Tour insoliti

Titanic, al via le visite turistiche sul relitto (prima che sparisca)

A quasi 110 anni dall’affondamento più famoso della storia moderna, iniziano i tour per curiosi e ricchi turisti su quanto resta della nave. Ecco perché

Titanic, al via le visite turistiche sul relitto (prima che sparisca)

Occorre fare presto: il relitto del Titanic, la nave da crociera affondata il 14 aprile del 1912, si sta deteriorando in modo irreversibile.

O quasi. Da qui l’urgenza di capirne l’esatto stato di conservazione e soprattutto di poter organizzare visite turistiche sul relitto che, grazie ai proventi, possano anche permetterne l’adeguata manutenzione.

 

Poter osservare quanto resta della nave da crocerà, infatti, sarà un lusso per pochi, dal momento che costerà qualcosa come 150mila euro.

 

I tour per super ricchi

Se Jeff Bezos è pronto a offrire viaggi nello spazio e il primo “turista” della sua Blue Origin si è aggiudicato un posto acquistando un biglietto all’asta a 28milioni di euro, anche poter osservare il relitto del Titanic sarà un lusso per pochi.

 

Bisognerà versare, infatti, ben 150mila euro per poter vedere ciò che resta a 3.810 sotto le onde dell'Oceano Atlantico. C’è però da considerare che parte del costo servirà anche per migliorarne la manutenzione.

 

Le condizioni della nave, infatti, sarebbero pessime, perché il metallo dello scafo sarebbe “mangiati” dai batteri.

 

Cosa resta del Titanic

Il colosso inglese della White Star Line giace da quasi 110 anni sul fondo dell’Oceano, dopo l’affondamento al largo delle coste della Terranova canadese.

 

Era stato costruito a Belfast e salpò da Southampton per New York il 10 aprile 1912 con 1300 passeggeri e 900 persone di equipaggio a bordo. Non arrivò mai a destinazione e riuscirono a sopravvivere solo in 700.


Oggi le sue condizioni destano preoccupazione. Secondo Stockton Rush, presidente di OceanGate Expeditions che accetta già le prenotazioni per le visite turistiche “in pochi decenni potrebbe non restare nulla del Titanic: dobbiamo documentare in fretta tutto il possibile”. Non è la prima volta che si ipotizzano tour: la prima volta era stata nel 1985, quando il relitto venne finalmente trovato. Ora i tempi sembrano maturi.

 

Il primo viaggio sarà comunque effettuato da parte di esperti, come oceanografi e archeologi, che potranno visionare il relitto e capirne il reale stato di consevazione. Lo faranno a bordo di un sottomarino e renza recuperare nulla del Titanic. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA