la nazionale

Azzurri, si ferma Verratti: ecco il sostituto e gli altri infortunati

La Nazionale di Mancini ha già iniziato a fare i conti con gli infortunati: si è fermato infatti Verratti, pronto a tornare in Francia per le immediate cure

Azzurri, si ferma Verratti: ecco il sostituto e gli altri infortunati

La Nazionale di Mancini perde subito una pedina chiave, in vista delle due gare in Nations League. Si tratta del centrocampista Marco Verratti, attualmente in forza al Paris Saint-Germain, che durante l’ultima gara in campionato, contro il Lione, ha subito una forte botta al polpaccio. Nonostante ciò, il ragazzo di Pescara ha comunque deciso di presentarsi al ritiro di Coverciano, con la speranza di alleviare il dolore con qualche allenamento personalizzato.

 

Invece gli ultimi controlli hanno evidenziato un'impossibilità a scendere in campo almeno per le prossime due settimane, dove dovrà sottoporsi ad ulteriori verifiche più specifiche nel territorio francese. Una pecca che non ci voleva, specie per Mancini, che deve nuovamente ridisegnare il centrocampo, senza il proprio top player. Con ogni probabilità verrà convocato Frattesi, che nonostante abbia iniziato sottotono la stagione, rimane un mediano affidabile in entrambe le fasi.

 

Non avendo nemmeno Pellegrini e Tonali al top, sarà più complicato variare le scelte, specie nel ruolo di play, dove ad oggi possiamo affidarci unicamente a Jorginho. “Marco non riesce nemmeno a camminare, probabilmente chiamerò Frattesi al suo posto". Così il Commissario Tecnico Mancini ha annunciato il forfait del mediano, facendo intendere che la situazione generale allo stato attuale, non è semplice. I tanti acciaccati (a cui va aggiunto anche Politano da domenica sera) rischiano di non recuperare abbastanza presto per la gara decisiva di sabato sera. “L’avevo detto dopo la mancata qualificazione al Mondiale che sarebbero stati sei mesi durissimi. Fino a dicembre non sarà semplice, credo che si debba trovare un po' di entusiasmo e la spinta può darla proprio il campionato d'Europa, quella vittoria. Dobbiamo cercare altri quattro anni straordinari, dall'Europeo del 2024".

 

Insomma, l’invito ad iniziare un nuovo ciclo, magari estendendo maggiormente la rosa per situazioni delicate in cui mancano le pedine. Avere portato anche Pobega aiuta a ristabilire l’equilibrio, considerando la grande duttilità di cui dispone nel ricoprire tutte le zone del centrocampo.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA