La vertenza

Il caso Gkn non è finito: azienda pronta al ricorso sui licenziamenti

I lavoratori esultano per la decisione del Tribunale che ha “bloccato” 422 licenziamenti, ma l’azienda è pronta al ricorso. Nuova rottura anche su Alitalia

Il caso Gkn non è finito: azienda pronta al ricorso sui licenziamenti

Per ora i lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio, in provincia di Firenze, tirano un sospiro di sollievo, ma il caso non è affatto chiuso, almeno per l’azienda, dopo che il Tribunale del lavoro ha accolto il ricorso contro il licenziamento via email. Intanto tiene banco anche la vicenda Alitalia, con una nuova rottura delle trattative per i lavoratori della ex compagnia di bandiera, solo in parte assorbiti dalla nuova Ita.

 

La sentenza Gkn: “Comportamento anti sindacale”

Il verdetto del tribunale del Lavoro non lascia dubbi. Nell’accogliere il ricorso del sindacato Fiom contro il licenziamento “via email”, il giudice ha sancito che l’azienda britannica di componentistica per l’automotive ha violato l'articolo 28 dello Statuto dei Lavoratori, mettendo in atto comportamenti antisindacali.

Per ora, dunque, è “congelato” il licenziamento di 422 lavoratori. La Fiom si era rivolta al tribunale il 30 luglio scorso. Il giudice lo ha accolto condannando la Gkn Driveline Firenze a “revocare la lettera di apertura della procedura ex L. 223/91” e a “porre in essere le procedure di consultazione e confronto previste dall’art. 9 parte prima Ccnl e dall’accordo aziendale del 9 luglio 2020”.

Come scritto nel provvedimento del tribunale, “il comportamento antisindacale accertato è consistito, nella sua parte più significativa e lesiva degli interessi del sindacato ricorrente, nell’aver impedito al sindacato stesso di interloquire, come sarebbe stato suo diritto, nella delicata fase di formazione della decisione di procedere alla cessazione totale dell’attività di impresa. La rimozione degli effetti di tale comportamento non può che implicare l’obbligo per l’azienda di rinnovare correttamente l’informativa omessa e, quale ulteriore e necessitata conseguenza, l’obbligo di revoca del procedimento ex L. n. 223/91 iniziato sulla base di una decisione presa in assenza del confronto, necessario anche se non vincolante, con il sindacato”.

 

L’azienda: “Impugneremo la sentenza”

Mentre i sindacati incassato la parziale vittoria e chiedono un intervento del Governo, la Gkn in serata ha annunciato di non voler arretrare: “Gkn Driveline Firenze rimane convinta della correttezza del proprio operato e non si sottrarrà al confronto con le parti sociali, avendo comunque dato mandato ai propri legali di presentare impugnazione”, come si legge in una nota nella quale l’azienda conferma la volontà di chiudere il sito.

 

Nuova rottura Alitalia-Ita

Nuovo stop nella trattativa tra Ita e i sindacati sul contratto di lavoro per i 2.800 lavoratori che la nuova compagnia aerea deve assumere per dare il via all’attività. I sindacati hanno quindi confermato lo sciopero del trasporto aereo in programma venerdì 24 settembre, mentre l’azienda è decisa a decollare col primo volo il prossimo 15 ottobre. Non solo. Il Governo non ha accolto, per ora, la richiesta di estensione della cassa integrazione fino al 2025, confermando invece la misura per un anno per i dipendenti che non entreranno nella nuova compagnia Ita.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA