Vaccini per tutti

Vaccini, da oggi aperte le prenotazioni a tutti: dai 16 in su

Prenotazioni possibili per tutte le fasce d’età. Aumentano gli Open Day per i maturandi in vista dell’esame del 16 giugno. Ressa all’hub di Bologna

Vaccini, da oggi aperte le prenotazioni a tutti: dai 16 in su

Da oggi è possibile a chiunque, dai 16 anni di età in sù, prenotarsi per il vaccino anti-Covid. A confermarlo, nelle scorse ore, è stato il ministero della Salute mentre il Commissario all’emergenza, il generale Figliuolo, ha chiarito: “Le dosi a disposizione saranno 20 milioni e ogni Regione dovrà regolarsi sul numero di dosi, ma quello che bisogna evitare è la rincorsa tra regioni per avere più vaccini”.

 

Da oggi vaccino per tutti

La svolta arriva a pochi giorni dall’inizio dell’estate e l’obiettivo è proprio quello di permettere a quanti più italiani possibile di partire per le vacanze con il certificato verde vaccinale, o Green Pass, avendo ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid. "Tutti potranno prenotare il vaccino antiCovid. Possiamo ancora accelerare la nostra campagna per superare questa stagione così difficile" ha annunciato così il ministro della Salute, Roberto Speranza, nelle scorse ore, alla vigilia dell’apertura delle prenotazioni a prescindere dalla propria fascia d'età.

 

Vaccino e Costituzione ai maturandi

Prosegue, intanto, la campagna di offerta dei vaccini ai maturandi che il 16 giugno inizieranno gli esami di Stato. La prima è stata la Sicilia, mentre nel Lazio ai 18enni che si sono presentanti presso i centri vaccinali è stata regalata anche la Costituzione, in occasione della Festa della Repubblica. In Toscana si parte lunedì con la campagna mirata ai più giovani, mentre a Bologna c’è stato l’assalto all’hub, non senza tensioni.

 

Hub di Bologna preso d’assalto

I primi si sono presentati martedì a mezzanotte per poter ricevere il vaccino mercoledì 2 giugno; altri si sono messi in coda tra le 4 e le 5 del mattino. Alla fine si è registrata da una ressa di ottomila persone che ha causato tensioni e polemiche per la scarsa organizzazione delle tantissime persone, molti giovanissimi, che si sono assiepati in Fiera. Il sindaco, Virginio Merola, si è scusato per l'accaduto: "Una situazione sottovalutata, Ausl e Regione hanno sempre lavorato bene e un errore ci sta. Mi scuso io per tutti". "Soddisfatta" invece l'Ausl che, pur ammettendo di essere rimasta sorpresa dalla quantità di persone che si sono presentate, ha annunciato che saranno organizzati altri Open Day. A fine giornata sono state somministrate 3.000 dosi a fronte delle 1.200 preventivate. In 5mila cittadini, però, non hanno potuto essere vaccinati per fine scorte.

 

Le dosi di vaccino a disposizione

Il rischio di rimanere senza dosi sufficienti a disposizione è stato scongiurato, intanto, dal Commissario Figliuolo, che ha elencato i numeri: "Le dosi a disposizione saranno 20 milioni" ha chiarito il Generale, aggiungendo che occorre evitare “la rincorsa tra Regioni per avere più vaccini". Intanto sono state annunciate 2,5 milioni di dosi di vaccini in arrivo questa settimana, che si aggiungono a 3,5 milioni di Pfizer già in distribuzione. Da oggi saranno rese disponibili circa 370mila dosi di siero Johnson & Johnson e 1,7 milioni di Astrazeneca, da domani quasi 400mila dosi di Moderna.

Al momento è stato somministrato l’89.4% di dosi a disposizione, con 12.370.279 persone (pari al 22,80% della popolazione over 12) che hanno completato il ciclo vaccinale.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA