Allarme sicurezza

Mafia, la “bomba a orologeria” di Foggia. Oggi arriva Lamorgese

Il ministro dell’Interno nella città pugliese dopo l’escalation di attentati e intimidazioni: in azione la criminalità di racket, usura ed estorsioni

Mafia, la “bomba a orologeria” di Foggia. Oggi arriva Lamorgese

Non è più il tempo di aspettare: la visita del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, arriva in un momento delicatissimo per la provincia pugliese di Foggia dove da tempo si verificano episodi preoccupanti. Gli ultimi in ordine di tempo sono stati una serie di bombe: sette solo dall’inizio dell’anno.

Da qui l’allarme sicurezza che ha spinto a convocare il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto proprio dalla titolare del Viminale, “Per valutare le misure da assumere per intensificare l'attività di prevenzione e di controllo del territorio, potenziando la strategia di contrasto già attivata".

 

In arrivo più agenti a Foggia

Gli ordigni fatti esplodere dal 1° gennaio sono ben sette tra San Severo (4 soltanto qui), Foggia e Vieste: dietro non ci sono dubbi che ci sia la mano della malavita organizzata, tanto che il Governo ha deciso l’invio di rinforzi, con 50 agenti di polizia in più alla Questura di Foggia.

Non solo: è stata anche presa in considerazione l’ipotesi di far arrivare nel capoluogo pugliese un distaccamento del pool della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari. "Ci lavoreremo già a partire da lunedì", ha assicurato la sottosegretaria alla Giustizia, Anna Macina.

Dalle bombe all’usura

A pesare non sono solo i gravissimi episodi dinamitardi, che in passato hanno colpito anche attività commerciali non ancora aperte, ma anche un vasto giro di usura. Secondo quanto emerso da precedenti indagini, infatti, alcuni malavitosi della zona chiedono il “pizzo” a imprenditori con tassi di interesse che oscillano tra il 300 e il 400%.

Venerdì, invece, c’è stato un primo segnale da parte dello Stato, con una vasta operazione anticrimine che ha interessato Foggia e San Severo. Le forze di polizia, congiunte, hanno sequestrato nei bassifondi delle città armi, munizioni, droga ed esplosivi.

 

Lamorgese a sostegno delle associazioni antiracket

Con l'occasione della presenza a Foggia, oggi viene anche tenuta a battesimo dal ministro Lamorgese l’Associazione antiracket Fai ‘Luigi e Aurelio Luciani’. In programma anche la visita all'Università degli Studi di Foggia. Alla vigilia del suo arrivo il Rettore, Pierpaolo Limone, ha dichiarato: “Siamo onorati di ospitare la Ministra Lamorgese in un momento così delicato e complesso quale quello che stiamo vivendo in Capitanata. Le forze dell'ordine - con le quali abbiamo nel tempo stabilito una importante  collaborazione - stanno facendo un egregio e massiccio lavoro sul territorio e noi vogliamo essere al fianco delle istituzioni svolgendo  il ruolo che ci compete: la formazione delle coscienze, la responsabilità, l’etica e l’impegno civile delle future generazioni".

"La lotta contro le mafie e a favore della legalità - ha sottolineato il Rettore - si vince insieme e gli studenti rappresentano uno snodo fondamentale per il felice esito di questo processo. Il proficuo e continuo scambio tra le istituzioni, inoltre, non può che favorire un’evoluzione che speriamo di riscontrare a medio termine”.

 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA