la proposta

Ucraina, l’intervento di Elon Musk che agita il mondo dei social

Mentre arrivano voci di un possibile test nucleare da parte di Putin, il numero uno di Tesla propone un piano di pace con Mosca. Le reazioni e il motivo

Ucraina, l’intervento di Elon Musk che agita il mondo dei social

L'ultimo allarme in ordine di tempo è arrivato da un'informativa inviata dalla Nato agli Stati membri, secondo cui il presidente russo, Vladimir Putin, sarebbe pronto a compiere un test nucleare, proprio ai confini con l'Ucraina. 

Il report dell'intelligence fa riferimento alla possibilità di lancio di un drone sottomarino, di cui si era parlato anche nei giorni scorsi, e sul quale potrebbe essere montata una testata atomica. 

Mentre cresce la preoccupazione per una escalation nucleare, dunque, arriva un messaggio che ha ottenuto l'attenzione da parte dei media e soprattutto dei social, firmato Elon Musk. 

Il numero uno di Tesla, infatti, ha lanciato un sondaggio sul social e ha proposto un piano di pace con Mosca per l'Ucraina. 

 

Il timore per i test nucleari russi

A riferire del documento della Nato è il Times, che ipotizza che i test possano essere condotti nel Mar Nero, senza escludere però altre possibilità, come l'impiego dell'arma nucleare in Ucraina, che viene ritenuto "Non impossibile". "Potrebbero sbagliare e colpire accidentalmente una città russa vicino al confine ucraino come Belgorod" scrivono le fonti riportate dal giornale britannico. Secondo Andrew Futter, professore della Leicester University citato dal magazine, preoccupa anche il rischio del trasporto di armi atomiche via rotaia. 

Oltre all'informativa delle Nazioni Unite, infatti, preoccupa quanto riferito da altre fonti secondo cui un treno militare russo della divisione nucleare sarebbe in viaggio, diretto verso l'Ucraina. Secondo l'analista Konrad Muzyka, che si trova in Polonia, si tratterebbe di un convoglio con a bordo munizioni nucleari, che avrebbe l'obiettivo di stoccare le armi in un luogo nei pressi dell'Ucraina. 

 

Pillole di iodio di potassio contro l'atomica

Da qui le prime precauzioni, come la distribuzione di pillole di ioduro di potassio, che il consiglio comunale di Kiev fa sapere di aver preparare in vista di una possibile distribuzione, in caso di necessità. 

Le compresse a base di iodio, infatti, potrebbero contrastare gli effetti delle radiazioni nucleari, in particolare sulla tiroide. Secondo quanto riferito dal Consiglio, potrebbero essere consegnate ai residenti in caso di ricorso ad ordigni atomici. 

 

Il piano di Elon Musk

A far discutere in queste ore, però, è anche il piano lanciato dal fondatore e numero uno di Tesla, a proposito proprio della guerra in Ucraina. Elon Musk, infatti, la proposto un piano di pace tramite Twitter. "Rifare le elezioni nelle regioni annesso sotto la supervisione dell'O nu", ha ipotizzato Musk, che non si è fermato qui.

Secondo l'ideatore dell'auto a guida automatica, la Russia dovrebbe andarsene "Se questa sarà la volontà del popolo", ma "la Crimea formalmente" potrà essere riconosciuta "parte della Russia come è stata dal 1738 (fino all'errore di Krusciov)", twitta Musk.

Un altro punto riguarda le "forniture d'acqua assicurate alla Crimea" e che "l'Ucraina resti neutrale". 

Partendo da questi presupposti, secondo Musk si potrebbe raggiungere un piano di pace. 

Ma non solo, perché agli utenti di Twitter è stato sottoposto anche un sondaggio, nel quale si chiede loro se siano d'accordo a questo tipo di soluzione. 

In poche ore il magnate ha totalizzato, con la sua iniziativa, qualcosa come oltre 1,5 milioni di risposte su Twitter. 

 

Le reazioni di Mosca e Kiev

Tra le reazioni, però, non sono mancate quelle dei protagonisti della guerra, a partire dall'Ucraina, che ha risposto con il proprio presidente, Volodymyr Zelensky, con una domanda sempre su Twitter e molto provocatoria: "Quale Elon Musk preferite, quello che sostiene l'Ucraina o quello che sostiene la Russia?". 

Poi il consigliere del presidente, Mykhailo Podolyak, ha lanciato una controproposta: "Esiste un piano di pace migliore: 1. l'Ucraina libera i suoi territori, compresa l'annessa Crimea; 2. la Russia subisce la smilitarizzazione e la denuclearizzazione obbligatoria in modo da non poter più minaccia gli altri; 3. i criminali di guerra affrontano un tribunale internazionale. 

Diversa la reazione di Mosca, con l'ex presidente Dmitry Medvedev che si è "complimentato" con Elon Musk ironizzando: "Adesso, però, l'agente ombra ha perso la copertura. Merita un avanzamento di grado, rapidamente, ipotizzando che il prossimo tweet di Musk "dirà che l'Ucraina è uno stato artificiale". 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA