Bonus tv 2019: a chi spetta, come richiederlo, importo, requisiti ISEE

«Bonus tv 2019 a chi spetta, requisiti Isee, quando e come richiederlo, domanda del buono da 50 euro per l'acquisto tv con nuovo digitale terrestre DVBT-2»

Bonus tv 2019: il Mise, Ministero dello Sviluppo Economico dopo aver attivato la consultazione pubblica delle linee guida circa l’erogazione di contributi a favore dei cittadini per l'acquisto di apparecchiature televisive in grado di ricevere le trasmissione di programmi nella nuova tecnologia DVBT-2, ha confermato che il via alle domande per richiedere il bonus sarà dal mese di dicembre.

 

Gli incentivi acquisto televisori e decoder del Mise che rientrano nel processo di trasformazione digitale del settore TV, sono finalizzati a supportare il passaggio dallo standard DVB-T a quello DVBT-2, mediante lo stanziamento di 151 milioni di euro come previsto dalla legge di Bilancio 2019.

 

I contributi bonus tv per i cittadini saranno erogati dal mese di dicembre e fino al 2022, anno in cui si concluderà il processo di transizione alle reti digitali terrestri in DVBT-2, e sarà riconosciuto sotto forma di sconto praticato dal venditore dell’apparecchio sul relativo prezzo di vendita a fronte della dimostrazione del possesso dei requisiti di reddito ISEE previsti dalla legge, attraverso un'autodichiarazione.

 

Gli utenti beneficiari del bonus tv 2019/2002 sono i cittadini con reddito ISEE fascia 1 e fascia 2.

 

Secondo quanto confermato dal Mise, il via alla domanda bonus smart tv e decoder con i buoni, sarà a partire dal mese di dicembre.

 

Bonus tv 2019 a chi spetta? Requisiti ISEE:

Bonus tv 2019 a chi spetta? Ecco i requisiti necessari per avere diritto al bonus tv:

Secondo quanto comunicato dal Mise sul sito ufficiale, è stata attivata la consultazione pubblica per le linee guida ai contributi per l’acquisto di nuovi televisori e digitale terrestre abilitati a ricevere i programmi del nuovo DVBT-2 che dal 2022 sostituirà la vecchia tecnologia.

 

In base a tale bozza di linee guida del Mise, i beneficiari del bonus tv e decoder, ossia il buono acquisto smart tv e decoder 2019/2022 messo a disposizione dal Mise, sono i cittadini in possesso dei seguenti requisiti ISEE e condizioni di accesso:

 

Chi può richiedere il Bonus Tv 2019.

 

  • Residenti in Italia;

  • ISEE fino a 20.000 euro.

  • Il contributo sarà riconosciuto per nucleo familiare: solo un utente per nucleo potrà riceverlo per l’acquisto di un solo apparecchio, nell’arco temporale compreso tra il dicembre 2019 e il 31 dicembre 2022, o comunque fino all’esaurimento delle risorse stanziate. 

  • Il buono acquisto sul prezzo di vendita previsto con il bonus tv è pari a 50 euro a nucleo familiare e per 1 solo apparecchio.

  • la durata del bonus tv e decoder è fino al 31 dicembre 2022.

  • Lo sconto sarà applicato indipendentemente dal tipo di televisione o decoder acquistato, per cui anche su smart tv.

 

Cos'è e come funziona il bonus tv 2019?

Bonus tv e decoder 2019 cos'è e come funziona: Il nuovo bonus tv 2019 -2022 che sta per essere introdotto dal Mise, è un buono sconto sul prezzo di acquisto di un nuovo televisore o decoder dotato di tecnologia DVBT-2.

 

A seguito infatti della liberazione delle frequenze in banda 700 MHz, a favore dello sviluppo del 5G, il legislatore italiano con la legge di Bilancio 2019, ha previsto di supportare, attraverso contributi economici, i consumatore nel passaggio dal vecchio digitale terrestre al nuovo con lo stanziamento complessivo di 151 milioni di euro da erogarsi negli anni 2019-2022. 

 

A tal fine, il Ministero dello sviluppo economico, di concerto con il Ministero dell'economia e delle finanze, provvederà ad emanare un apposito decreto volto a definire ii requisiti soggettivi ed oggettivi di accesso ai contributi bonus tv e decoder, gli adempimenti per i soggetti coinvolti, come e quando fare la domanda di incentivo.

 

Il bonus acquisto smart tv e decoder è riconosciuto sotto forma di sconto praticato dal venditore dell’apparecchio sul relativo prezzo di vendita, per un importo pari a 50 euro o pari al prezzo di vendita se inferiore.

 

Lo sconto sarà applicato sul prezzo finale di vendita comprensivo IVA.

 

Il contributo di 50 euro può essere richiesto presso i venditori al dettaglio, ivi inclusi quelli del commercio elettronico operanti in Italia, che effettueranno la registrazione presso il servizio telematico dell'Agenzia delle entrate, secondo le modalità che saranno indicate anche nel sito del Mise.

 

Bonus tv 2019 come richiederlo da dicembre:

Bonus tv 2019 come richiederlo da dicembre? 

Per richiedere il buono di acquisto smart tv o decoder, il beneficiario dovrà presentare al venditore un'apposita domanda, contenente la dichiarazione sostitutiva, ossia un'autocertificazione in cui dichiara sotto la propria responsabilità che il nucleo familiare di cui fa parte rientra nella fascia di reddito ISEE indicata nel decreto e che i componenti dello stesso nucleo non abbiano già fruito del contributo. 

 

Bonus tv e e decoder domanda per venditori:

I venditori al dettaglio anche online, per poter riconoscere lo sconto di 50 euro, dovranno invece registrarsi presso il servizio telematico messo a disposizione dall’Agenzia delle entrate, indicando i seguenti dati:

  • codice fiscale del venditore; 

  • codice fiscale dell’utente finale ed estremi del suo documento d’identità; 

  • dati identificativi dell’apparecchio; 

  • prezzo finale di vendita, comprensivo dell’imposta sul valore aggiunto; 

  • ammontare dello sconto da applicare, per un massimo di 50 euro o pari al prezzo qualora inferiore.

 

Per ogni comunicazione ricevuta, il servizio telematico provvederà a verificare in tempo reale: 

  • la corrispondenza dell’apparecchio ad uno dei codici identificativi di apparecchi che soddisfano le caratteristiche tecniche previste; 

  • che l’utente richiedente non abbia già fruito del contributo; 

  • se ci sono ancora risorse finanziarie per erogare il contributo.

  • comunicazione immediata della disponibilità dello sconto richiesto in modo da applicarlo sul momento-

 

Il venditore per recuperare lo sconto di 50 euro applicato all’utente finale sul prezzo di vendita della televisione o decoder, potrà farlo attraverso un credito d’imposta, da indicare nella dichiarazione dei redditi, utilizzabile esclusivamente in compensazione.

 

Tale credito d’imposta non concorrerà alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini IRAP e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del Testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917. 

 

Al credito d’imposta non si applicano neanche i limiti di cui all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e all’articolo 34, comma 1, della legge 23 dicembre 2000, n. 388. 

 

Bonus tv 2019 importo da 50 euro: per quali tv e docoder?

Il bonus tv 2019/2022 spetta per tutti gli apparecchi atti a ricevere programmi e servizi radiotelevisivi, dotati in caso di decoder anche di presa o di convertitore idonei ai collegamenti alla presa SCART dei televisori, attraverso interfacce di programmi (API) aperte, a prescindere dalla piattaforma tecnologica scelta dal consumatore, sia essa terrestre, satellitare e, ove disponibile, via cavo.

 

Gli apparecchi da utilizzare per il digitale terrestre, dovranno incorporare la tecnologia DVB-T2 HEVC, main 10, di cui alla raccomandazione ITU-T H.265, almeno nella versione approvata il 22 dicembre 2016. 

 

Il buono è valido per l’acquisto di una smart tv di nuova generazione.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA