mobilità sostenibile

Incentivi auto e moto 2022: da oggi le prenotazioni degli sconti

Con la pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale, da oggi si possono prenotare gli incentivi. L’importo varia da 2.000 a 5.000 euro a seconda dei casi

Incentivi auto e moto 2022: da oggi le prenotazioni degli sconti

Il “gran giorno” è arrivato. Da oggi, chiunque voglia acquistare un’auto nuova a minor impatto ambientale, può recarsi in concessionaria e prenotare il modello preferito.

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto, infatti, è possibile “accaparrarsi” lo scontro, che varia da 2.000 a 5.000 euro. Complessivamente il Governo ha stanziato 650 milioni di euro all’anno, per il triennio 2022-2024.

Ecco come funziona e cosa si può comprare con l’incentivo.

 

Da oggi le prenotazioni

Il primo passo è la prenotazione, disponibile da lunedì 16 maggio presso le concessionarie e i rivenditori. L’incentivo è disponibile per l'acquisto di veicoli, auto e moto, elettrici, ibridi e a basse emissioni, come previsto dal Dpcm di aprile, su proposta del ministro Giancarlo Giorgetti e firmato dal presidente del Consiglio Mario Draghi, che destina 650 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022-2023-2024.

Il decreto prevede uno sconto da 2.000 euro (per le plug-in) o da 3.000 euro (per le elettriche) con un prezzo rispettivamente fino a 45mila euro o 35mila + Iva, che però può arrivare nel primo caso a 4.000 (o 5.000 euro per le elettriche) con la rottamazione di un'auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5.

Inoltre, per l'acquisto di auto endotermiche a basse emissioni, con un prezzo fino a 35mila euro + Iva. È previsto un contributo di 2 mila euro con la rottamazione di un veicolo di classe inferiore a euro 5.

 

Per chi sono gli incentivi

A differenza dei precedenti “sconti”, questa volta gli incentivi sono concessi ai soli cittadini privati, con una piccola percentuale dei fondi riservata alle società di car sharing per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in. Invece per le piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche, che svolgono attività di trasporto di cose in conto proprio o in conto terzi sono inoltre previsti contributi per l’acquisto di veicoli commerciali elettrici se ne viene rottamato uno inferiore ad Euro 4: il bonus è di 4mila euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate, 6mila per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate, 12mila per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate. Per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate è riconosciuto un contributo di 14mila euro.

 

Sconti anche per le due ruote

Per i ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e) il bonus è del 30% del prezzo fino a 3mila euro, e del 40% fino a 4mila euro se avviene anche la rottamazione contestuale di una moto in una classe da Euro 0 a 3. Q Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e) è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d'acquisto e fino a 2500 euro con rottamazione.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA