Assegno unico famiglia: accordo in Legge della Bilancio 2020, novità

«Assegno unico famiglia per figlio a carico da 240 euro fino a 18 anni e da 80 euro fino a 26 anni, a chi spetta quando, quanto spetta importo come funziona»

Assegno unico famiglia per figli a carico, trovato l'accordo in Legge di Bilancio 2020: in base alle ultimissime notizie, il governo Conte 2 ha trovato l'accordo per il nuovo assegno unico quale misura universalistica che mira al riordino di tutte le agevolazioni fiscali che oggi spettano alle famiglie che hanno almeno un figlio a carico.

 

Il nuovo assegno unico figli a carico, in base alle prime indicazioni, prevede la sostituzione degli attuali aiuti con dei nuovi assegni familiari, ossia, un assegno unico per ogni figlio a carico dall'importo variabile in funzione dell'età del figlio.

 

Vediamo quindi nel dettaglio, cos'è l'assegno unico per famiglie con figli a carico come funziona, a chi spetta, quali sono i requisiti richiesti e gli importi bonus nella misura intera o parziale.

 

Ricordiamo che l'assegno figli a carico non è ancora richiedibile essendo una misura al vaglio del governo giallorosso per la Legge di Bilancio 2020, vi ricordiamo però che da quest'anno è stato introdotto il nuovo limite di reddito figli a carico.

 

Assegno unico famiglia cos'è?

Cos'è l'Assegno unico famiglia? Il nuovo assegno unico è una nuova misura a favore delle famiglie con almeno 1 figlio a carico, sui cui il governo giallorosso sta iniziando a lavorare al fine di poterla inserire in questo testo della legge di Bilancio 2020.

 

In pratica secondo le ultissime novità in Manovra 2020 bonus famiglia sarà creato un maxi fondo per la famiglia in cui confluiranno le risorse del:

  • bonus nascita 2020;

  • bonus bebè 2020;

  • bonus asilo nido 2020;

  • + altre risorse.

 

In seguito a metà 2020 o al massimo entro l'inizio del 2021, entrerà in vigore l'assegno unico per figli a carico.

 

ll nuovo assegno unico famiglia, infatti, è una misura che prevede una proposta rivoluzionaria, quella di azzerare tutte le forme di sostegno alle famiglie che hanno almeno un figlio a carico e sostituirle con una nuova misura uguale per tutti a prescindere dal tipo di lavoro svolto, equa e certa.

 

Insieme al bonus figli a carico è prevista anche l'introduzione di un'altra misura rivolta sempre alle famiglie con figli, quella che prevede l'azzeramento totalmente delle rette per la frequenza di asili nido e micro nidi a partire dall’anno scolastico 2020-2021 e l'ampliamento dell’offerta dei posti disponibili, soprattutto nel Mezzogiorno.

 

Assegno unico famiglia come funziona:

Come funziona l'Assegno unico famiglia:

 

L'assegno unico figli a carico, qualora approvato, prevede per ogni figlio a carico il seguente importo:

 

- Assegno unico figli a carico fino a 400 euro al mese, da 0 a 3 anni, per asili nido e babysitter.

 

- Assegno unico figli a carico da 0 a 18 anni: bonus pari a 240 euro al mese;


- Assegno unico figli a carico da 19 a 26 anni: bonus 80 euro al mese.

 

Sono previste maggiorazioni in misura non inferiore al 40% per ciascun figlio con disabilità ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

 

Prevista anche una dote ridotta per i figli a carico dopo il compimento del 3° anno di età e fino al compimento del 14° anno di età, maggiorata di almeno il 40% per i figli con disabilità.

 

Assegno unico familiare requisiti:

requisiti Assegno unico familiare, devono ancora essere esaminati, comunque dovrebbero essere i seguenti:

  • Avere almeno un figlio a carico di età compresa tra 0 e 26 anni. Per sapere quando un figlio è considerato a carico, leggi il paragrafo successivo.

  • Rientrare in un determinata soglia di reddito, calcolata in riferimento al genitore con il reddito più elevato e progressivamente ridotto, fino all’azzeramento, quando il suddetto reddito supera 100.000 euro annui lordi.

 

Quando un figlio è considerato a carico?

Il figlio è considerato a carico quando, il suo reddito non è superiore a 2.840,51 euro, calcolato tenendo conto anche delle seguenti voci:

  • Reddito dei fabbricati: prodotto dall'applicazione della cedolare secca sulle locazioni.

  • Eventuali retribuzioni erogare da Enti, organismi Internazionali, consolati, Chiesa ecc.

La quota esente dei redditi di lavoro dipendente effettuato presso le zone di frontiera e paesi limitrofi in via continuativa o in rapporto esclusivo del soggetto residente in Italia.

 

Reddito d’impresa o di lavoro autonomo soggetto all'imposta sostitutiva dei contribuenti minimi o del regime per le nuove attività produttive.

 

Nel limite reddito figli a carico, ovvero, 2.840,51 euro, non va calcolato il reddito derivato dalla rendita catastale sugli immobili non affittati assoggettati mentre va calcolato il reddito - rendita catastale abitazione principale e delle relative pertinenze (circolare 1/E del 2008).

 

Dal 2019, il limite di reddito figli a carico detrazioni e agevolazioni aumenta a 4.000 euro, per i figli non più grandi di 24 anni, per gli altri la soglia rimane a 2.840 euro.

 

Assegno unico familiare: quanto spetta?

Quanto spetta alle famiglie con l'assegno unico?

L'importo del bonus figli a carico che spetta alle famiglie con i nuovi assegni familiari figli a carico, è il seguente:

  • Bonus fino a 400 euro al mese: per le famiglie con almeno 1 figlio a carico di età compresa tra 0 a 3 anni, per asili nido e babysitter.

  • bonus 240 euro: per le famiglie con almeno 1 figlio a carico di età compresa tra 0 e 18 anni;

  • bonus 80 euro: per le famiglie con almeno un figlio a carico tra i 19 e i 26 anni.

  • Previste anche maggiorazioni in misura non inferiore al 40% per ciascun figlio con disabilità ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

  • E una dote ridotta per i figli a carico dopo il compimento del 3° anno di età e fino al compimento del 14° anno di età, maggiorata di almeno il 40% per i figli con disabilità.

COPYRIGHT THEITALIANTIMES.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA