avevano solo sogni e ambizioni di vita. Sono stati abbandonati per più di tre giorni su una spiaggia di Zuwara, in Libia. A nessuno importa di loro” . Per giorni le autorità libiche si sono disinteressate di quei corpi gonfi e in stato di decomposizione che giacevano sulla sabbia, solo sabato scorso i militari li hanno sepolti  nel cimitero di Abu Qamash.   

 

 

Chi sono quei bimbi e quelle donne? Probabilmente migranti annegati in un naufragio, ma quale? L ’Oim, (l’Organizzazione per le migrazioni delle Nazioni unite) non esclude che si tratti delle vittime dell'ultimo naufragio di cui si ha notizia: ?un barcone  partito nella notte tra il 18 e il 19 maggio da Zuwara con una novantina di persone a bordo, tra loro c’erano molte donne e bambini. Oltre 50 i dispersi, solo 33 i superstiti.  Nella settimana tra il 16 e il 22 maggio, sono circa 1500 le persone  recuperate dalle acque  dalla Guardia costiera libica, e nello stesso periodo sono stati recuperati,  sempre tra Zuwara e Tripoli, molti corpi in mare.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA