Legge delega

Oggi in cdM il taglio Irpef per il ceto medio, via anche l’Irap

Prima si riunisce la cabina di regia, poi il consiglio dei Ministri, per approvare la legge delega. Sul tavolo anche la riforma del catasto e dell’Iva

Oggi in cdM il taglio Irpef per il ceto medio, via anche l’Irap

Il consiglio dei Ministri torna a riunirsi e ora sul tavolo c’è il fascicolo della riforma fiscale.

All’ordine del giorno c’è infatti il programma per modificare le norme in materia di tasse e di catasto, già al centro del dibattito politico degli ultimi giorni.

La prima a riunirsi è la cabina di regia, poi toccherà all’esecutivo che sarà chiamato ad approvare la legge delega, che contiene il taglio dell’Irap per il ceto medio, l’aggiornamento di Iva, Ires e detrazioni fiascali, oltre alla riforma del catasto.

 

Dall’Irpef al Catasto: le modifiche

A fornire indicazioni sugli aggiornamenti ai quali lavora il Governo è il Messaggero, secondo cui entro oggi si dovrebbe arrivare all’approvazione finale della legge delega. Come riporta il quotidiano romano, si tratterà di una legge omnicomprensiva, che riguarderà modifiche all'Irpef e all'Iva, all'Ires e alle detrazioni fiscali. Proprio l’Iva rappresenterebbe la novità, inserita nell’impianto all’ultima ora.

 

Modifica dell’Iva

Secondo le indiscrezioni si va verso la rimodulazione dell’imposta sul valore aggiunto. In particolare si prevede il passaggio di alcune categorie da uno scaglione all'altro dell’aliquota fissa, per rendere il sistema più omogeneo. Per l'Irpef, l’imposta sulle persone fisiche, dovrebbe invece arrivare un sistema duale con una riduzione delle imposte per redditi da 28 a 55 mila euro.

I decreti attuativi e il coinvolgimento delle parti sociali

Quanto ai decreti attuati, necessari per rendere “operativa” la riforma, secondo quanto riporta il Messaggero saranno messi a punto da tavoli di esperti del settore, coinvolgendo anche le parti sociali. Questo dovrebbe permettere di inserire anche la riforma del Catasto.

 

Riforma del catasto

È uno dei temi più dibattuti delle ultime settimane. La modifica principale, come emerso nei giorni scorsi, riguarderebbe il passaggio dal numero dei vani ai metri quadrati per il calcolo del valore catastale degli immobili. Questi ultimi, inoltre, dovrebbero essere suddivisi in sole due categorie: ordinari e speciali.

 

Lotta all’evasione fiscale

Un capitolo a parte è riservato anche alla lotta all'evasione fiscale, con l’obiettivo di rendere più efficaci i controlli da parte dell’Agenzia delle entrate, con l’incrocio delle banche dati. Un ultimo intervento potrebbe riguardare il trasferimento dell'agenzia della Riscossione, nata dal superamento di Equitalia, all'interno dell'Agenzia delle Entrate, in modo da semplificare il sistema e rendere più fluide le attività di accertamento e riscossione.

Tutte le riforme in oggetto, comunque, sono considerate “di accompagnamento" del Recovery plan. La delega era stata già annunciata a luglio, ma era poi slittata a settembre e da qui a ottobre, in attesa delle elezioni amministrative di domenica 3 e lunedì 4.

Ora i tempi sembrano “maturi”.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA