Def 2020: cos'è come funziona, cosa prevede testo, decreto aprile

Approvazione Def 2020 cos'è come funziona il Documento di economia e finanza, scostamento deficit 55 miliardi decreto aprile coronavirus, Nota Def

diAlessandra Losito

Coronavirus, Def 2020 approvazione e scostamento deficit decreto aprile

 

*** Ultime notizie: il CdM approva il Def 2020:

Il Consiglio dei ministri ha approvato il Documento di economia e finanza. Il Cdm ha anche approvato, a quanto viene confermato, la relazione alle Camere per richiedere l'autorizzazione allo scostamento di bilancio, in vista del nuovo decreto di aprile.

 

Nella bozza del Def si legge che "Se non si fosse materializzato il cigno nero della crisi epidemica l'economia italiana avrebbe potuto registrare un ritmo di crescita in graduale miglioramento nell'anno in corso. Tale ripresa avrebbe condotto ad una modesta espansione nel primo trimestre dell'anno, rendendo raggiungibile la previsione di crescita annua dello 0,6 per cento formulata nella Nadef di settembre 2019". 

 

Nel nuovo decreto di aprile ci sarà un pacchetto di misure per una "drastica semplificazione" in settori "cruciali per il rilancio degli investimenti che interesserà appalti, edilizia, commercio e controlli, in cui si precisa che l'emergenza Covid-19 "impone di accelerare il processo di digitalizzazione e, in alcuni casi, di adottare misure di deroga, eccezionali o comunque temporanee, nel rispetto dei principi generali".

 

Sempre nella bozza del Def il governo indica risorse per oltre 3 miliardi l'anno sia per il 2020 che per il 2021 (lo 0,2% del Pil) da "privatizzazioni e altri proventi finanziari". 

 

L'emergenza Covid peserà sui consumi e sopratutto sugli investimenti, che crolleranno di una percentuale a due cifre. Secondo le previsioni contenute nella bozza del Def:

Stime analoghe a quelle riscontrate durante la crisi globale del 2008-2009.

 

 

*** Def 2020 ultime notizie 24 aprile scostamento deficit: a causa dell’emergenza Coronavirus, il documento di economia e finanza non ha rispettato la solita tempistica per la sua presentazione al parlamento entro il 10 aprile ma oggi 24 aprile sta avendo luogo il Consiglio dei Ministri per la sua approvazione.

 

Sul tavolo del CdM ci sono il documento di economia e finanza e la relazione al Parlamento sullo scostamento di bilancio.

Prima del Cdm c'è stata la riunione del premier Giuseppe Conte con il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri e i capi delegazione di maggioranza. Con il presidente del Consiglio riuniti Dario Franceschini, Roberto Speranza, Alfonso Bonafede e Teresa Bellanova, insieme al sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.

 

In base alle ultime notizie il governo si appresta a votare uno scostamento di bilancio da 55 miliardi di euro per sostenere le nuove misure da mettere in campo contro i danni economici del Coronavirus con il nuovo decreto aprile 2020. In questo modo l'indebitamento complessivo per il 2020 salirebbe di qualche decimale oltre il 10%. Si stima un crollo del Prodotto Interno Lordo 2020 compreso tra il 7% e il 10%, oltre che di un rapporto deficit/PIL al 7%-8%.

 

Una delle novità nel DEF 2020-2021 potrebbe essere la definitiva sterilizzazione delle clausole di salvaguardia (circa 20 miliardi) mediante l'accantonamento in bilancio delle risorse necessarie a evitare il problema a cadenza annuale.

 

Ricordiamo che l'approvazione e l'aggiornamento del Def rappresenta il momento più topico per ogni Stato perché è su questo documento che vanno scritti nero su bianco i numeri della manovra economica.

 

La presentazione alle Camere del DEF è un quindi una fase importante per il futuro di un Paese in quanto, in esso, sono contenuti gli aggiornamenti alle previsioni macroeconomiche e agli obiettivi programmatici da raggiungere con la nuova Manovra finanziaria e la Nota di aggiornamento del Def 2020/21 italiano è particolarmente attesa vista la pandemia.

 

In attesa quindi dell'approvazione del Def 2020 andiamo a vedere e a spiegare il Def cos’è e come funziona, cosa prevede il testo di aggiornamento della Nota che rivede le previsioni economiche e di finanza pubblica contenute nel precedente documento di aprile e di quanto sarà la percentuale di deficit decisa dal governo.

 

Cos'è il Def?

Che cos’è il DEF? Il Def, acronimo di Documento di economia e finanza, è certamente lo strumento di programmazione economica più importante per un qualsiasi governo, in quanto, dai dati in esso contenuti, si evincono gli obiettivi di politica economica che un determinato paese intende perseguire, quali sono le stime di spesa sull’andamento delle finanze pubbliche e dell’economia nazionale e quali sono le riforme che il governo di turno intende attuare.

 

Il Documento di economia e finanza dopo la riforma del 2011 che ha provveduto ad adeguare il documento alle normative comunitarie, è composto da 3 sezioni specifiche

Sia la prima che la terza sezione del Def, quindi il Programma di stabilità ed il Programma nazionale di riforma, devono essere trasmessi alla commissione europea entro il 30 aprile, mentre la parte di Analisi e tendenze della finanza pubblica è solo a scopo interno allo Stato, nello specifico in base a quanto previsto dalla legge n. 39 del 2011, il Def deve essere presentato dal governo per l’approvazione del parlamento entro il 10 aprile mentre entro il 27 settembre di ciascun anno, il governo in essere deve presentare la Nota di aggiornamento al Def, contenente gli aggiornamenti del Def precedente che nel caso italiano è stato presentato dall’uscente governo Gentiloni.

 

Nella Nota di aggiornamento al Def, quindi il governo ha la possibilità di aggiornare gli obiettivi del Programma di stabilità e del Programma nazionale di riforme che saranno perseguiti con la nuova Legge di Bilancio. 

 

Def 2020 cos’è? Il Def 2020 e quindi la Nota di aggiornamento del Def 2020 Documento economica e finanza sono gli strumenti che il Governo utilizza per mettere nero sui bianco tutti gli obiettivi, le coperture necessarie e le riforme dei prossimi 3 anni e che verranno attuate attraverso la nuova Legge di Bilancio.

 

DEF 2020 come funziona il Documento di economia e finanza:

Come funziona il DEF 2020? Il Def funziona così:

- il Def è il documento nel quale è indicato l'aggiornamento del Pil, deficit, debito, interessi, tasso di disoccupazione, previsioni, riforme, spese per l'anno in corso e per il triennio successivo.

 

- Il DEF, ogni anno, deve essere messo a punto dal governo in essere e deve poi essere presentato al Parlamento per la sua successiva approvazione.

 

- durante l'iter di approvazione del DEF, il documento di economia e finanze deve essere trasmesso, entro una certa scadenza, al Parlamento Europeo ed ottenere il via libera quindi dall'Ue.

 

- dal momento poi che il Documento e la Nota di aggiornamento non hanno forza di legge, i dati e le misure in essi illustrati possono essere modificati e ritoccati.

 

- come abbiamo già anticipato, Il documento è composto da tre parti: la prima parte a cura del dipartimento del Tesoro; la seconda parte dalla Ragioneria generale dello Stato e la terza sulle riforme, di concerto del dipartimento del Tesoro con quello delle Politiche comunitarie.

 

- la terza parte del DEF è molto importante in quanto vengono indicati chi sono i partner commerciali dell’Italia, i creditori e le prospettive a breve e medio termine.

 

Def 2020 approvazione: quando? Ecco l'iter:

Qual è l'iter di approvazione Def 2020? Ecco le date più importanti da ricordare:

leggi l'articolo completo sul sito
COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Contatti Redazione Privacy Policy Termini di Servizio

The Italian Times è una testata registrata al n. 53/2020 presso il registro della Stampa del Tribunale di Roma.

The Italian Times © Copyright 2020 INNOVAMEDIA P. IVA 11848391006.

Marchio Registrato ® tutti i diritti sono riservati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Cliccando sul tasto "Accetto" acconsenti all'uso dei cookie.