Coppa del mondo

Due stelle guarderanno il Mondiale da casa: Mané e Benzema out

Entrambi sul podio dell’ultimo Pallone d’Oro, hanno dovuto per forza di cose rinunciare a Qatar 2022. Nessuno verrà sostituito e le rose saranno da 25

Due stelle guarderanno il Mondiale da casa: Mané e Benzema out

Il Mondiale è iniziato e le grandi sfide sono in arrivo. Le squadre hanno vissuto dieci giorni di ritiro intensi, consapevoli della fatica e degli ostacoli aggiuntivi in questa speciale edizione in Qatar. Non a caso, stanno proseguendo i forfait di alcuni top player, fuori condizione per affrontare questo mese intenso: tra infortuni in extremis e cambi di giocatori in rosa, i tecnici non hanno ancora una visione totale di come si presenteranno le squadre all’esordio.

 

Nell’ultima settimana, oltre agli infortunati nel mese di novembre, si sono aggiunte aggiunte alcune pedine d’oro alla lista degli indisponibili, mettendo in difficoltà le proprie Nazionali. In particolar modo ci riferiamo a Francia e Senegal, prive dei due giocatori cardine per eccellenza: Sadio Mané del Bayern Monaco e Karim Benzema del Real Madrid. Due assenze pesantissime, anche a livello di spettacolo, considerando la qualità e i numeri che portano ad ogni gara. Per di più, parliamo di due dei tre giocatori finiti sul podio (prime due posizioni) nell’ultima edizione del Pallone d’Oro, assieme a De Bruyne, che per fortuna è presente con il suo Belgio. Entrambi i Commissari Tecnici hanno deciso di non sostituire i due infortunati, preferendo affidarsi al resto della rosa, seppur più corta rispetto alle altre.

 

Una scelta che potrebbe pagare, magari dando la possibilità a qualche seconda linea di mettersi in mostra, ma potrebbe anche rivelarsi letale, vista l’ampia scelta, per entrambe le Nazionali, di potersi affidare ad alcuni giocatori importanti, rimasti fuori lista. Considerando i duri allenamenti, devono sperare di non perdere ulteriori elementi, sennò rischierebbero fortemente di andare in difficoltà. Scopriamo nel dettaglio l’entità dei due infortuni e quali potrebbero essere le nuove variazioni di Deschamps e Cissé.

 

Un pallone d’Oro a casa:

Indubbiamente l’infortunio di “Karim the Dream” Benzema è stata la notizia peggiore che potessero digerire i tifosi francesi. A distanza di pochi giorni dallo stop fatale di Nkunku, un’ulteriore perdita nel settore offensivo, potrebbe senza dubbio causare diverse problematiche alla squadra, a livello di soluzioni. L’attaccante del Real Madrid ha riportato un problema al quadricipite della coscia sinistra, durante lai sessione pomeridiana d’allenamento.

 

Come ha riportato il sito ufficiale dei francesi “Karim Benzema fuori dai Mondiali. Colpito al quadricipite della coscia sinistra, l'attaccante del Real Madrid è costretto a rinunciare alla partecipazione al Mondiale. Karim Benzema è stato costretto ad interrompere l'allenamento in gruppo a causa di un dolore al quadricipite della coscia sinistra. È andato a fare una risonanza magnetica in un ospedale di Doha e purtroppo è stata confermata una lesione del retto femorale, che richiederà un periodo di recupero di tre settimane”.

 

È stato convocato Mouani dalla Bundesliga (al posto dell’esterno del Lipsia) per tentare di portare velocità e numeri alla squadra, ma per il ruolo di numero nove, tocca di nuovo a Giroud metterci una pezza. “Un brutto colpo per la Francia” ha detto il Commissario Tecnico dei Bleus, probabilmente preoccupato di aver perso una delle fonti maggiori di goal. La punta Giroud è ben distinta a livello di caratteristiche, ma a differenza del 2018, ha preso una confidenza maggiore nell’inserimento dietro alla difesa, diventando così palpabilmente il pilastro centrale del tridente. Più palloni alti, meno palleggio con la punta: così cambiano gli schemi.

 

La profezia di Mané:

Che probabilmente non sarebbe riuscito a partecipare, non è una notizia, considerando che lo staff della squadra lo ha convocato unicamente con la speranza di un miracolo. Tra riti fatti dai tifosi e allenamenti extra, nulla è bastato per evitare il forfait del giocatore bavarese. Un problema alla testa del perone destro, che si è portato dietro per quasi un mese e a cui, inevitabilmente, ha dovuto arrendersi.

 

Un dispiacere per tutto il mondo del calcio, dopo aver assistito qualche mese fa alla vittoria della Coppa d’Africa proprio dal Senegal, dover perdere l’ennesima stella di questo fantomatico torneo. Un punto di riferimento. Un leader silenzioso, che però non conosce la paura “Possiamo vincere il Mondiale” disse qualche giorno prima del forfait definitivo.

 

Senza un sostituto valido è difficile immaginare che possano avere le stesse ambizioni di prima, seppur ci siano in rosa attaccanti importanti come Dia, Jackson O Sarr. Anche il tecnico dell’Olanda, Van Gaal, ha commentato amaramente l’assenza di un avversario fenomenale come il senegalese: “"Sono un tifoso di Sadio Mané. Quando ero allenatore al Manchester United ho provato a prenderlo. Penso che sia una grande mancanza per il Senegal, ma a noi manca il giocatore con più gol e più assist".

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA