Fantaconsigli

Fantacalcio, Consigliati 15^ giornata serie A: turno infrasettimanale

Un nuovo turno infrasettimanale è alle porte e in questa settimana vi saranno diversi scontri tra grandi e medio-piccole: Juventus a Salerno, Milan a Genova

Fantacalcio, Consigliati 15^ giornata serie A: turno infrasettimanale

Si apre la quindicesima giornata, in un nuovo turno infrasettimanale che darà nuovi spunti per la classifica finale di questo girone di andata. La Salernitana se la vedrà con la Juventus, mentre il Napoli affronterà il temerario Sassuolo di Dionisi. Sfida rossoblu per la Roma, la Lazio aspetterà l’Udinese in capitale. Torino contro Empoli e Fiorentina contro Sampdoria. Il Genoa cercherà la prima vittoria con Sheva contro il suo passato glorioso rossonero.

Fantacalcio, consigliati 15^  giornata serie A:

Vanja Milinkovic-Savic (Torino): La sua crescita è stata esponenziale in questa stagione, soprattutto dopo le critiche iniziali. Il numero uno serbo si è rivelato una vera e propria scoperta, grazie anche alle sue parate provvidenziali che hanno trascinato i granata sin qui. La sua dote principale, oltre i grandi interventi con le mani, consiste nel gestire la palla come se fosse un centrocampista: lanci, possesso e anche creazione di occasioni (già diverse volte partecipe di alcune reti della squadra): un vero elemento in più. L’Empoli è una squadra pressa molto in alto e la sua partecipazioni può rivelarsi essenziale se si basa su un palleggio rapido per velocizzare la manovra. Ancora una volta, sia difensivamente che offensivamente, gli uomini di Juric si affidano principalmente a lui. 

 

Simone Romagnoli (Empoli): La vera scoperta di questa stagione è la squadra di Andreazzoli, che pian piano sta scalando posizioni inaspettate. L’ultima vittoria nel derby toscano con la Fiorentina ha dato modo di osservare ulteriormente le qualità mentali di questo team, capace in diverse occasioni di ribaltare le partite grazie alla pazienza e all’intelligenza nello sfruttare un singolo momento. Tra i protagonisti vi è il difensore centrale, che finalmente sta giocando una stagione di livello, dimostrandosi importante e leader di spogliatoio. Il Torino è una squadra che segna poco e avere un centrale di marcatura stretta può essere la mossa per portare il risultato a casa. 

 

Luiz Felipe (Lazio): La brutta sconfitta con il Napoli rimediata nel posticipo di domenica scorsa deve diventare velocemente un brutto ricordo. I capitolini hanno la possibilità di riscattarsi subito in un match tutt’altro che facile, ma alla portata tecnica del gruppo di Sarri, pronti a far ricredere i tifosi dopo le varie delusioni. L’Udinese è una squadra abituata a muoversi in verticale sull’unica punta come riferimento, Beto, a dare profondità.Il centrale brasiliano in questa stagione sta sbocciando come una rosa, dimostrando non solo un grande senso della posizione, ma anche una propensione offensiva sulle palle da fermo. Nella marcatura ad uomo dovrà essere preciso, soprattutto nel limitare la punta avversaria fisicamente. 

 

Frank Ribéry (Salernitana): Finalmente torna a disposizione di mister Colantuono, che dovrà vedersela contro la ferita Juventus. Impresa ardua, ma non impossibile, soprattutto considerando che la squadra di Max Allegri sta incontrando difficoltà contro ogni avversario possibile. Per sfruttare l’attimo vincente e portare a casa punti sono necessari colpi di genio, o azioni personali che decretino un attimo della gara. Magari decisivo. Il francese, nonostante gli infortuni, rimane un maestro del pallone e solo a lui possono mettere in mano il gioco della squadra. Gli anni non pesano, in particolare modo quando si hanno certe qualità, contro difese fragili nell’uno contro uno. Non sarà una passeggiata, ma la gara è tutt’altro che scontata. 

 

Antonio Candreva(Sampdoria): Dopo due vittorie consecutive bisogna credere nell’aria positiva di Genova: un cambio radicale che sta risuscitando la squadra dalle materie oscure. Nonostante le punte non siano performanti come tutti si aspettavano, vi è un elemento che sta facendo completamente la differenza. L’esterno ex Inter e Lazio ha numeri da paura, tra goal o assist fa parte di ogni goal dei blucerchiati, obbligati ad appoggiarsi su di lui per le sorti della salvezza. Ha acquisito quella sicurezza mentale che lo rende leader, tra giovani e inesperti lo spogliatoio della Doria sta subendo dei mutamenti anche  grazie all’esterno. La Fiorentina soffre le palle alte e gli inserimenti da dietro, ossia pane per i suoi denti. 

 

Mario Pasalic (Atalanta): A sorpresa sta diventando uno dei giocatori chiave di questa Serie A. Tra goal (pesanti) e palloni decisivi è diventato uno dei più performanti nel suo ruolo e adesso Gasperini vuole affidare l’intera mediana alle sue doti da incursore. La squadra di sta risollevando, con continuità e può finalmente tornare ai livelli a cui tutti siamo abituati. Il Venezia subisce tante reti e la sua presenza aumenterà la massa in area di rigore, non dando punti di riferimenti alla retroguardia avversaria. Probabilmente al croato manca solo un po’ di altruismo in alcune azioni, come detto dallo stesso tecnico: acquisito ciò, rischia di diventare un vero e proprio uomo spogliatoio, anche a livello di leadership.

 

Antonin Barak (Verona):Dopo tanto tempo torna alla sconfitta il gruppo di Tudor, praticamente imbattuto dall’arrivo del nuovo tecnico. La caduta di domenica a Genova fa parte del percorso, visto comunque alcune lacune in reparti non proprio folti, come la difesa. Riprendersi subito per rincorrere un sogno inaspettato è essenziale e contro il Cagliari hanno la chance (e l’obbligo) di portare a casa i tre punti. Il trequartista è letteralmente scoppiato, soprattutto a livello realizzativo, visto ceh lascia la sua impronta in quasi tutte le partite: tra stacchi, inserimenti e calci piazzati è diventato un elemento papabile anche per i top club. Vincere gare alla portata alzerebbe il livello mentale del gruppo che vede in lui il faro di ogni schema gialloblù. 

 

Dusan Vlahovic (Fiorentina): ancora una volta l’attaccante serbo ha dimostrato di valere le cifre che girano intorno a lui. La squadra si basa non solo a livello di goal, impressionati, ma anche a livello di presenza fisica sulla trequarti avversaria, dove fa ripetutamente a sportellate per liberare varchi decisivi. I n assoluto tra i tra i migliori nel suo ruolo in Europa, vista la continuità nel confermarsi sotto porta. Il riscatto dopo il derby perso contro l’Empoli, negli ultimi secondi di gara, è essenziale. La classifica dice che sono più vicini alle zone europee, che a quelle pericolose, prova che il livello si è alzato. Risolvere i suoi dissidi con la società renderebbe l’ambiente più tranquillo, ma se per ora continua così, nessuno può lamentarsi.

 

Domenico Berardi (Sassuolo): Finalmente, dopo tante partite perse, i neroverdi tornano ad un grande successo, contro una delle migliori del campionato. Le qualità le conosciamo da sempre, ma probabilmente mancava la coesione con la nuova gestione tecnica. il gruppo giovane ha bisogno di crescere, ma la tecnica e il talento di alcuni elementi stanno già facendo la differenza. Tra tutti l’elemento chiave, non che bandiera della squadra, continua a stupire, dopo le performance con la nazionale, vuole trascinare questa squadra in alto, riuscendo finalmente a levarsi qualche sassolino dalla scarpa.

 

Tammy Abraham (Roma): eccolo il sigillo che mancava a Mourinho. Lo hanno aspettato, coccolato e protetto, ottenendo finalmente il reale valore della nuova punta giallorossa. il goal contro il Torino ha portato a casa capitolina tre punti essenziali, visti anche risultati negativi delle dirette concorrenti. Non può fermarsi adesso, questa squadra bisogno di lui e lui ha bisogno di crescere con il gruppo. Manca forse ancora la coesione con un compagno di reparto, ma l’aggiunta di Zaniolo alla fase offensiva sta iniziando a dare i suoi frutti. Il Bologna una squadra altalenante, si fanno imbucare tra le linee,  che è la vera mossa vincente del team: sfruttare gli spazi per arrivare all’obiettivo e il giusto segreto per giungere alla vittoria. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA