L’addio

L’ultimo saluto a Monica Vitti: il giorno dei funerali a Roma

Le esequie alla Chiesa degli Artisti a Roma alle 15. Ieri chiusa la camera ardente in Campidoglio, con oltre 1.000 persone a rendere omaggio all’attrice

L’ultimo saluto a Monica Vitti: il giorno dei funerali a Roma

Oltre un migliaio di persone hanno voluto dare l’ultimo saluto a Monica Vitti, recandosi alla Camera ardente allestita in Campidoglio, a Roma, oggi riaperta dalle 10 alle 13. Poi, alle 15, i funerali presso la Chiesa degli artisti in Piazza del Popolo.

 

Gli omaggi e i fiori

"Non potevo non passare a farle un ultimo saluto" ha detto ai giornalisti un uomo arrivato in Campidoglio con una rosa rossa, aggiungendo: " È stata e resta la più grande attrice italiana, non la dimenticherò mai". Il feretro è rimasto circondato venerdì da mazzi di rose gialle, mimose e anturium. Al centro della Sala della Protomoteca, dove campeggiava una foto dell'attrice e un piccolo mazzo di fiori avvolto con la prima pagina del Manifesto (col titolo "Ma 'ndo vai") hanno accolto la salma della grande attrice il marito, Roberto Russo, e il Sindaco della Capitale, Roberto Gualtieri. Proprio il primo cittadino ha detto: "Sono cresciuto con i suoi film, mi vengono in mente tanti momenti di un'attrice romanissima, che si è formata a Roma. Monica Vitti è un orgoglio per la città".

Mentre la Casa del cinema ha organizzato (fino a domenica) una rassegna sull’attrice spentasi a 90 anni, “cercheremo anche di ricordarla adeguatamente intitolandole un luogo nella sua città" ha annunciato ancora Gualtieri.

In centinaia non hanno voluto mancare e il copione si ripete oggi, prima delle esequie della Vitti, di cui sono stati trasmessi spezzoni di film su un maxischermo.

 

Gli omaggi di attori, scrittori e politici

Tra la folla di gente comune, non sono mancati tantissimi volti noti. Tra i primi a rendere omaggio all'attrice romana c’è stato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che ha confessato di aver amato più di tutti il film ‘Polvere di stelle’. "Era una persona speciale, non dimenticherò mai la sua risata" ha spiegato Marisa Laurito, mentre Walter Veltroni non è riuscito a rilasciare dichiarazioni.

"Era un'attrice straordinaria che sapeva mescolare e sapeva entrare nei caratteri più aristocratici più sofisticati, intellettuali e nello stesso tempo in quelli popolari" ha invece dichiarato Dacia Maraini spiegando: "Abbiamo fatto un film insieme, tratto dal mio libro ‘Teresa la ladra’. Ricordo che era molto esigente sul lavoro, molto presente ma anche piena di una vitalità straordinaria.

Per il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, è stata "Una donna straordinaria, un'attrice incredibile che è rimasta, nonostante gli ultimi anni di assenza, vivissima nel cuore di tutti gli italiani come si è visto in questi giorni quale corrente di affetto, di amore e ammirazione le è stata tributata. Veramente una grande perdita".

 

La curiosità: il gonfalone della Lazio

Tra i molti omaggi c’è stato anche quello della Lazio, di cui la Vitti era tifosa, che oltre a esporre il proprio gonfalone, ha donato una maglia con la scritta 'Monica 1' al suo compagno di vita Roberto Russo, a testimoniare la vicinanza della società alla famiglia, nel ricordo della grande attrice recentemente scomparsa.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA