Rientro in classe

Calendario scuola 2021, Regione per Regione: quando inizia e festività

Intanto si lavora per il ritorno in classe in presenza e, soprattutto, senza il problema della mancanza di insegnanti e supplenti. Arriva l’algoritmo

Calendario scuola 2021, Regione per Regione: quando inizia e festività

Mentre si discute dell’obbligatorietà del vaccino per gli insegnanti, si lavora anche in vista della ripresa delle lezioni, con l’avvio del nuovo anno scolastico a partire da settembre. Uno degli obiettivi del ministero dell’Istruzione è ridurre al minimo le cattedre scoperte, puntando a nominare i supplenti in anticipo.

Come sempre, poi, il calendario è differente da Regione a Regione. Ecco le date in cui suonerà la prima campanella.

 

Calendario scuola 2021, quando inizia Regione per Regione

I primi a tornare sui banchi saranno gli studenti dell’Alto Adige il 6 settembre, gli ultimi quelli della Calabria il 20 settembre, preceduti da quelli siciliani il 16 settembre. Nel mezzo si trova la maggior parte della popolazione studentesca, pronta a rimettersi lo zaino in spalla il 13 settembre.

 

Ecco le date nel dettaglio:

Alto Adige: 6 settembre

Abruzzo: 13 settembre

Basilicata: 13 settembre

Calabria: 20 settembre

Campania: 15 settembre

Emilia Romagna: 13 settembre

Friuli Venezia Giulia: 16 settembre

Lazio: 13 settembre

Lombardia: 13 settembre

Liguria: 15 settembre

Marche: 15 settembre

Molise: 15 settembre

Piemonte: 13 settembre

Puglia: 20 settembre

Sardegna: 14 settembre

Sicilia: 16 settembre

Toscana: 15 settembre

Trentino: 13 settembre

Umbria: 13 settembre

Valle d’Aosta: 13 settembre

Veneto: 13 settembre

 

Quando finisce la scuola

Ma c’è chi già guarda all’ultimo giorno di scuola, che varia tra il 4 giugno (Emilia Romagna) e l’8/9 giugno per la maggior parte Regioni, con eccezioni come la Toscana che finirà il 10.

Nel mezzo ci sono poi le vacanze per le festività, che anche in questo caso possono essere differenti. Per esempio, in Liguria si chiude per Natale dal 24 dicembre al 9 gennaio, a Pasqua dal 14 al 19 aprile e a giugno lezioni sospese ancora dal 2 al 5 giugno per la festa della Repubblica.

In Lombardia, invece, la sospensione didattica per Natale inizierà giovedì 23 dicembre per terminare giovedì 6 gennaio, quella per Pasqua da giovedì 14 aprile fino a martedì 19 aprile, ma è prevista anche una pausa per Carnevale (rito ambrosiano) venerdì 4 marzo e sabato 5 marzo (per il rito romano cadrà lunedì 28 e martedì 1 marzo).

 

Supplenti, proteste per l’algoritmo

Intanto è caos per l’assegnazione delle cattedre scoperte ai supplenti.

A scatenarlo è l’arrivo di un algoritmo, che ricorda quello previsto con la riforma della Buona Scuola, contro cui c’erano stati ricorsi. Arriverà tra il 5 e il 16 agosto, secondo quanto comunicato ai sindacati dal ministero dell'Istruzione nel corso di un incontro che si è svolto nelle scorse ore.

L'intera procedura di assegnazione delle supplenze verrà quindi gestita da un algoritmo e indicherà le scuole di destinazione.

I candidati dovranno presentare una domanda di supplenza senza conoscere le sedie vacanti. Ne potranno indicare fino a 100, tra singole scuole, distretti o comuni. Sarà poi l'algoritmo ad assegnare la sede. I sindacati hanno già protestato contro il meccanismo, parlando di "lotteria supplenze".

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA