EditorialiOpinioniAnalisiInchiesteIntervisteScenariFirme
A chi spettano i Ristori

Decreto Ristori, un'analisi sulle misure e i nuovi aiuti che spettano

Decreto Ristori cosa prevede il testo del Dl 137 del 28 ottobre 2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ecco l'analisi di tutte le misure inserite e attese

1 novembre 2020 10:40
Decreto Ristori, un'analisi sulle misure e i nuovi aiuti che spettano

Il Decreto Ristori 137/2020 del 28 ottobre, contenente misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19 nello specifico, misure di sostegno economico per le attività che hanno subito uno stop a causa delle misure anti-Covid previste dal Dpcm del 24 ottobre 2020, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 269 del 28.10.2020 ed è entrato in vigore dal 29 ottobre. Si attende ora la sua conversione in legge da parte delle Camere.

 

Il Governo con il nuovo decreto ha provveduto a stanziamento di 5,4 miliardi di euro in termini di indebitamento netto e 6,2 miliardi in termini di saldo da finanziare.

 

Procediamo quindi all'analisi di tutte le misure previste dal decreto Ristori pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

 

Decreto Ristori, TITOLO I – SOSTEGNO ALLE IMPRESE E ALL’ECONOMIA

Art. 1. (Contributo a fondo perduto da destinare agli operatori IVA dei settori economici interessati dalle nuove misure restrittive):

In base all'articolo 1 del Dl Ristori, viene riconosciuto un contributo straordinario ai soggetti che dichiarano di svolgere come attività prevalente una di quelle riferite ai codici ATECO riportati nell'Allegato 1, integrabile con ulteriori settori riconosciuti come danneggiati.

 

Il contributo a fondo perduto spetta a condizione che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai 2/3 dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019, o senza condizione di fatturato per tutti coloro che abbiano attivato la partita IVA a partire da gennaio 2019.

 

Per coloro che hanno già beneficiato del contributo di cui all’articolo 25 del DL Rilancio, le modalità di erogazione restano le stesse mentre per i nuovi richiedenti, dovranno presentare l'apposita domanda per via telematica.

 

Il contributo sarà di importo minimo di 1000 euro per le persone fisiche e di 2000 per gli altri soggetti, e non potrà superare i 150.000 euro.

 

Allegato 1 (Articolo 1) Codici Ateco:

Codice ATECO – Attività - % di ristoro:

  • 493210 - Trasporto con taxi 100,00%

  • 493220 - Trasporto mediante noleggio di autovetture da rimessa con conducente 100,00%

  • 493901 - Gestioni di funicolari, ski-lift e seggiovie se non facenti parte dei sistemi di transito urbano o sub-urbano 200,00%

  • 551000 – Alberghi 150,00%

  • 552010 - Villaggi turistici 150,00%

  • 552020 - Ostelli della gioventù 150,00%

  • 552030 - Rifugi di montagna 150,00%

  • 552040 - Colonie marine e montane 150,00%

  • 552051 - Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence 150,00%

  • 552052 - Attività di alloggio connesse alle aziende agricole 150,00%

  • 553000 - Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte 150,00%

  • 559020 - Alloggi per studenti e lavoratori con servizi accessori di tipo alberghiero 150,00%

  • 561011 - Ristorazione con somministrazione 200,00%

  • 561012 - Attività di ristorazione connesse alle aziende agricole 200,00%

  • 561030 - Gelaterie e pasticcerie 150,00%

  • 561041 - Gelaterie e pasticcerie ambulanti 150,00%

  • 561042 - Ristorazione ambulante200,00%

  • 561050 - Ristorazione su treni e navi200,00%

  • 562100 - Catering per eventi, banqueting 200,00%

  • 563000 - Bar e altri esercizi simili senza cucina 150,00%

  • 591300 - Attività di distribuzione cinematografica, di video e di programmi televisivi 200,00%

  • 591400-Attivita' di proiezione cinematografica 200,00%

  • 749094 - Agenzie ed agenti o procuratori per lo spettacolo e lo sport 200,00%

  • 773994 - Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli: impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi 200,00%

  • 799011 - Servizi di biglietteria per eventi teatrali, sportivi ed altri eventi

  • ricreativi e d'intrattenimento 200,00%

  • 799019 - Altri servizi di prenotazione e altre attività di assistenza turistica non svolte dalle agenzie di viaggio nca 200,00%

  • 799020 - Attività delle guide e degli accompagnatori turistici 200,00%

  • 823000 - Organizzazione di convegni e fiere 200,00%

  • 855209 - Altra formazione culturale 200,00%

  • 900101 - Attività nel campo della recitazione 200,00%

  • 900109 - Altre rappresentazioni artistiche 200,00%

  • 900201 - Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli 200,00%

  • 900209 - Altre attività di supporto alle rappresentazioni artistiche 200,00%

  • 900309 - Altre creazioni artistiche e letterarie 200,00%

  • 900400-Gestione di teatri, sale da concerto e altre strutture artistiche 200,00%

  • 920009 - Altre attività connesse con le lotterie e le scommesse (comprende le sale bingo) 200,00%

  • 931110 - Gestione di stadi 200,00%

  • 931120 - Gestione di piscine 200,00%

  • 931130 - Gestione di impianti sportivi polivalenti 200,00%

  • 931190 - Gestione di altri impianti sportivi nca 200,00%

  • 931200 - Attività di club sportivi 200,00%

  • 931300 - Gestione di palestre 200,00%

  • 931910 - Enti e organizzazioni sportive, promozione di eventi sportivi 200,00%

  • 931999 - Altre attività sportive nca 200,00%

  • 932100 - Parchi di divertimento e parchi tematici 200,00%

  • 932910 - Discoteche, sale da ballo night-club e simili 400,00%

  • 932930 - Sale giochi e biliardi 200,00%

  • 932990 - Altre attività di intrattenimento e di divertimento nca 200,00%

  • 949920 - Attività di organizzazioni che perseguono fini culturali, ricreativi e la coltivazione di hobby 200,00%

  • 949990 - Attività di altre organizzazioni associative nca 200,00%

  • 960410 - Servizi di centri per il benessere fisico (esclusi gli stabilimenti termali) 200,00%

  • 960420 - Stabilimenti termali 200,00%

  • 960905 - Organizzazione di feste e cerimonie 200,00%

 

Art. 2. (Rifinanziamento comparto del Fondo speciale di cui all'articolo 5, comma 1, della legge 24 dicembre 1957, n. 1295):

Il decreto Ristori rifinanzia con altri 5milioni di euro per il 2020, il fondo speciale per i contributi per interessi sui mutui, anche se accordati da altre aziende di credito e dalla Cassa depositi e prestiti, per le finalità istituzionali concessi dall’Istituto per il Credito Sportivo.

 

Art. 3. (Fondo per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche):

Sempre col decreto Ristori viene istituito il "Fondo per il sostegno delle Associazioni Sportive Dilettantistiche e delle Società Sportive Dilettantistiche", con una dotazione di 50 milioni di euro per l'anno 2020, le cui risorse sono assegnate al Dipartimento per lo Sport. Il fondo servirà per il sostegno e la ripresa delle associazioni e società sportive dilettantistiche che hanno cessato o ridotto la propria attività istituzionale a seguito dei provvedimenti statali di sospensione delle attività sportive. I criteri di ripartizione delle risorse sono stabiliti con provvedimento del Capo del Dipartimento per lo Sport.

 

Art. 4. (Sospensione delle procedure esecutive immobiliari nella prima casa)

Le procedure esecutive immobiliari della prima casa sono sospese fino al 31 dicembre 2020. È inefficace ogni procedura esecutiva per il pignoramento immobiliare, di cui all'articolo 555 del codice di procedura civile, che abbia ad oggetto l'abitazione principale del debitore, effettuata dal 25 ottobre 2020 alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

 

Art. 5. (Misure a sostegno degli operatori turistici e della cultura)

Il decreto Ristoro aumenta le risorse stanziate in favore del Fondo per il sostegno del settore dello spettacolo, del cinema e audiovisivo, del Fondo per il sostegno delle librerie e dell'intera filiera dell'editoria, e del Fondo per le agenzie di viaggio e i tour operator. Introduce inoltre disposizioni per il rimborso dei contratti di acquisto di titoli di accesso per spettacoli dal vivo.

 

Art. 6. (Misure urgenti di sostegno all'export e al sistema delle fiere internazionali)

Incrementata anche la dotazione del Fondo rotativo istituito presso il MCC per la concessione di finanziamenti a tasso agevolato alle imprese esportatrici. Estende inoltre l’accesso al fondo volta al supporto ai processi di internazionalizzazione degli enti fieristici italiani alle imprese aventi come attività prevalente l'organizzazione di eventi fieristici di rilievo internazionale

 

Art.7. (Misure di sostegno alle imprese appartenenti alle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura)

Stabilito, nel limite complessivo di 100 milioni di euro per l'anno 2020, contributi a fondo perduto a favore delle imprese operanti nelle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura.

 

Art. 8. (Credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda)

Riconosciuto il credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda anche alle imprese operanti nei settori di cui all’allegato 1, con riferimento a ciascuno dei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

 

Art. 9. (Cancellazione della seconda rata IMU)

Il decreto Ristori prevede per l'anno 2020, la cancellazione della seconda rata IMU concernente gli immobili e le relative pertinenze in cui si esercitano le attività indicate nella tabella di cui all'allegato 1 al presente decreto, a condizione che i relativi proprietari siano anche gestori delle attività ivi esercitate.

 

Art. 10. (Proroga del termine per la presentazione del modello 770)

Dichiarazione dei sostituti d’imposta relativa all’anno di imposta 2019: la scadenza modello 770/2020 è prorogato al 10 dicembre 2020.

 

 

Decreto Ristori, TITOLO II – DISPOSIZIONI IN MATERIA DI LAVORO

Art. 11. (Finanziamento della prosecuzione delle misure di sostegno al reddito per le conseguenze dell’emergenza epidemiologica)

Disposizioni contabili per il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali.

 

Art. 12. (Nuovi trattamenti di Cassa integrazione ordinaria, Assegno ordinario e Cassa integrazione in deroga. Disposizioni in materia di licenziamento. Esonero dal versamento dei contributi previdenziali per aziende che non richiedono trattamenti di cassa integrazione):

I datori di lavoro che sospendono o riducono l'attività lavorativa per eventi riconducibili all'emergenza epidemiologica da COVID-19 possono presentare domanda di Cassa integrazione Covid ordinaria, Assegno ordinario e Cassa integrazione in deroga, per una durata massima di 6 settimane, secondo le modalità previste. Le sei settimane devono essere collocate nel periodo ricompreso tra il 16 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021.

 

Art. 13. (Sospensione dei versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione per i dipendenti delle aziende dei settori economici interessati dalle nuove misure restrittive)

Sono sospesi i termini dei versamenti di contributi previdenziali e assistenziali e di premi per assicurazione obbligatoria dovuti per la competenza di novembre 2020 per i datori di lavoro privati che svolgono attività di cui all’Allegato 1. I suddetti pagamenti dovranno essere effettuati entro il 16 marzo 2021 in un’unica soluzione o mediante rateizzazione.

 

Art. 14. (Nuove misure in materia di Reddito di emergenza)

I nuclei familiari già beneficiari del Reddito di emergenza proroga di 2 mesinovembre e dicembre 2020. Riconosciuto per una singola quota anche ai nuclei familiari in possesso dei requisiti stabiliti dal Dl Rilancio.

 

Art. 15. (Nuova indennità per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo)

Bonus 1000 euro stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo è riconosciuta una indennità onnicomprensiva una tantum pari a € 1.000,00. La domanda per le indennità, se in possesso dei requisiti, deve essere presentata all’INPS entro il 30 novembre 2020 tramite il modello di domanda predisposto dall’Istituto.

 

Art. 16. (Esonero contributivo a favore delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura)

Riconosciuto alle aziende delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura, comprese le aziende produttrici di vino e birra, l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali, a carico dei datori di lavoro delle predette filiere per il mese di novembre 2020, ferma restando l'aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche. Il medesimo esonero è riconosciuto agli imprenditori agricoli professionali, ai coltivatori diretti, ai mezzadri e ai coloni con riferimento alla contribuzione dovuta per il mese di novembre 2020.

 

Art. 17. (Disposizioni a favore dei lavoratori sportivi)

Bonus collaboratori sportivi La misura reitera per il mese di novembre 2020 la misura di sostegno economico già prevista dall’art. 96 del Dl Cura Italia e dall’art. 98 del Dl Rilancio, sia pure elevata nell’importo a 800 euro. In particolare, si prevede che per il mese di novembre 2020, è erogata da Sport e Salute un’indennità pari a 800 euro in favore dei lavoratori impiegati con rapporti di collaborazione presso il CONI, il CIP, le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate, gli enti di promozione sportiva, riconosciuti dal CONI e dal CIP, le società e associazioni sportive dilettantistiche, i quali, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID 19, hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività. Ai soggetti già beneficiari per i mesi di marzo, aprile, maggio o giugno dell’indennità di cui all’articolo 96 del Dl Cura Italia, all’articolo 98 del Dl Rilancio e di cui all’articolo 12 del Dl Agosto, per i quali permangano i requisiti, l’indennità pari a 800 euro è erogata da Sport e Salute, senza necessità di ulteriore domanda, anche per il mese di novembre 2020.

 

Decreto Ristori, TITOLO III – SALUTE E SICUREZZA E ALTRE DISPOSIZIONI URGENTI

Art. 18. (Disposizioni urgenti per l’esecuzione di tamponi antigenici rapidi da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta)

La norma autorizza per il 2020 la spesa di 30 milioni di euro al fine di sostenere ed implementare il sistema diagnostico dei casi di positività al virus SARS-CoV-2 attraverso l’esecuzione di tamponi antigenici rapidi da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta, secondo le modalità definite dagli Accordi collettivi nazionali di settore.

 

Art. 19. (Disposizioni urgenti per la comunicazione dei dati concernenti l'esecuzione di tamponi antigenici rapidi da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta)

Prevede che i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, siano tenuti a predisporre il referto elettronico relativo al tampone eseguito per ciascun assistito.

 

Art. 20. (Istituzione del servizio nazionale di risposta telefonica per la sorveglianza sanitaria)

Il Dl Ristoro prevede che il Ministero della salute attivi un servizio nazionale di supporto telefonico e telematico alle persone risultate positive al virus SARS-Cov-2, che hanno avuto contatti stretti o casuali con soggetti risultati positivi o che hanno ricevuto una notifica di allerta attraverso l'applicazione "Immuni".

 

Art. 21. (Misure per la didattica digitale integrata)

Aumentato il Fondo per il funzionamento delle istituzioni scolastiche di 85 mln per l'anno 2020 per l'acquisto di dispositivi e strumenti digitali individuali per la fruizione della DAD, attività di didattica digitale integrata, da concedere in comodato d'uso alle studentesse e agli studenti meno abbienti, nonché per l'utilizzo delle piattaforme digitali per la necessaria connettività di rete.

 

Art. 22. (Scuole e misure per la famiglia)

Prevede che un genitore lavoratore dipendente può svolgere la prestazione di lavoro in modalità agile per la durata della quarantena del figlio, minore di 16 anni, anche nel caso in cui sia stata disposta la sospensione dell'attività didattica. Inoltre, viene incrementa a 93 mln il limite di spesa dell’INPS per l’erogazione dell’indennità per i periodi di congedo fruiti, nelle ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile.

 

Art. 23. (Disposizioni per l’esercizio dell’attività giurisdizionale nella vigenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19)

Prevede una serie di misure per il settore delle giustizia, valevoli fino al termine della durata dello stato di emergenza. Tra le altre cose, si prevede l’utilizzo di collegamenti da remoto per l’espletamento di specifiche attività legate alle indagini preliminari e, in ambito sia civile che penale, alle udienze.

 

Art. 24. (Disposizioni per la semplificazione delle attività di deposito di atti, documenti e istanze nella vigenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19)

Fino alla termine dello stato di emergenza, il deposito di atti, documenti e istanze indicate dall'articolo 415-bis, comma 3, del codice di procedura penale, presso gli uffici delle procure della repubblica presso i tribunali avviene, esclusivamente, mediante deposito dal portale del processo penale telematico. Successivamente il ministero della giustizia, indicherà gli ulteriori atti per quali sarà reso possibile il deposito telematico. Per tutti gli atti, documenti e domande comunque diversi da quelli sopra indicati, è consentito il deposito con valore legale mediante posta elettronica certificata.

 

Art. 25. (Misure urgenti relative allo svolgimento del processo amministrativo)

La possibilità di svolgere la discussione orale nelle udienze camerali o pubbliche con modalità di collegamento da remoto si applicano anche alle udienze pubbliche e alle camere di consiglio del Consiglio di Stato, del Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana e dei tribunali amministrativi regionali.

 

Art. 26. (Disposizioni in materia di giudizio contabile nonché misure urgenti relative allo svolgimento delle adunanze e delle udienze del processo contabile durante l’ulteriore periodo di proroga dello stato di emergenza epidemiologica) 

Fino al termine dello stato di emergenza, le adunanze e le udienze dinanzi alla Corte dei conti alle quali è ammessa la presenza del pubblico si celebrano a porte chiuse. Viene inoltre prorogata al termine dello stato di emergenza lo svolgimento in modalità decentrata e attraverso l’utilizzo di tecnologia digitale delle procedure concorsuali in corso relative al personale della Corte dei conti

 

Art. 27. (Misure urgenti relative allo svolgimento del processo tributario)

Fino alla cessazione degli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza nazionale da Covid-19, ove sussistano divieti, limiti, impossibilità di circolazione ovvero altre situazioni di pericolo per l’incolumità pubblica, lo svolgimento delle udienze pubbliche e camerali e delle camere di consiglio con collegamento da remoto è autorizzato, secondo la rispettiva competenza, con decreto motivato del presidente della Commissione tributaria provinciale o regionale, da comunicarsi almeno cinque giorni prima della data fissata per un'udienza pubblica o una camera di consiglio.

 

Art. 28. (Licenze premio straordinarie per i detenuti in regime di semilibertà)

Al condannato ammesso al regime di semilibertà possono essere concesse licenze con durata superiore a quella prevista, salvo rilievo di motivi ostativi da parte del magistrato di sorveglianza.

 

Art. 29. (Durata straordinaria dei permessi premio)

Permessi premio ai detenuti: il Dl Ristori prevede la concessione di permessi premio in deroga al regime ordinario per i detenuti già assegnati al lavoro all’esterno o a ammessi all’istruzione o formazione professionale all’esterno.

 

Art. 30. (Disposizioni in materia di detenzione domiciliare)

Previsione di casistiche di detenzione per le quali è autorizzata in via straordinaria la detenzione domiciliare

 

Art. 31 - Disposizioni in materia di elezioni degli organi territoriali e nazionali degli ordini professionali vigilati dal Ministero della giustizia)

Le procedure elettorali per la composizione degli organi territoriali degli ordini professionali vigilati dal Ministero della giustizia possono svolgersi con modalità telematiche da remoto disciplinate con regolamento adottato dal consiglio nazionale dell'ordine.

 

Art. 32. (Misure per la funzionalità delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco)

Autorizza spese ulteriori per il pagamento delle indennità di ordine pubblico del personale delle Forze di polizia e per il pagamento delle prestazioni di lavoro straordinario del personale dei vigili del fuoco.

 

Art. 33. (Fondo anticipazione di liquidità)

Per il 2020 le Regioni a statuto speciale utilizzano le quote accantonate e vincolate del risultato di amministrazione senza operare la nettizzazione del fondo anticipazione liquidità.

 

Dl Ristrori, TITOLO IV – DISPOSIZIONI FINALI:

Art. 34. (Disposizioni finanziarie)

Il Fondo per interventi strutturali di politica economica è incrementato di 246 milioni di euro per l'anno 2021 e di 50 milioni di euro per l'anno 2023. L’articolo definisce poi le coperture finanziarie per gli oneri derivanti dal decreto legge.

 

Art. 35. (Entrata in vigore)

Il decreto entra in vigore il 29 ottobre 2020. 

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA