Decreto Semplificazioni 2020: cosa prevede il testo, ultime notizie

Decreto Semplificazioni 2020 cos'è e cosa prevede il testo, quali sono le novità semplificare, velocizzare sbloccare cantieri e investimenti, Codice Appalti

18 maggio 2020 15:03
Decreto Semplificazioni 2020: cosa prevede il testo, ultime notizie

Decreto Semplificazioni 2020 è in arrivo, ad annunciarlo lo stesso premier Conte sabato sera durante la conferenza stampa, fatta per comunicare la firma sul nuovo DPCM riaperture Fase 2 dal 18 maggio.

 

«Stiamo lavorando sul decreto semplificazioni, con l’obiettivo di rendere più rapidi e trasparenti processi amministrativi, ha dichiarato il premier Conte, aggiungendo che l’obiettivo è»accelerare la ripresa economia e sociale".

 

“Nel decreto Rilancio abbiamo già semplificato qualche processo. La semplificazione della burocrazia è molto difficile da fare, occorre superare le resistenze”.

 

Vediamo quindi in dettaglio il decreto Semplificazioni 2020 cos’è, cosa prevede il testo e tutte le novità.

 

Decreto Semplificazioni 2020 cos’è?

Che cos’è il decreto Semplificazioni 2020? 

  • Il decreto Semplificazioni è un disegno di legge che prevede una serie di “facilitazioni” ed interventi di semplificazione che possono riguardare diverse tematiche.

  • Infatti, nel nuovo decreto Semplificazioni 2020 presentato a sorpresa dal governo Conte ci sono diverse ed importanti novità che riguardano i cantieri, gli investimeni, il codice appalti.

Andiamo quindi a vedere cosa prevede il testo decreto Semplificazioni 2020.

 

Decreto Semplificazioni 2020 cosa prevede il testo:

Il nuovo Decreto Semplificazioni 2020, arriverà a breve il nuovo decreto sulle semplificazioni che conterrà in primis le semplificazioni sui cantieri.

 

Entro 15 giorni quindi arriverà un decreto ad hoc da pubblicare subito in Gazzetta ufficiale. Al momento è in corso di elaborazione da parte ministero delle Infrastrutture, guidato da Paola De Micheli, un doppio pacchetto il primo contente modifiche al Codice degli appalti ed il secondo da allegare al Documento di economia e finanza: 200 miliardi in 15 anni per sbloccare i cantieri e 12 commissari per accelerare la realizzazione di 25 opere pubbliche strategiche. 

 

Anche se con modalità diverse tra 5 stelle e i renziani, tutta la Maggioranza converge sulla necessità di mettere in campo un decreto in grado di liberare investimenti, sbloccare immediatamente cantieri e azzerare la burocrazia. 

 

Decreto Semplificazioni 2020 cosa prevede il testo:

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti sta lavorando al primo pacchetto del decreto che contiene alcune delle voci del Codice degli appalti che devono essere riviste, come:

  • verifica di anomalie dell’offerta;

  • appalto integrato, 

  • criterio del minor prezzo, 

  • quantificazione delle stazioni appaltanti. 

 

Modifiche come hanno l’obiettivo di semplificare, velocizzare e sbloccare i cantieri e gli investimenti e quindi l’economia del Paese. Tutto questo però non va preso come una sospensione del Codice ma come una ottimizzazione per renderlo più efficiente. 

 

Nel decreto Semplificazioni anche la questione FCA che ha chiesto aiuti di Stato:

Riguardo a Fca e decreto Semplificazioni il presidente del Consiglio Conte ha detto “Se Fca beneficia dei finanziamenti significa che rientra nelle disposizioni del decreto. È vero, la capogruppo risiede all’estero. Però le fabbriche e i lavoratori producono in Italia”.

“Il tema - ha aggiunto Conte – lo affronteremo più specificamente nel decreto Semplificazioni. Vogliamo rendere il nostro Paese maggiormente attrattivo per le aziende, anche dal punto di vista fiscale”.

 

Il secondo pacchetto di cui parlavamo poc’anzi invece sarà un’allegato Infrastrutture al Def 2020 che prevede un piano da 200 miliardi, da spalmare in 15 anni, per sbloccare tutti i cantieri, compresi i lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. 

 

Il numero dei commissari sarà contingentato: 12 per 25 opere per quelle più difficili da chiudere.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA