Decreto Cura Italia: bonus partite Iva CIG, congedo voucher, legge 104

Decreto cura Italia testo in Gazzetta Ufficiale mutuo scadenze fiscali tasse CIGS e CIGD, congedo e voucher, RdC legge 104 SSN, bonus 600 euro Partite IVA

Decreto Cura Italia 2020: è stato approvato, firmato dal presidente Mattarella e pubblicato in Gazzetta Ufficiale. In vigore il testo definitivo del nuovo decreto Economico per il sostegno all’economia italiana.

 

Il DL n.18 del del 17 marzo 2020 - "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.70 del 17 marzo e soprannominato "Cura Italia", è in vigore

 

Nel decreto per le misure di sostegno all'economia ci sarà, ha detto la Castelli anche "una parte fiscale molto importante di sospensione di pagamenti, pagamento di ritenute, contributi" per tutta l'Italia. 

 

Ma cosa prevede il testo del nuovo decreto economico, il secondo decreto Economico approvato dal governo Conte e pubblicato in Gazzetta Ufficiale:

 

Riassumendo:

  • sospensione delle scadenze fiscali a partire da quella del 16 marzo,

  • aiuti per l'affitto,

  • congedo parentale straordinario,

  • Bonus baby sitter.

  • quarentena è equiparata alla malattia.

Ecco invece cosa ha previsto il primo decreto Coronavirus economia e cosa prevederà il nuovo decreto di aprile 2020.

 

Decreto Cura Italia testo in Gazzetta Ufficiale: ecco cosa prevede

Decreto Cura Italia testo pubblicato in Gazzetta Ufficialeecco le misure economiche e di aiuto al SSN che il Governo ha inserito nel testo definitivo:

  • Aiuto al SSN con reparti temporanei e medici militari: interviene a supporto del servizio sanitario nazionale, ci sarà la possibilità di aprire reparti temporanei all'interno o all'esterno delle strutture ospedaliere, e 320 tra medici e infermieri militari. Aumento dei servizi territoriali e più fondi per gli straordinari dei medici. 

  • Protezione civile potrà requisire strumenti medici, hotel, immobili: in base a quanto previsto dalla bozza del decreto, in caso di necessità la Protezione Civile fino al 31 luglio o fino a fine emergenza, potrà requisire strumenti medici o chirurgici e anche in via temporanea hotel, alberghi o altri immobili per aumentare i posti letto per far fronte all'emergenza. 

  • Incentivi per chi produce mascherine: al fine di "assicurare la produzione e la fornitura di dispositivi medici e di protezione individuale, ai valori di mercato al 31 dicembre 2019, Invitalia è autorizzata a erogare finanziamenti mediante contributi a fondo perduto e in conto gestione, nonché finanziamenti agevolati, alle imprese produttrici". I dispositivi andranno con priorità ai medici e agli operatori sanitari. 

  • La Quarantena è malattia: con il nuovo decreto i periodi di quarantena saranno equiparati alla malattia, certificata dal medico curante. In questo modo i costi diventato a carico dello Stato.

 

Decreto Cura Italia Famiglie: dal 5 marzo è possibile utilizzare il congedo parentale per dipendenti pubblici e privati e voucher babysitter per dipendenti o autonomi, con figli piccoli a casa da scuola:

  • congedo parentale straordinario di 15 giorni fino a 12 anni al 50% della retribuzione;

     

  • congedo parentale di 15 giorni tra 12 e 16 anni ma senza retribuzione.

     

  • voucher babysitter da 600 euro e da 1000 euro per le famiglie monogenitoriali e per sanitari e ricercatori.

     

Reddito di cittadinanza:
Il decreto prevede la sospensione per 2 mesi per i beneficiari del Reddito di cittadinanza degli obblighi derivanti dal sussidio, per cui sospensione di colloqui di lavoro, offerte di impiego da accettare obbligatoriamente e prestare lavoro presso le amministrazioni pubbliche.

 

Legge 104:
Il decreto prevede che per i mesi di marzo e di aprile chi ha diritto ai permessi della legge 104 per assistere i propri familiari, potrà usufruire di 12 giorni invece degli attuali 3 giorni di congedo. Estensione a 12 giorni permessi legge 104 complessivi per i mesi di marzo e aprile. "Tali giorni, anche frazionabili in ore, possono essere fruiti consecutivamente nello stesso mese".

 

Fondo per il reddito di ultima istanza:
Il decreto prevede un fondo da 200 milioni di euro per il reddito di ultima istanza. Potranno accedere al sussidio i lavoratori dipendenti e autonomi messi in difficoltà dall'emergenza coronavirus a patto che nel 2019 abbiano dichiarato redditi fino a 10 mila euro.

 

Lavoratori domestici:
Per i lavoratori domestici viene sospeso il pagamento dei contributi dovuti tra il 23 febbraio e il 31 maggio di quest'anno. La scadenza viene spostata al 10 giugno.

 

Bonus 100 euro lavoratori:

Ai titolari di redditi di lavoro dipendente che possiedono un reddito complessivo di importo non superiore a 40.000 euro spetta un premio, per il mese di marzo 2020, che non concorre alla formazione del reddito, pari a 100 euro da rapportare al numero di giorni di lavoro svolti nella propria sede di lavoro nel predetto mese. Per maggiori informazioni, leggi il nostro nuovo articolo bonus 100 euro decreto Cura Italia.

 

Decreto Cura Italia rinvii in fase di proposta:

  • 3 mesi in più per fare la revisione auto

  • proroga al 31 agosto la validità dei documenti di identità

  • lauree: l'ultima sessione del 2019 slitterà fino a giugno di quest'anno.

  • Rc auto e moto decreto Cura Italia, scadenza validità a 30 giorni.

 

Decreto Cura Italia Cassa Integrazione:

  • Cassa integrazione ordinaria con procedura semplificata;

     

  • Cassa integrazione in deroga per 9 settimane estesa a tutti i lavoratori dipendenti, anche agricoli, non coperti dalla cig ordinaria e non tutelati da Fondi di solidarietà. Quest'ultima misura, ancora in via di definizione, varrebbe per la durata dello stop lavorativo e non più di nove settimane.

     

  • Previsto un rafforzamento del fondo di integrazione salariale.

 

Decreto Cura Italia partite Iva, bonus da 600 euro:

Decreto Cura Italia Partite IVA: previsto nel Dl un bonus autonomi e partite Iva di 600 europer il mese di marzo con domande a partire dal 1° aprile anche con Pin semplificato Inps.

 

Il bonus 600 euro spetta a:

  • lavoratori autonomi;

  • professionisti con Partita IVA;

  • lavoratori co.co.co.;

  • stagionali;

  • lavoratori del turismo e delle terme;

  • lavoratori del settore agricolo;

  • lavoratori dello spettacolo con reddito inferiore a 50.000 euro.

L'indennità di 600 euro che non concorre alla formazione del reddito, dovrà essere richiesta tramite INPS che è anche l'ente preposto alla sua erogazione e monitoreggio della spesa.

 

Come da articolo 49 del  DL n.18 del del 17 marzo 2020 - "Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.70 del 17 marzo, è garantita l'indennità anche ai lavoratori con Casse previdenziali professionali (dai geologi agli architetti, dai medici ai giornalisti) grazie al Fondo di ultima istanza.

 

Decreto Cura Italia sospensione pagamenti, ritenute e contributi:

Decreto Cura Italia sospensione tasse, mutui, pagamenti ritenute e contributi: arrivati con il decreto 16 marzo per tutto il territorio nazionale, Importanti novità fiscali grazie al nuovo decreto-legge a sostegno dell’economia fortemente colpita e messa a terra dal Coronavirus.

 

Il MEF nei giorni precedenti all’approvazione del decreto Cura Italia, aveva già anticipato che la scadenza fiscale del 16 marzo sarebb stata rinviata.


Ecco le sospensioni e proroghe versamenti previste dal decreto Cura Italia che cambia di fatto il calendario fiscale 2020:

  • Sospensione, senza limiti di fatturato, per i settori più colpiti, dei versamenti delle ritenute, dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria per i mesi di marzo e aprile, insieme al versamento Iva di marzo. I settori interessati sono: turistico-alberghiero, termale, trasporti passeggeri, ristorazione e bar, cultura (cinema, teatri), sport, istruzione, parchi divertimento, eventi (fiere/convegni), sale giochi e centri scommesse;

  • sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi per contribuenti con fatturato fino a 2 milioni di euro (versamenti IVA, ritenute e contributi di marzo);

  • differimento scadenze per gli operatori economici ai quali non si applica la sospensione, il termine per i versamenti dovuti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, inclusi quelli relativi ai contributi previdenziali ed assistenziali ed ai premi per l’assicurazione obbligatoria, dal 16 marzo viene posticipato al 20 marzo;

  • disapplicazione della ritenuta d’acconto per professionisti senza dipendenti, con ricavi o compensi non superiori a euro 400.000 nel periodo di imposta precedente, sulle fatture di marzo e aprile;

  • sospensione sino al 31 maggio 2020 dei termini relativi alle attività di liquidazione, di controllo, di accertamento, di riscossione e di contenzioso, da parte degli uffici dell’ Agenzia delle entrate;

  • sospensione dei termini per la riscossione di cartelle esattoriali, per saldo e stralcio e per rottamazione-ter, sospensione dell’invio nuove cartelle e sospensione degli atti esecutivi;

  • sospensione fino al 31 maggio 2020 dei versamenti dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali per le associazioni e società sportive, professionistiche e dilettantistiche, che operano sull’intero territorio nazionale;

 

Decreto Cura Italia, Cassa integrazione come funziona:

Nel decreto Cura Italia ecco come funziona la Cassa integrazione:

  • cassa integrazione in deroga per 9 settimane viene estesa all’intero territorio nazionale, a tutti i dipendenti, di tutti i settori produttivi. I datori di lavoro, comprese le aziende con meno di 5 dipendenti, che sospendono o riducono l’attività a seguito dell’emergenza epidemiologica, possono ricorrere alla cassa integrazione guadagni in deroga con la nuova causale “COVID-19” per la durata massima di 9 settimane. Tale possibilità viene estesa anche alle imprese che già beneficiano della cassa integrazione straordinaria;

  • Assegno ordinario con causale “emergenza COVID-19” viene esteso anche ai lavoratori dipendenti presso datori di lavoro iscritti al Fondo di integrazione salariale (FIS) che occupano mediamente più di 5 dipendenti.

 

Decreto Cura Italia famiglie: congedo o bonus baby sitter

Decreto Cura Italia famiglie: congedo straordinario e bonus baby sitter: la viceministra all'Economia Laura Castelli, ha anticipato anche le misure per le famiglie:

 

Congedo straordinario dipendenti e autonomi: secondo le ultime notizie pare che:

  • il congedo sarà della durata di 12 giorni ma potrebbero aumentare nel caso in cui la chisura delle scuole, ora portata al 3 aprile, dovesse prolungarsi.

  • Per chi opta per il congedo parentale avrà garantita una retribuzione del 50% della paga prevista per il giorno lavorativo pieno.

 

Bonus baby sitter 2020 lavoratori dipendenti:

  • Il voucher baby sitter potrà essere utilizzato solo per pagare la baby sitter regolarmente assunta.

Per il congedo strordinario e voucher baby sitter, il Governo, stanzierà circa 700 milioni di euro.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA