La nuova variante

Variante Omicron in Italia, regole in Europa. Israele, stop ingressi

Positivo e asintomatico un manager in arrivo dal Mozambico. Da domani zona gialla e Super Green Pass in Friuli. Misure anti-Covid nel mondo rafforzate

Variante Omicron in Italia, regole in Europa. Israele, stop ingressi

Il primo caso positivo segnalato in Italia riguarda un manager campano di 55 anni, vaccinato con due dosi, che ai primi di novembre era rientrato dopo un viaggio di lavoro in Mozambico.

Sottoposto a tampone molecolare per alcuni accertamenti medici, a Milano, era risultato positivo anche se asintomatico.

Positivi anche i familiari, comprese le figlie ora in quarantena insieme alle loro classi.

Intanto da domani zona gialla in Friuli Venezia Giulia per arginare il rialzo dei contagi.

La Regione sarà anche la prima dove entrerà in vigore il Super Green Pass o Green Pass rafforzato.

 

Le misure in Europa e in Israele

Dopo i primi blocchi dei voli provenienti da alcuni paesi africani, ora Israele ha deciso di chiudere completamente le frontiere. “L'ingresso di stranieri è vietato con l'eccezione dei casi approvati da una commissione speciale" come si legge in una nota dell'ufficio del primo ministro. È scattato anche l’isolamento di almeno tre giorni per i cittadini israeliani in arrivo dall'estero e la quarantena per chi arriva da zone rosse, in hotel indicati dalle autorità fino a quando non avranno un risultato negativo del test anti-Covid. I servizi segreti interni dello Shin Bet vigileranno per localizzare le persone infette.

Nel Regno Unito, invece, inasprite le regole di ingresso per gli arrivi con test Pcr obbligatori e isolamento fino al risultato, insieme al ritorno della mascherina obbligatoria in tutti i negozi. Quarantena obbligatoria di 10 giorni e tamponi anche per entrare in Giappone da diversi Paesi africani. ?In Francia chiunque sia "in contatto" con un altro risultato positivo alla nuova variante Omicron, dovrà essere isolato anche se vaccinato, ha detto il ministero della Salute.

La variante Omicron, intanto, è stata individuata anche in Australia e in Belgio, oltreché nel Regno Unito, in Germania, Repubblica Ceca e Italia, mentre non è ancora stata rilevata negli Usa.

 

Svizzera, referendum sul Green Pass

La Svizzera, che oggi affronta un referendum sulle restrizioni anti-Covid, ha esteso la lista dei paesi di provenienza per cui occorre la quarantena: Hong Kong, Israele, Belgio, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, Paesi Bassi, Egitto e Malawi. Intanto la Confederazione è diventata il primo e unico Paese al mondo a indire un referendum sul green pass, chiamato 'certificato covid' e obbligatorio dal 13 settembre per andare al ristorante, in palestra, al cinema o partecipare alle grandi manifestazioni culturali o sportive. Si prevede una conferma.

 

Variante Omicron: le novità

"Dai primi dati epidemiologici la variante Omicron sembrerebbe davvero più contagiosa della Delta. Al momento nei laboratori del Sudafrica, con i quali siamo in costante contatto, sono già stati fatti più di 500 sequenziamenti. L'epidemiologia ci dice che sta soppiantando la variante Delta. Le informazioni certe, però, arriveranno dai dati molecolari, sia per quanto riguarda la contagiosità, sia per quanto riguarda la capacità dei vaccini di proteggere. E le analisi sono già in corso", spiega all'Adnkronos Salute Massimo Ciccozzi, responsabile dell’unità di Statistica medica ed Epidemiologia della facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma, già attivato sullo studio della nuovissima variante.

 

Perché il nome “Omicron”?

Proprio mentre si attendono risposte certe e scientifiche sulla nuova variante, non manca la polemica, che riguarda la lettera greca scelta: "Questa avrebbe dovuto chiamarsi Nu". Ma si rischiavano confusioni con la parola inglese "new". "La lettera successiva" avrebbe ricordato il presidente cinese Xi e quindi si è optato per Omicron per non offendere la Cina: "La scienza non dovrebbe inchinarsi alla politica" ha commentato l’infettivologo del San Matteo di Pavia, Matteo Bassetti.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA