I bonus casa 2021

Bonus mobili ed elettrodomestici 2021, proroga in Legge di Bilancio

Proroga Bonus mobili ed elettrodomestici 2021 in legge di Bilancio, cos'è come funziona, requisiti e condizioni per beneficiare detrazione 50% spese

23 novembre 2020 07:43
Bonus mobili ed elettrodomestici 2021, proroga in Legge di Bilancio

Bonus elettrodomestici e mobili 2021 prorogato in Legge di Bilancio: la novità della proroga è arrivata con il Documento Programmatico di Bilancio, in cui è previsto il rinnovo per tutto il prossimo anno del pacchetto bonus casa 2021: dal bonus facciate all'Ecobonus, dal bonus mobili al bonus verde, dal sismabonus al bonus tende, bonus infissi, bonus caldaia e condizionatori.

 

I requisiti, la percentuale di detrazione, le condizioni, le modalità di pagamento delle spese rimangono invariate rispetto a quest'anno, a meno che di ulteriori novità nella Legge di Bilancio 2021.

 

Proroga bonus casa in Legge di Bilancio 2021:

La proroga di 1 anno non è solo per il bonus mobili ed elettromestici ma per tutto il pacchetto degli sconti dedicati ai lavori in casa fino al 31 dicembre 2021:

  • Bonus ristrutturazioni: detrazione del 50% per una massimo di spesa pari a 96.000 euro, da suddividere in 10 quote annuali di pari importo estesa anche ad altri tipi di intervento. Per le spese 2020/2021 possibilità di cessione o sconto in fattura.

  • bonus verde, con detrazione al 36% per la riqualificazione urbana con interventi agevolabili per i privati e condomini per terrazzi, balconi e giardini e per chi finanzia lavori per il verde pubblico.

  • Ecobonus: detrazione o sconto pari al 65% o 50% per tutti coloro che effettuano interventi di risparmio energetico, per un massimo di spesa pari a 100 mila euro da suddividere sempre in 10 anni. Per le spese 2020/2021 possibilità di cessione o sconto in fattura.

  • Bonus mobili: agevolazione che prevede una detrazione pari al 50% per le spese sostenute per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici, sarà riconfermata per il 2021.

  • Sismabonus: detrazione fino all’85% per chi effettua interventi su tutto l’edifico di risparmio energetico o di adeguamento sismico con il cd. sismabonus. Per il sismabonus, si parla anche di una possibile estesione dell'agevolazione ai capannoni e alle imprese. Per le spese 2020/2021 possibilità di cessione o sconto in fattura.

  • Bonus unico condomini: solo per i lavori di riqualificazione energetica condominiali, sismabonus + ecobonus, con detrazione spese all'80% o 85%, a seconda del grado di riduzione del rischio raggiunto con gli interventi stessi.

  • Bonus tende da sole e bonus tende da interni: detrazione IRPEF pari al 50%. Per le spese 2020/2021 possibilità di cessione o sconto in fattura.

  • Bonus finestre ed infissi: agevolabile sia con l'Ecobonus che con il bonus ristrutturazioni. In entrambi i casi la detrazione o lo sconto delle spese è al 50%. Per le spese 2020/2021 possibilità di cessione o sconto in fattura.

Per maggiori informazioni leggi la nostra guida su Legge di Bilancio 2021 proroga bonus facciate, ristrutturazioni, Ecobonus.

 

Bonus mobili ed elettrodomestici 2021 cos’è?

Che cos'è il bonus elettrodomestici e mobili 2021? È una detrazione Irpef che spetta a chi acquista mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A o superiore per i forni e lavasciuga), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

 

La detrazione va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro, comprensivo delle eventuali spese di trasporto e montaggio, e deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo. Il pagamento va effettuato con bonifico o carta di debito o credito.

 

Bonus mobili ed elettrodomestici 2021 come funzionan e requisiti:

Come funziona il bonus: ecco i requisiti bonus mobili ed elettrodomestici 2021 per fuire dell'agevolazione fiscale:

 

1) Il Bonus arredi è concesso SOLO a chi ha eseguito lavori di ristrutturazione edile rientranti tra quelli agevolabili dal bonus ristrutturazioni;

 

2) Per beneficiare del bonus, i lavori di ristrutturazione dell'immobile devono essere iniziati a partire dal 2020 in poi;

 

3) Il bonus elettrodomestici spetta solo se l'acquisto è rivolto ad elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni) e apparecchiature con etichetta energetica.

 

4) Il Bonus mobili è richiedibile da tutti i contribuenti residenti in Italia o all’estero purché assoggettati all’Irpef o dai titolari di società con reddito sottoposto alla tassazione Ires.

 

5) Si ha diritto alla detrazione 50% sui mobili, anche in presenza di un compromesso o contratto preliminare qualora regolarmente registrato.

 

Per informazioni su come pagare gli arredi, vedi: causale bonifico bonus mobili ed elettrodomestici e spese trasporto e montaggio bonus mobili.

 

6) Il bonus mobili ed elettrodomestici 2021 può essere richiesto per un importo massimo di 10.000 euro di spesa. Le agevolazioni fiscali pari al 50% del costo sostenuto, sono da ripartire in dieci rate di pari importo da inserire nella dichiarazione dei redditi tramite modello 730 o modello Unico.

 

 Bonus mobili ed elettrodomestici 2021: quali spese rientrano?

Bonus mobili, pertanto, riguarda Mobili e Arredamento:

  • letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie;

  • tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze;

  • materassi, apparecchi di illuminazione. 

Il bonus non spetta per l’acquisto di porte, pavimentazioni (per esempio, il parquet), tende e tendaggi, altri complementi di arredo.

 

Bonus acquisto elettrodomestici:

  • Frigorifero: uguale o superiore alla classe energetica A+;

     

  • Lavatrice: uguale o superiore alla classe energetica A+;

     

  • Lavastoviglie: uguale o superiore alla classe energetica A+;

  • Forno: di classe energetica A.

 

Bonus mobili ed elettrodomestici 2021 a chi spetta:

Chi ha diritto al Bonus mobili ed elettrodomestici 2021? I contribuenti che possono beneficiare del bonus sono tutti coloro che sono assoggettati all'IRPEF o IRES, nello specifico:

  • Proprietari di Immobili;

  • Usufruttuari;

  • Nuda proprietà;

  • Chi è in affitto;

  • Comodato d’uso;

  • Soci di cooperative;

  • Imprenditori individuali, a patto che l’immobile non sia ad uso strumentale;

  • Società semplici, in nome collettivo, in accomandata semplice e soggetti equiparati, imprese familiari sempre se l'immobile non sia ad uso strumentale.

Il bonus mobili ed elettrodomestici spetta anche al coniuge, i parenti entro il III° grado e gli affini entro il II° grado qualora conviventi con il proprietario o con chi possiede il diritto sull'immobile oggetto della detrazione.

 

Nel caso in cui sia presente un contratto preliminare, il bonus spetta anche se i lavori sono eseguiti a proprio carico o se è stato registrato il compromesso.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA