world environment Day 2021

Giornata mondiale dell’ambiente 2021: tema, obiettivi ed eventi

Il tema di quest’anno è il ripristino degli ecosistemi. Oggi si apre anche il Decennio delle Nazioni Unite. In Italia inaugurato “l’orologio del clima”

Giornata mondiale dell’ambiente 2021: tema, obiettivi ed eventi

Ripristinare gli ecosistemi è il tema della Giornata mondiale dell’ambiente 2021, indetta dell’Onu e che si celebra oggi, 5 giugno, in tutto il mondo.

 

L’obiettivo è sensibilizzare sul tema della salvaguardia dell’ambiente e nel ripristino degli habitat naturali, con iniziative che spaziano dal piantare alberi in India al ripulire le spiagge a Hong Kong.


Molti eventi saranno “social”, ad esempio con la "Snap Challenge", che prevede di postare iniziative che mostrino comportamenti virtuosi.

 

Gli hashtag della Giornata Mondiale dell'Ambiente 2021 sono #GenerationRestoration e #WorldEnvironmentalDay.


Quest'anno il Pakistan è il paese ospite della Giornata, e lancia il suo progetto "Tsunami di 10 miliardi di alberi", che punta a piantare 10 miliardi di alberi al 2023.

 

Ripristinare gli ecosistemi

Secondo l'Onu, il ripristino dell'ecosistema può aiutare a proteggere e migliorare i mezzi di sussistenza, specie nei Paesi in via sviluppo o più poveri, combattere le malattie, ridurre il rischio di disastri naturali e contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile al 2030.


Sul sito della Giornata si legge che "da oggi al 2030, il ripristino di 350 milioni di ettari di ecosistemi terrestri e acquatici degradati potrebbe generare 9.000 miliardi di dollari di servizi ecosistemici, e rimuovere fino a 26 miliardi di tonnellate di gas serra dall'atmosfera.

 

I benefici economici sono dieci volte superiori alla spesa per gli investimenti, mentre non fare nulla è almeno tre volte più costoso che il ripristinare l'ecosistema".

 

L’Italia e l’orologio del clima

Il nostro Paese aderisce alla Giornata mondiale dell’Ambiente con un’iniziativa del ministero della Transizione ecologica, guidato da Roberto Cingolani, che ha messo a punto un “orologio del clima”.


Le lancette - in realtà dei numeri digitali appesi sulla facciata del dicastero di via Cristoforo Colombo - segnano il tempo che ci divide dal contenimento dell'aumento della temperatura media globale entro gli 1,5 gradi, obiettivo prefissato dall’agenza 2030.

 

Il tempo segnato dal “climate cllock” (che ricorda quello originale presentato a New York nel 2020) può variare a seconda delle iniziative adottate.

 

Sul diplay è indicato anche un puntino rosso, che rappresenta l'Earth overshoot day a livello globale, ossia il giorno in cui la Terra esaurisce il budget di risorse naturali previste l'intero 2021 e che cadrà il 29 luglio, anticipando di poco meno di un mese la data dell'anno scorso.


“Spero che la tecnologia ci aiuti. Il messaggio da mandare ai nostri figli è che loro possano fare meglio quello che abbiamo fatto noi, che non è stato un granché" ha spiegato Cingolani all’inaugurazione.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA