Le pagelle della 21esima di Serie A

Juve, Sassuolo, Milan e Atalanta vincono in trasferta, l’Inter in casa

La capolista tiene agevolmente a bada una buona Lazio, con Bastoni come goleador e suggeritore. L’Empoli prende 5 gol. L’Udinese 6. Theo trascina il Milan

Juve, Sassuolo, Milan e Atalanta vincono in trasferta, l’Inter in casa

La ventunesima giornata di Serie A 2021/2022 è stata colma di partite entusiasmanti, ma anche molte gare rinviate, che si giocheranno nei prossimi giorni. In scena due big match di grande livello, vinti dall'Inter, sulla Lazio e da una pirotecnica Juventus, in casa della Roma. Il Sassuolo travolge l’Empoli con cinque goal, mentre l’Atalanta si ripresenta con una sonora vittoria ai danni dell'Udinese. Theo trascina il Milan a Venezia, Petagna si inventa la rete della vittoria contro la Sampdoria

 

Pagelle 21^ giornata Serie A: le Bocciate

Empoli voto 4: Dopo diverso tempo, torna una prestazione buia, priva di idee e gioco: vengono surclassati dall'inizio alla fine, subendo in tutte le zone del campo. Hanno la forza di pareggiare la gara dopo aver regalato un rigore beffardo, ma da lì non si impongono praticamente mai, facendosi trovare a più riprese scoperti.Un punto in due partite, con otto goal incassati. Non il migliore degli inizi per questo 2022. Mancano alcune seconde linee in fase offensiva e forse, Mancuso meriterebbe una chance.

 

Venezia voto 4,5: Anche per loro questa seconda parte di stagione non inizia al meglio, visto che incassano una sonora sconfitta da un brillante Milan. Indubbiamente essere rimasti con l'uomo in meno, a mezz'ora dalla fine è stata la mazzata letale, visto che smettono completamente di giocare. Soffrono in particolare modo gli inserimenti sulle fasce, dove spesso i due terzini non reggono l’uno contro uno. Non sono queste le sfide dove si salveranno, ma una reazione la si deve mostrare in tutte le situazioni.

 

Udinese voto 4,5: Il virus ha influenzato tutte le squadre, ma tra le più colpite vi è la corazzata di Cioffi, imbattuta da tre partite, ma che si è ritrovata a sbattere contro il muro bergamasco. Gli avversari fanno ciò che vogliono, riuscendo a calciare da ogni posizione a causa dei pochi accorciamenti dei centrocampisti friulani. Per lo meno, concludono in porta, riuscendo a riaprire parzialmente la gara con Molina e il solito Beto. Devono ritrovare subito la serenità delle gare precedenti, per continuare il percorso positivo introdotto dal nuovo tecnico. 

 

Hellas Verona voto 5: Una brutta caduta, che dopo la vittoria con lo Spezia di giovedì, riporta i ragazzi di Tudor sul pianeta terra. Non funziona nulla per novanta minuti e la troppa foga di vincere ha trascinato il gruppo nella tensione. Fino a giungere alla confusione totale. Il tecnico fa delle scelte discutibili a livello tattico, soprattutto sui cambi, condannando i suoi ad una dolorosa sconfitta. Sono queste le gare da vincere, se realmente si vuole fare un salto di qualità. 

 

Roma voto 5: Tra le migliori prestazioni di questa stagione per i giallorossi, che però dal 70esimo in poi rovinano tutto, passando dal paradiso all’inferno. Sul doppio vantaggio subiscono un calo di coraggio, come spesso accaduto in questo campionato, facendosi ribaltare una partita già vinta. Pellegrini sbaglia il rigore del pareggio, ma le colpe non possono essere affidate solo lui, visto anche l'alto calibro del suo calcio di punizione. La paura vive nella Capitale e Mourinho sta iniziando a perdere la calma di fronte a certi atteggiamenti. Ecco le nostre pagelle Roma-Juve.

 

Sampdoria voto 5,5: Giocano una gara a due facce, ma alla fine dei conti, ben gestita. Perdono per una giocata incredibile di Petagna, ma in diverse occasioni hanno le chance per pareggiare. Nonostante la sconfitta va detto che i ragazzi di D'Aversa hanno sempre una grande personalità nel soffrire e nel difendersi, ripartendo poi con intelligenza sugli esterni. Positivo l'ingresso di Rincon, arrivato poche ore prima. Ottime giocate anche da parte del giovane Ciervo.

 

Lazio voto 5,5: Quando Sarri incontra Inzaghi, da sempre, lo mette in difficoltà con il palleggio rapido e gli scontri fisici in mezzo al campo. I bianco celesti hanno dato l'anima per tenere viva una gara, che in alcune occasioni potevano anche vincere. Peccano sull’ultimo passaggio nell’azione decisiva, specie quando parte dall'esterno, dove i cross sono tutt'altro che precisi. In mezzo al campo invece i centrocampisti lavorano bene, combattendo a muso duro con i Campioni d'Italia. Ancora in goal “Re Ciro”, vero pilastro dei capitolini. 

 

Pagelle 21^ giornata Serie A: le Promosse

Napoli voto 8: Come contro la Juventus, sprecano moltissimo, ma stavolta riescono a portare a casa i tre punti. Sfiorano la rete troppo spesso, rischiando di farsi imbucare dagli avversari, quando rimangono eccessivamente lunghi e scoperti. La decide Petagna con un colpo da maestro, mentre Mertens vive una partita difficile, colma di lamentele verso l'arbitro. Un giocatore di grande sacrificio. Bene Demme da filtro, per Insigne invece bisognerà aspettare visto che non è ancora chiara l'entità dell'infortunio. La corsa verso l'obiettivo continua, anche con tantissime assenze.

 

Inter voto 8,5: Toccava alla squadra di Inzaghi, dopo aver saltato il Bologna, dare conferme sullo stato d'animo della squadra. E alla fine non deludono, portando a casa punti chiave. La gara non è delle più facili e la decidono i due centrali, Bastoni e Skriniar. Lasciano campo agli avversari, forse troppo, pur di portare in sacca il risultato , confermando quindi il loro stato mentale da vincenti. Peccano un po’ le punte, che annegano nella difesa siano celeste. Positivo Brozovic, che davanti ad un centrocampo do grande qualità non si piega, facendo girare velocemente la palla. Inizio da top. 

 

Milan voto 8,5: Pioli non si reputa ai livelli dei cugini nerazzurri, eppure la sua squadra non sembra mai intenzionata a sbagliare un colpo. Assolutamente perfetti, in entrambe le fasi, attaccando in massa, insieme alla linea di difesa, che sale sino alla trequarti. Una vera macchina da guerra, che sta tirando fuori dei soldati indomabili. Leao si traveste da assistman, Theo invece da goleador. In buca anche Ibrahimovic, che si riscatta dal rigore sbagliato con la Roma. Rimarranno al vertice sino alla fine, non lasciando spago alle inseguitrici.

 

Salernitana voto 8,5: Contro ogni pronostico si ripresentano alla Serie A con l'anima bollente di chi vuole spaccare il mondo. Si portano in vantaggio su calcio di rigore e quando subiscono il pareggio non si buttano giù, portando a casa il risultato pieno. Tre punti che non cambiano ancora le sorti della classifica, ma che hanno un forte odore di rivincita. In mezzo a mille difficoltà onoreranno il campionato, cercando il miracolo.

 

Sassuolo voto 9: Se volevamo vedere questa settimana spettacolo e talento bastava seguire la gara dei neroverdi, che sono stati assolutamente dominanti, in una partita tutt'altro che semplice. Sugli scudi Scamacca, che entra e sigla una doppietta, propiziando anche la rete di Raspadori. I due giovani azzurri non hanno intenzione di fermarsi. Così come Berardi, che ormai segna ad ogni gara, mostrando tutta la sua leadership. Sarà un'assenza pesante a Verona. Lopez è il cervello del team: tutte le azioni di gioco passano da lui. 

 

Atalanta voto 9: Senza troppi ostacoli iniziano questo nuovo anno mostrando al meglio le loro qualità. Sei goal rifilati ad una squadra che viveva un ottimo momento, facendo sembrare facili anche le cose più incredibili. Muriel salta l'uomo e segna con la naturalezza di un campione, Pasalic invece si conferma la reale sorpresa di questa stagione bergamasca. Ritrova il goal sia Pessina che Maehle, che dovranno dare di più rispetto al girone d'andata, per rinforzare ulteriormente il gruppo. Non conoscono limiti e questo, fino alla fine, sarà il loro punto di forza. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA