Colpi di mercato

Il mercato della squadra campione d’Italia: via Hakimi, dentro Lazzari

Calciomercato Inter, l’esterno va al Psg per 75 milioni. I nerazzurri hanno preso Calhanoglu e ora puntano al terzino della Lazio. L’incognita Eriksen.

Il mercato della squadra campione d’Italia: via Hakimi, dentro Lazzari

Nonostante sia il periodo degli Europei, il mercato non si ferma mai, ed è pronto ad entrare sempre di più nel vivo: in Serie A si stanno consumando gli ultimi discorsi riguardanti le panchine dei vari club, con ancora qualche pezza da mettere, e finalmente giungeranno i primi trasferimenti per rinforzare le rose. L’Inter è tra quelle più attive, visto che sta effettuando una vera e propria rivoluzione, iniziata con il cambio in panchina di Simone Inzaghi al posto di Antonio Conte, e che ora si sta sviluppando su nuovi fronti riguardanti alcuni giocatori chiave.

 

Il cambio di modulo, schemi e la situazione economica non delle più limpide, obbligano la società ad effettuare delle mosse importanti, che siano di ricavo per la gestione tecnica, ma anche finanziaria. L’obiettivo è cercare di fare passi avanti nonostante la perdita di qualche pezzo grosso, seppur non semplice visto i funzionamenti del mercato attuale. Vediamo dunque chi saluterà Appiano Gentile e chi invece arriverà in maglia nerazzurra.

 

Hakimi, il primo addio

Mentre a Milano ha cambiato sponda Hakan Calhanoglu, primo acquisto della gestione Inzaghi a parametro 0,  insieme al terzo portiere, ex Crotone, Alex Cordaz, i nerazzurri diranno a breve addio ad uno degli elementi chiave della scorsa stagione: Achraf Hakimi. Il marocchino era stato valutato come uno dei migliori acquisti del decennio interista, con dei numeri superiori a centrocampisti e attaccanti, sotto il punto di vista realizzato o nel ruolo di assistman. Un sacrificio doloroso, ma necessario per migliorare il bilancio, ad oggi in grave difficoltà. Sarà il Paris Saint Germain a portarselo a casa, dopo aver chiuso l'accordo. I contatti durano ormai da un po' e la forte concorrenza del Chelsea è stato l'ostacolo principale per il raggiungimento immediato dell'esterno in terra francese. 

 

La sua volontà è stata di scegliere i parigini più degli inglesi, per avere la possibilità di giocare con grandi campioni. Il PSG infatti sta costruendo un vero e proprio dream team”, con l'aggiunta non solo dell'ex nerazzurro, ma anche di Gigio Donnarumma, Georgino Wijnaldum e probabilmente Sergio Ramos.

 

Una squadra che se mantenesse i suoi punti cardine potrebbe veramente raggiungere il livello tanto aspettato per vincere tutto. I francesi sborseranno 75 milioni di euro: una cifra elevatissima, che non sarà solo una plusvalenza importante, ma anche una cifra che darà spazio all'arrivo di più giocatori.

 

Il sacrificio per il bilancio  avvicinerebbe l'Inter al traguardo dei 100 milioni di ricavi dal mercato da raggiungere in questa sessione. Un addio che è comprensibile, ma doloroso, per una favola forse finita troppo in fretta, seppur molto intensa.

 

Altri saluti nerazzurri

Insieme ad Hakimi ci sono un altro paio di giocatori pronti a dire addio all'Inter, poiché non rientrano nel progetto di Simone Inzaghi: i giovani Esposito, Radu e Pinamonti saluteranno per andare in prestito, con la speranza di giocare sempre in una campionato importante, e ritornare in futuro da protagonisti.

 

Sul portiere ci sono Sassuolo e Fiorentina, che potrebbero salutare i loro numeri uno. Sui due attaccanti invece è concorrenza piena tra Spezia, Venezia e Udinese, che li vorrebbero entrambi per rinforzare e ringiovanire i vari reparti offensivi. In difesa verranno lasciato andare a parametro in scadenza l'esterno arrivato lo scorso anno, Young .

 

Troppo avanti con l'età e poco preparato fisicamente ai tanti impegni nerazzurri, non ha dato la giusta continuità per meritarsi il posto in rosa. A centrocampo invece ci saranno diversi addii, con Vecino che chiede spazio e Vidal che non convince la società. Il primo è cercato dal Napoli di Spalletti e dalla Lazio di Sarri, il cileno invece potrebbe tornare in patria, in un ritorno romantico oppure scegliere la MLS.

 

I primi arrivi:

Dopo i primi due acquisti a parametro 0, Calhanoglu e Cordaz, servirà innanzitutto un sostituto di Hakimi. Tre sono i nomi caldi per il posto sulla fascia, tutti dal valore di mercato importante. Il primo è Manuel Lazzari, in uscita dalla Lazio, visto che giocheranno a quattro, non fa parte dei progetti del team di Lotito. Il presidente chiede 25 milioni per mandare il veloce esterno dal suo ex allenatore Inzaghi, i nerazzurri ne offrono 20/22 più bonus. L'accordo potrebbe arrivare presto. Le due alternative sono più costose, ma hanno maggiore peso internazionale. Il primo è Hector Bellerin, terzino dell'Arsenal, che ha chiesto la cessione dopo tanti anno a Londra. Il suo costo si aggira intorno ai 30 milioni di euro.

 

L'altro è il protagonista dell'Olanda, Dunzel Dumfries, in forza al PSV in Eredivise. Ha un costo poco più elevato di Bellerin, e garantirebbe una grande doppia fase, un po' come l'esterno marocchino. Questi i primi tre nomi che punterà Marotta per chiudere le ferite, che ad oggi bruciano molto. E non è chiaro se Christian Eriksen (che proprio nella seconda metà del campionato finito con lo scudetto aveva trovato la sua giusta collocazione in campo) potrà tornare a giocare, e se potrà farlo in Italia in base alle nostre regole sanitarie. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA