Bonus baby sitter 600 euro: cos'è come funziona, Pin dispositivo INPS

Bonus baby sitter 2020 da 600 euro cos'è come funziona domanda dal 1° aprile con Pin dispositivo INPS, fruizione con Libretto di Famiglia Inps, istruzioni

Bonus baby sitter 2020, ritornano i voucher baby sitter per sostenere le famiglie.

 

Tra le novità del decreto Cura Italia è stato inserito un piano per le famiglie che il governo ed in particolare la ministra della Famiglie Elena Bonetti ha messo a punto al fine di sostenere le famiglie in queste settimane di emergenza Coronavirus, di fronte alla chiusura delle scuole fino al 3 aprile.

 

Nel decreto Cura Italia previsti quindi il bonus baby sitter e il congedo parentale straordinario.

 

Ma vediamo in dettaglio il bonus baby sitter 2020 cosa sono e come funzionano, ricordando che per presentare la domanda non si potrà usare il PIN Semplificato INPS ma il PIN INPS dispositivo.

 

Domanda Bonus baby sitter con PIN dispositivo e orari:

Le ultime notizie Bonus baby sitter sono arrivate con la circolare n. 44 del 24 marzo 2020 dell’Inps. La circolare spiega come fare domanda bonus baby sitter a partire dal 1° aprile 2020 per via telematica, a chi spetta il bonus, i requisiti per richiederlo, le tempistiche di pagamento e quando la baby sitter riceverà il compenso - entro il 15 maggio.

 

Ecco le tempistiche del bonus baby sitter dettate dall'INPS:

  • il beneficiario può presentare la domanda bonus baby sitter dal 1° aprile 2020;

  • l'INPS riceve la comunicazione dell’accoglimento del bonus il 5 aprile;

  • l'INPS effettua l’appropriazione il 6 aprile.

  • Entro il 3 maggio inserisce le prestazioni lavorative già svolte per un importo pari alla somma da corrispondere al lavoratore per le giornate di lavoro svolte.

  • Il 15 maggio arrivano i soldi sull’Iban della baby sitter.

La domada bonus baby sitter può essere presentata tramite il sito INPS accedendo con le solite modalità e PIN dispositivo e non con il PIN semplificato INPS. Anche per usufruire del bonus tramite Libretto di Famiglia, però il PIN INPS dispositivo.

 

Si ricorda che a seguito dei problemi di accesso al sito INPS di ieri, l'accesso per l'invio delle domande è in specifici orari di apertura.

 

Ecco quindi I nuovi orari sito INPS per inviare la domanda online bonus 600 euro:

  • dalle 8.00 alle 16.000 per patronati e consulenti;

  • dalle 16.00 per i cittadini.

 

Bonus baby sitter 2020 decreto Cura Italia:

Bonus baby sitter decreto Cura Italia: gli aiuti alle famiglie studiati dal Governo al fine di far fronte alla chiusura delle scuole fino al 3 aprile, sono stati inseriti nel nuovo decreto Cura Italia.

 

Tra gli aiuti richiedibili c'è:

  • congedo parentale di 15 giorni fino a 12 anni al 50% della retribuzione;

     

  • congedo parentale di 15 giorni tra 12 e 16 anni ma senza retribuzione.

     

Bonus baby sitter 2020 a chi spetta:

In base a quanto previsto dal decreto Cura Italia pubblicato in Gazzetta Ufficiale, c'è la reintroduzione del bonus baby sitter per sostenere le famiglie di autonomi e partite IVA vista la decisione di chiudere le scuole fino al 15 marzo con il decreto Coronavirus 4 marzo 2020 e poi con il decreto 9 marzo 2020, fino al 3 aprile.

 

Per cui per far fronte a questa emergenza nell'emergenza il Governo ed in particolare la ministra della Famiglia, Bonetti, stanno mettendo a punto un piano di aiuti ad hoc per le famiglie con figli perché se le scuole sono chiuse, i bambini restano a casa ma i genitori devono continuare a lavorare ed i nonni sono le persone più a rischio Coronavirus.

 

Ecco quindi i nuovi aiuti per le famiglie:

  • bonus baby sitter da 600 euro che può essere richiesto da genitori di bambini con meno di 12 anni, entrambi lavoratori.

  • Il voucher baby sitter può essere utilizzato solo per pagare la baby sitter regolarmente assunta.

Per il congedo strordinario e voucher baby sitter, il Governo, stanzierà circa 700 milioni di euro.

 

Bonus baby sitter a chi spetta:

  • ai genitori di figli di età inferiore a 12 anni alla data del 5 marzo 2020; 

  • anche in caso di adozione e affido preadottivo;

  • oltre il limite d’età di 12 anni, in presenza di figli con handicap in situazione di gravità, purché iscritti a scuole di ogni ordine grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale; 

  • è erogato mediante libretto famiglia di cui di all’articolo 54-bis della legge 24 aprile 2017, n. 50. 

 

Bonus baby sitter 2020 Covid-19 beneficiari:

Il voucher baby-sitting spetta, fino ad un massimo di 600 euro per famiglia, è riservata alle seguenti categorie di soggetti: 

  • lavoratori dipendenti del settore privato;

  • lavoratori iscritti alla Gestione separata di cui all’art. 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335;

  • lavoratori autonomi iscritti all’INPS;

  • lavoratori autonomi non iscritti all’INPS (subordinatamente alla comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali). 

 

Bonus baby sitter dipendenti pubblici e sanitario:

Il bonus per servizi di baby-sitting spetta altresì ai lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alle seguenti categorie: 

  • Medici;

  • Infermieri;

  • Tecnici di laboratorio biomedico;

  • Tecnici di radiologia medica;

  • Operatori sociosanitari

  • Al personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze

  • connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Per tali soggetti, il bonus:

  • è erogato dall’INPS mediante il libretto famiglia, con riferimento alle prestazioni rese a decorrere dal 5 marzo per i periodi di sospensione delle attività didattiche;

  • l’importo complessivo spettante, in tali casi, può arrivare ad un massimo di 1.000 euro per nucleo familiare.

 

Bonus baby sitter 600 euro domanda con Pin Semplificato INPS:

L'INPS ha comunicato le modaltà per accedere online al sito ufficiale e presentare, a partite dalla prossima settimana, il bonus bonus baby per via telematica.

 

L'accesso ai servizi online dell’INPS può avvenire attraverso una delle seguenti tipologie di credenziali:

  • PIN dispositivo INPS (per alcune attività semplici di consultazione o gestione è sufficiente un PIN ordinario);

  • SPID di livello 2 o superiore;

  • Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE);

  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

 

Bonus baby sitter come richiederlo? Domanda INPS:

La domanda bonus baby sitter è stata attivata a seguito dell’implementazione informatica, per cui è possibile presentarla con le seguenti e consuete modalità: 

  • WEB- www.inps.it - sezione "Servizi online" > "Servizi per il cittadino" > autenticazione con il PIN dispositivo (oppure SPID, CIE, CSN) > 

    “Prestazioni e servizi”, nell’elenco “Tutti i servizi”:

    -      selezionando la lettera “M”, con il titolo “Maternità e congedo parentale lavoratori dipendenti, autonomi, gestione separata”;

    -      selezionando la lettera “D”, con il titolo “Domande per Prestazioni a sostegno del reddito”, “Disabilità”;

  • CONTACT CENTER INTEGRATO - numero verde INPS 803.164 (gratuito da rete fissa) o numero 06 164.164 (da rete mobile con tariffazione a carico dell'utenza chiamante); 

  • PATRONATI - attraverso i servizi offerti gratuitamente dagli stessi.

 

Bonus baby sitter Libretto famiglia INPS:

I voucher possono essere fruiti tramite l'acquisto del Libretto famiglia Inps.

 

Ecco come Attivare il libretto famiglia per poter fruire del bonus per servizi di baby-sitting.

  • registrarsi tempestivamente come utilizzatori di libretto Famiglia sul sito INPS,

  • prestazioni occasionali > “Libretto Famiglia. 

  • devono registrarsi come prestatori sulla piattaforma dell’INPS dedicata alle Prestazioni occasionali anche i soggetti che prestano i servizi di baby-sitting, ed esercitando “l’appropriazione” delle somme nell’ambito di tale procedura.

 

Bonus baby sitter cos’è?

Che cos’è il bonus babysitter?

Il bonus baby sitting è stata una agevolazione riservata alle mamme che decidevano, una volta terminato il congedo di maternità, di non proseguire l’assenza dal lavoro con il congedo parentale, e di tornare subito a lavorare. Ora reintrodotto per l'emergenza Covid.19.

 

Tale bonus, pertanto, era molto diverso dal bonus nido 2020 da 3.000 euro a figlio, perché l’erogazione di quest’ultimo è a prescindere dalla situazione lavorativa dei genitori e del loro reddito, inoltre tra i requisiti richiesti per poter beneficiare del bonu asilo nido, c'è l’iscrizione obbligatoria del bambino all’asilo nido pubblico o privato, che il bimbo sia nato dopo il 1° gennaio 2016 e che la domanda all'Inps, sia effettuata per via telematica allegando la copia del pagamento della retta dell’asilo nido pubblico o privato.

 

Il bonus baby sitter, invece, era vincolato alla rinuncia del congedo parentale da parte della mamma, alla quale spettano voucher da 600 euro al mese per 6 mesi, per pagare la retta dell’asilo o della baby sitter.

 

Ricordiamo inoltre che nella Legge di Bilancio 2020 famiglia il Governo ha deciso di introdurre diverse novità a seguito dell'approvazione della legge di Stabilità, quali:

  • Conferma bonus bebè + aumento 20% per il secondo figlio;

  • bonus nido fino a 3.000 euro a figlio;

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA