L’assegno unico figlio a carico

Bonus figlio a carico 2021: come funziona il nuovo assegno unico

Bonus figli a carico cos'è come funziona l'assegno unico 2021, i nuovi assegni familiari fino al compimento 21 anni, novità Legge di Bilancio 2021

21 ottobre 2020 08:02
Bonus figlio a carico 2021: come funziona il nuovo assegno unico

Bonus figlio a carico 2021 per le famiglie che hanno almeno 1 figlio a carico da 0 a 18 anni e poi con una riduzione dell'importo fino a 21 anni. 

 

La nuova misura che si chiama Assegno unico è volta ad introdurre i nuovi assegni familiari per le famiglie che hanno figli a carico e secondo le prime indicazioni, sarà introdotta con la nuova Legge di Bilancio 2021.

 

E' stato approvato, infatti, all’unanimità con 452 sì, zero no e 1 astenuto il disegno di legge cd. Family Act che prevede l'introduzione a partire da gennaio 2021 dell’assegno unico universale per i figli.

 

La Camera ha approvato il disegno di legge Delrio-Lepri che delega al governo l’emanazione dei relativi decreti legislativi per il provvedimento che fa parte del Family Act. Ora manca solo il Senato e il provvedimento rivolto a tutti i figli a carico  e maggirato per i figli disabili, diventerà legge e potrà essere operativo a partire da luglio 2021 per effetto della nuova Manovra 2021.

 

Bonus figli a carico 2021: che cos'è?

Che cos’è il bonus figli a carico 2021? Il bonus figli a carico è una nuova misura universalistica a cui sta lavorando il governo italiano e che dovrebbe far parte della nuova Legge di Bilancio 2021.

 

Secondo le prime indicazioni dal 2021 saranno istituiti i nuovi assegni familiari figli a carico per le famiglie con almeno 1 figlio a carico tra 0 e 21 anni.

 

Questo bonus famiglie per chi ha uno o più figli a carico, porterebbe ad una vera e propria rivoluzione tra le agevolazioni fiscali per le famiglie, in quanto, qualora approvato, andrebbe ad abolire gran parte delle misure oggi previste, con un nuovo bonus figli a carico.

 

Come funziona l'assegno unico 2021:

Assegno unico 2021 come funziona? Il nuovo bonus figli a carico, secondo le prime indiscrezioni, prevede il diritto a percepire assegni familiari di importo variabile in base all'età del figlio:

 

Un assegno unico che eliminerebbe, pertanto, le attuali misure a sostegno della natalità e delle famiglie con figli, come ad esempio il bonus bebè e le detrazioni per familiari a carico, fatta eccezione per quella del coniuge, per gli altri familiari e i disabili.

  • l'assegno unico spetta alle famiglie con figlie e figli a carico;

  • l'importo minimo dell’assegno universale per i figli è stabilito per tutti i nuclei familiari con uno o più minori, cui viene aggiunta una quota ulteriore e variabile determinata per scaglioni dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE);

  • alle famiglie beneficiarie spetterà un importo mensile sotto forma di denaro o credito da utilizzare in compensazione dei debiti d’imposta;

  • l'importo spetterà per ogni figlia o figlio, fino ai ventuno anni di età;

  • in caso di figlia o figlio successivo al terzo, l’importo dell’assegno universale è maggiorato;

  • l'assegno unico sarà riconosciuto a partire dalla nascita e sarà di importo pieno fino a 18 anni e poi si ridurrà dai 18 ai 21 anni.

  • il bonus figli non concorrerà alla formazione del reddito complessivo e né ai fini del riconoscimento delle prestazioni sociali a sostegno del reddito;

  • l’importo dell’assegno sarà in base al’età dei figli a carico;

  • Assegno unico figli disabili importo più alto e per sempre: per figlie e figli con disabilità non ci saranno limiti di età e l'importo avrà una "maggiorazione tra il 30% ed il 50% e sarà esteso per tutta l'arco della loro vita" sarà riconosciuta una integrazione compensativa dell’importo dell’assegno universale per i figli diretta ad assicurare che lo stesso non risulti in ogni caso inferiore al trattamento complessivo in quello in godimento al nucleo familiare prima dell’entrata in vigore del decreto legislativo di cui al comma 1.

 

Con l'assegno unico, spariscono altri bonus:

Con l'introduzione del nuovo assegno unico 2021 ci sarà al contempo, l'abolizione delle seguenti misure:

  • Fondo di sostegno alla natalità;

fatta eccezione delle detrazioni a carico per il coniuge e dei disabili, vengano quindi sostituite dalla nuova misura universale riconosciuta attraverso i nuovi assegni familiari per chi ha almeno 1 figlio a carico fino a 21 anni.

 

La misura intera dell'assegno spetterà in funzione del reddito ISEE della famiglia beneficiaria che dovrà rientrare in determinate soglie Isee che verranno fissate dal Governo, con l'apposito decreto.

 

Possibilità di aumentare l'importo dell'assegno, in base al numero dei figli e in caso di disabilità.

 

Bonus figlio a carico chi spetta? Requisiti:

A chi spetta il bonus figlio a carico? Secondo le prime indicazioni, i requisiti per avere diritto al nuovo assegno unico, sono:

 

1) Avere uno o più figli a carico: secondo la legge italiana per essere considerati figli a carico dei genitori, il reddito del figlio non deve superare i 4.000 euro fino a 24 anni e a 2.840,51 euro annui, al lordo degli oneri deducibili, oltre.

 

Per cui i figli possono essere considerati a carico, a prescindere dalla loro età, dal tipo di studi, dal tirocinio o dal fatto che conviva con i genitori o abiti all’estero o in un'altra casa.

 

Nel limite di 2.840,51 euro o 4mila euro a seconda dell'età deil figlio o dei figli, devono essere considerati solo i redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo IRPEF, soggetto a tassazione ordinaria, con esclusione di quelli esenti come i redditi soggetti a tassazione separata, di quelli assoggettati a ritenuta a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva come per esempio la cedolare secca sugli affitti.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA