Calciomercato

Ronaldo torna a Manchester, ma allo United che lo aveva lanciato

Ronaldo, addio alla Juve dopo tre anni. Dopo il trasferimento stellare di Messi al Psg, i francesi salutano Mbappé che va al Real Madrid, le ultime news

Ronaldo torna a Manchester, ma allo United che lo aveva lanciato

Gli ultimi giorni di mercato che non ti aspetti, che probabilmente decreteranno questa sessione come una delle più incredibili della storia: i migliori giocatori del pianeta hanno deciso sul finale di cambiare aria, lanciando una bomba su tutto il mondo del calcio. Tra bookmaker infuocati e tifosi che sognano, si prospettano delle novità decisive nelle prossime ore, che cambieranno le carte in tavola per tanti club. Parliamo generalmente di cifre fuori dal comune, spesso legate non solo ai cartellini costosi, ma anche a stipendi molto onerosi. 

Ma chi sono i principali protagonisti di questa mega vicenda di mercato che si sta sollevando in queste ore? Il Real Madrid, il PSG e incredibilmente, la Juventus

 

Juve, saluta la leggenda

Incredibile, ma vero, Cristiano Ronaldo dopo tre stagioni in bianconero, saluta definitivamente la Juventus, in direzione Inghilterra. L'addio confermato dallo stesso allenatore Allegri a tutto lo spogliatoio “Cristiano mi ha comunicato ieri che non vuole restare alla Juventus. Non sarà dunque più uno dei nostri”aggiungendo che “non sono deluso, ognuno è libero di fare le proprie scelte nella vita. In primis viene la Juventus”. Una notizia fulminea e fulminante per il club, i tifosi e l’intero campionato italiano, che dopo aver già perso diversi elementi di rilevo durante l’estate, saluta probabilmente il giocatore più forte del paese

 

Ma dove finirà a questo punto il talento portoghese? Molti pensavano che il PSG non se lo sarebbe fatto scappare, vista la campagna acquisti stellare composta da elementi come Ramos, Hakimi e Leo Messi. Invece il presidente dei parigini ha voluto subito far tacere questa voce sull’arrivo dello juventino, aggiungendo che non sarebbe stato lui l’obiettivo semmai avessero cercato nuovi attaccanti.

 

Dunque la “Pulga” e Cristiano non giocheranno (per ora) insieme, rimanendo però distanti a livello di campionato. Infatti il portoghese ha preso un jet privato nel primo pomeriggio per raggiungere Manchester, dove il suo futuro verrò a breve scritto. 

Dopo 5 titoli nazionali, 101 goal in 134 partite e una volta MVP dell’intera stagione di Serie A, una leggenda come Cristiano Ronaldo lascia il nostro calcio. Ma dove andrà?

 

Derby di Manchester

Il suo jet è in direzione di Manchester, ma sulla squadra in cui giocherà ci sono ancora dei dubbi: sembrava fatta con il City di Guardiola, che lo avrebbe accolto pagando una cifra vicina ai 20 milioni alla Juventus. Nelle ultime ore però le cose sono totalmente cambiate.

 

Guardiola aveva rallentato la trattativa dicendo che “siamo ancora lontani dalla definitiva chiusura” e poi ieri l’allenatore del Manchester United, nonché ex compagno di Ronaldo, ha detto “Siamo tutti professionisti, ma un giocatore che è passato dallo United, non potrà mai andare al City” lanciando una possibile frecciatina, che nessuno pensava si potesse infuocare così in fretta. Infatti il calciatore sembrerebbe vicinissimo al ritorno ai “Diavoli Rossi” dove è iniziata la sua carriera da fenomeno, con gesta ancora oggi memorabili.

 

L’offerta è di due anni, con opzione per il terzo, a cifre vicine ai 30 milioni l’anno. Uno stipendio da primissima classe, che vedrà ancora Ronaldo come protagonista totale della Premier League.

 

Saluta anche Mbappé:

È passato in secondo piano un affare da 180 milioni di euro complessivi che si sta chiudendo in questi ultimi due giorni: il PSG infatti saluterà Mbappé, pronto a siglare il suo matrimonio, tanto atteso, con il Real Madrid. Da almeno due stagioni si vocifera che voglia partire, non credendo più così profondamente al progetto dei francesi, nonostante gli acquisti estivi. 

 

Un colpo di scena importante, considerando anche il contratto in scadenza del giovane francese Campione del Mondo. Un colpo incredibile, che risveglia l’anima di Madrid, ormai spenta dall’addio di CR7 tre anni fa. Un affare da pallone d’oro, che merita una presentazione stellare e la maglia numero 5 dei blancos, che qualche anno fa era in possesso di un certo Zinedine Zidane

 

I tre giocatori più forti del pianeta si sono trasferiti nel giro di quindici giorni, rimischiando tutte le carte della prossima Champions League

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA