Cuneo fiscale 2020 taglio in Manovra: a chi spetta bonus vacanza?

«Taglio cuneo fiscale in Manovra 2020 con bonus 500 euro in busta paga per redditi fino a 26.000 euro cos'è e come funziona, a chi spetta e da quando parte?»

Cuneo fiscale 2020 taglio in Manovra: cosa cambia sugli stipendi? Il taglio del cuneo fiscale è questo il primo punto che il M5s-Pd ha in serbo per circa 11 milioni di lavoratori italiani.

 

Il piano M5s-Pd, potrebbe prevedere la volontà di assorbire le varie detrazioni fiscali, compreso il bonus Renzi di 80 euro e di agire sui lavoratori che rientrano in quelle fasce di reddito che fino ad oggi ne sono rimaste escluse, ovvero gli incapienti sotto gli 8000 euro.

 

Il nuovo bonus cuneo fiscale, sarà presente già nella Legge di bilancio 2020 e spetterà a partire dal mese di luglio 2020, ai lavoratori con redditi fino a 26.000 euro, per poi aumentare importo e platea dal 2021.

 

In base alle ultime novità in Manovra 2020 le risorse messe dal governo al taglio del cuneo fiscale sono arrivate a 3 miliardi di euro, per cui c'è la possibilità che il "bonus vacanza 2020" chiamato così perché arriverà da luglio 2020, possa venire esteso ai redditi fino a 35.000 euro. 

 

Taglio cuneo fiscale bonus 40 euro sullo stipendio:

Cuneo fiscale 2020: con la formazione del nuovo governo giallorosso sotto la guida del Premier Giuseppe Conte, è ormai certo che la Legge di Bilancio sarà scritta dal M5s e Pd.

 

Le forze che compongono la nuova maggioranza, M5S e Pd, stanno al momento lavorando sul programma di governo Conte Bis e sulla squadra dei vice ministri e sottosegretari che comporranno l'esecutivo giallorosso.

 

Ed è dal punto di vista del programma fiscale M5s Pd che oggi si parla della possibile introduzione di un Bonus 500 euro per 11 milioni di lavoratori, ovvero per i redditi fino a 26.000 euro.

 

 

Con l'approvazione del DEF, è ormai sicuro che il prossimo anno ci sarà il taglio del cuneo fiscale 2020 a vantaggio della busta paga di 11 milioni di lavoratori con redditi medio-bassi.

 

Secondo le ultimissime notizie il bonus 500 euro taglio cuneo fiscale 2020 potrebbe essere pagato in busta paga nel mese di luglio, uno stipendio in più che equivarebbe a ricevere una sorta di quattordicesima proprio in corrispondenza delle vacanze, oppure, al mese per 40 euro circa.

 

Cuneo fiscale 2020 bonus 500 euro a chi spetta?

A chi spetta il Bonus 500 euro cuneo fiscale? Il nuovo bonus 500 da inserire già nella Manovra economica 2020, spetta nel 2020 solo ai lavoratori con redditi fino al 26.000 euro.

 

Dal 2021 in poi, dovrebbe essere poi esteso a:

  • incapienti sotto gli 8000 euro, per i quali scatterebbe il credito d'imposta;

  • lavoratori con redditi tra i 26.600 e i 35mila euro lordi.

  • lavoratori con redditi fino a 55mila euro, ai quali si applicherebbe il bonus decrescente.

 

Cuneo fiscale bonus 500 euro in Manovra: cosa cambia sugli stipendi?

Bonus 500 euro all'anno o bonus da 40 euro al mese per 11 milioni di lavoratori grazie al taglio del cuneo fiscale 2020 e del bonus Renzi, ecco cosa prevede il piano fiscale M5s-Pd che fa parte della nuova Manovra 2020.

 

Prevista quindi la possibilità di assorbire le detrazioni fiscali ed il bonus Renzi di 80 euro, in modo da ricavare risorse da mettere poi nella riduzione del cuneo fiscale

 

Questo taglio del cuneo fiscale in versione giallorossa andrebbe però solo a vantaggio dei lavoratori che otterrebbero un aumento degli stipendi di 500 euro all'anno o di 40 euro al mese senza però mentre la riduzione del costo del lavoro richiesta a gran voce dalle imprese, perché sono loro a pagare i dipendenti, sarebbe ancora rimandata.

 

Tra le altre ipotesi che potrebbe finire nel programma del governo Conte bis c'è anche il famoso salario minimo, cavallo di battaglia dei Cinque stelle che prevede il pagamento da parte dell'impresa di 9 euro all'ora fissate per legge. 

 

Bonus 500 Cuneo fiscale in busta paga: da quando parte?

Da quando parte il bonus 500 cuneo fiscale in busta paga: dal momento che le risorse da mettere in Manovra 2020 sono quello che sono, il taglio del cuneo non partirà a gennaio ma qualche mese dopo, forse a maggio o a luglio.

 

Ciò è dovuto dal fatto trovare i 5 miliardi necessari per garantire il bonus 500 euro l’anno ai dipendenti che hanno un reddito annuo al di sotto dei 26 mila euro lordi, sembra al quanto difficile.

 

Dal 2021, invece, il bonus sarà valido tutto l’anno.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA